Roma: tamponi a tutti i componenti comunità Bangladesh

Dopo un aumento di casi registrato tra persone di ritorno dal Bangladesh la Regione Lazio decide per avviare tamponi su tutta la comunità bengalese sul territorio

Roma: tamponi a tutti i componenti comunità Bangladesh

Tamponi a tutti i componenti della comunità del Bangladesh a Roma. È quanto stabilito dalla Regione Lazio nelle ultimissime ore, in seguito a più di un contagio riportato tra appartenenti alla comunità rientrati in Italia dal Bangladesh.

I controlli partiranno da lunedì 6 luglio, e dalla Pisana è attualmente in valutazione la necessità di istituire la quarantena obbligatoria per tutti quelli che rientrano dal Paese del sud-est asiatico.

L’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha invitato tutti i componenti della comunità bengalese a recarsi “presso il drive-in di via Nicolò Forteguerri, Asl Roma 2, quartiere Prenestino, tra la Prenestina e via Roberto Malatesta”, così da sottoporsi ai controlli.

Roma: tamponi a tutti i componenti comunità Bangladesh

I casi tra bengalesi residenti a Roma sembrano essere aumentati negli ultimi giorni, a partire dal focolaio di Fiumicino, che ha portato alla chiusura di due locali a inizio settimana.

La comunità bengalese è molto presente in Italia, specie a Roma, impegnata in particolare nella gestione di piccole attività commerciali a carattere alimentare.

Nelle ultime 24 ore nel Lazio si sono registrati 11 casi positivi e un decesso, mentre a Roma sette nuovi casi, con un valore Rt che resta comunque in calo.

In tutto il Lazio sono 826 gli attualmente positivi, con un numero complessivo di guariti che segna 6.475 e 840 decessi.
Lo Spallanzani di Roma registra al momento 44 pazienti ricoverati con coronavirus, solo 5 di questi in terapia intensiva.

Argomenti:

Italia Roma Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories