Riunione BCE: tassi fermi, estensione QE e misure anti-coronavirus

Riunione BCE e conferenza stampa, marzo 2020: tutte le decisioni prese

Riunione BCE: tassi fermi, estensione QE e misure anti-coronavirus

La riunione BCE e la conferenza stampa di Lagarde hanno sorpreso l’intero mercato.

Quanti avevano previsto un taglio dei tassi di interesse, considerato necessario alla luce dell’impatto dirompente del coronavirus, si sono dovuti ricredere: l’istituto centrale ha lasciato invariato il costo del denaro ma ha comunicato un incremento del QE e importanti novità dal punto di vista delle imprese.

La grande rilevanza della riunione BCE e della conferenza stampa di Christine Lagarde ha trovato ragion d’essere proprio nell’attesa risposta del Consiglio Direttivo al virus.

Nelle righe seguenti Money.it ha seguito in diretta, tramite aggiornamenti tradotti in tempo reale, l’intervento del presidente, al via alle 14:30.

La conferenza stampa BCE al via: cosa è successo?

Come previsto, quarantacinque minuti dopo la pubblicazione delle decisioni sui tassi, sul QE e sulle misure anti-coronavirus, ha preso il via la conferenza stampa di Lagarde.

I mercati hanno mal digerito alcune dichiarazioni della donna (non siamo qui per ridurre gli spread) e hanno accentuato le perdite.

Qui tutti i momenti più importanti dell’intervento.

15:30 - Fine della conferenza stampa

La BCE ha concluso. Arrivederci al prossimo meeting.

15:26 - Prossimo meeting in via telematica

Il presidente della BCE ha comunicato una (forse inattesa) novità. Se l’emergenza coronavirus non verrà risolta la prossima riunione (qui il calendario completo del 2020) si terrà in via telematica. I membri del consiglio Direttivo dunque non si riuniranno come forma di tutela contro la pandemia.

15:24 - Le riforme

Lagarde spera che il prossimo Eurogruppo si muoverà verso le riforme fiscali richieste.

15:21 - Ancora Italia

La BCE supporterà l’Italia? E se sì in che modo? Il Belpaese potrà sicuramente utilizzare gli strumenti che abbiamo.

15:17 - Di nuovo coronavirus

Lo shock è potente, ma sarà temporaneo se tutti agiranno insieme. Il che significa che l’economia rimbalzerà, ma con delle tempistiche incerte.

15:15 - EURUSD

Il cambio euro dollaro sta continuando ad ascoltare la conferenza stampa in ribasso di oltre l’1% su quota 1,115.

15:10 - L’Italia

L’Italia è stato uno dei Paesi più colpiti e ha bisogno, ma non è la sola, di tutto l’aiuto possibile. Perché non sono stati tagliati i tassi?

Lagarde risponde di nuovo che gli strumenti annunciati sono stati considerati come i più efficienti per far fronte a questa particolare situazione.

15:05 - I mercati

La reazione dei mercati alle decisioni BCE è sembrata negativa: le Borse europee sono crollate più di quanto fatto in mattinata.

Lagarde ha ricordato di nuovo che le decisioni sono state unanimi cosa che ha dimostrato la volontà di risolvere la tensione. Sul fronte mercati ci vuole un po’ di tempo prima che accettino una decisione.

15:01 - Siamo vicini al Reversal Rate?

No, assolutamente no.

15:00 - Un confronto con le altre banche centrali

Lagarde ricorda che la politica monetaria non si basa solo sulle variazioni osservabili sul mercato valutario. Oggi c’è stato un elevato grado di accordo sull’utilizzo delle misure annunciate.

14:56 - Focus su trump

Si chiede a Lagarde un’opinione sul blocco dei voli deciso da Trump e il suo possibile impatto economico. Il presidente BCE risponde che il mandato dell’istituto è la stabilità dei prezzi e che non commenterà decisioni prese fuori dall’Eurozona.

14:53 - Recessione possibile nel 2020?

Ci è chiaro che l’economia mondiale ed europea sta affrontando un grande shock. Le probabilità di recessione dipenderanno dalla velocità, dalla forza e dall’approccio collettivo che sarà preso contro il coronavirus.

14:52 - Come funzionerà il QE

La BCE utilizzerà molta flessibilità.

14:51 - I tassi

Si chiede a Lagarde perché non sono stati tagliati i tassi di interesse a fronte del coronavirus. Il presidente risponde di aver preso una decisione unanime, basata sulla considerazione che gli strumenti utilizzati saranno efficienti.

14:51 - Iniziano le domande

Non ci sono i soliti giornalisti viste le normative sulla pandemia. Alcune domande sono state inviate a distanza.

14:50 - La gratitudine della BCE

Lagarde ringrazia tutti coloro che stanno lavorando per contenere il coronavirus.

14:49 - Monito ai Paesi dell’Eurozona

Misure fiscali e di politica monetaria sono necessarie. Bisogna fare di più.

14:45 - Inflazione

Scenderà nei prossimi mesi ma c’è incertezza sulle previsioni viste le continue novità sul coronavirus.

  • 1,1 nel 2020
  • 1,4% nel 2021
  • 1,6 nel 2022
14:43 - PIL Eurozona

Tassi solo parzialmente aggiornati:

  • 0,8% nel 2020 (-0,3%)
  • 1,3% nel 2021 (-0,1%)
  • 1,4% nel 2022

I rischi sono orientati al ribasso.

14:41 - Analisi economica

Prima del coronavirus la crescita europea del 4° trimestre 2019 è stata dello 0,1%. Ora riguadagnerà trazione nel medio termine grazie alle misure di sostegno. Considerazioni, queste, che si sono riflesse solo parzialmente nelle previsioni economiche di marzo vista la rapida evoluzione della situazione.

13:40 - Ancora coronavirus

Il Consiglio Direttivo monitorerà con attenzione la pandemia e il suo impatto e sarà sempre pronto a usare tutti gli strumenti a disposizione per assicurare la convergenza dell’inflazione verso il target.

13:38 - QE e tassi

In combinazione con quello già introdotto, il nuovo Quantitative Easing fornirà supporto all’economia. I tassi rimarranno ai livelli attuali.

14:36 - Le novità da giugno 2020

I tassi di interesse sulle TLTRO saranno più bassi di 25 pb rispetto a quelli delle MRO. Tutto questo durerà per un anno. In pratica Lagarde sta leggendo le novità già annunciate e disponibili nel paragrafo seguente.

14:34 - LTLRO

Avranno l’obiettivo di sostenere la liquidità del sistema e avranno tassi uguali a quelli delle MRO fino a giugno.

14:33 - Monito a tutti i Paesi

Lagarde ricorda la necessità di agire in maniera coordinata ed efficace per arginare l’impatto del coronavirus.

14:31 - Il comunicato: focus sul coronavirus

Lagarde parte con la lettura del comunicato. Rispetto a gennaio il coronavirus è stato un enorme shock per le prospettive economiche del blocco e ha generato elevata volatilità. Per cui avrà un impatto significativo sull’attività, nello specifico sulla produzione e sulla domanda, interna e internazionale.

14:31 - Si parte

Il presidente della BCE è arrivato. Si comincia.

Riunione BCE e coronavirus: tutte le novità

Come anticipato, oltre a lasciare invariati i tassi di interesse la riunione BCE di marzo ha partorito diverse novità di politica monetaria. Innanzitutto la Banca Centrale Europea ha scelto di espandere il Quantitative Easing di $120 miliardi da qui a fine anno (non per mese).

Per garantire maggiore liquidità sul mercato, l’istituto ha altresì comunicato nuovi TLTRO ai quali verranno applicati termini più favorevoli tra giugno 2020 e giugno 2021. Nello specifico, i tassi saranno di 25 pb inferiori rispetto alla media applicata nelle principali operazioni di rifinanziamento dell’Eurosistema.

In sede di riunione, la BCE ha poi deciso di aumentare l’importo che le controparti possono prendere in prestito in LTRO al 50% delle loro scorte di eligible loans.

“Il coronavirus si sta dimostrando uno shock significativo per le nostre economie. Le banche devono essere in grado di continuare a finanziare famiglie e imprese in difficoltà temporanee. Le misure di vigilanza concordate oggi mirano a sostenere gli istituti nel loro servire l’economia e nel far fronte alle sfide operative, comprese le pressioni sul proprio personale”,

ha affermato Andrea Enria, presidente del Consiglio di vigilanza della BCE.

Da qui la necessità di introdurre alcune novità:

  • Le banche potranno utilizzare appieno le riserve di capitale e liquidità, compresa la guidance Pillar 2
  • Le banche trarranno vantaggio da una riduzione della composizione del capitale per i requisiti Pillar 2
  • La BCE prenderà in considerazione più flessibilità operativa nell’attuazione delle misure di vigilanza sulle banche.

Tutti i dettagli in merito alle odierne decisioni sono stati messi nero su bianco nei comunicati pubblicati e disponibili sul sito ufficiale della Banca Centrale Europea.

— -
Il contenuto seguente è stato redatto prima della pubblicazione delle decisioni sui tassi di interesse e ha riguardato le attese del mercato sulla riunione BCE e sulla conferenza stampa di oggi.

Tassi di interesse e QE in focus

Nelle ultime settimane, il caos generato dal coronavirus ha imposto a numerose banche centrali di prendere in mano la situazione e di tagliare i tassi di interesse. È il caso della Federal Reserve USA, che ha sorpreso i mercati finanziari di tutto il mondo con un’inattesa revisione del costo del denaro, sceso dall’1,75% all’1,25%, dunque di mezzo punto percentuale.

Secondo numerosi osservatori, anche la riunione BCE di oggi, giovedì 12 marzo, comunicherà diverse novità di politica monetaria. Tutti gli occhi saranno sulla conferenza stampa di Christine Lagarde, nella quale verranno spiegate le eventuali decisioni prese dal Consiglio Direttivo.

Già ieri il presidente ha lanciato un vero e proprio monito all’UE intimando di agire in maniera puntuale e celere per arginare il coronavirus, pena lo scoppio di una situazione simile a quella vissuta nel 2008.

Le previsioni di Deutsche Bank

Per Deutsche Bank, l’istituto centrale taglierà i tassi di interesse sui depositi di 10 punti base e porterà così il dato dal -0,5% al -0,6%. Non si escludono anche nuovi TLTRO destinati al sostegno dei prestiti delle PMI situate nelle regioni più colpite dal coronavirus.

Misure, queste, alle quali potrebbero essere affiancate nuove e più semplici regole collaterali oltre che maggiore flessibilità dal punto di vista dei NPL. La conferenza stampa di Lagarde oggi sarà attentamente monitorata dal mercato intero.

Le stime di JP Morgan

Dello stesso avviso anche JP Morgan, secondo cui tra le decisioni prese in sede di riunione BCE ci sarà senz’altro il taglio dei tassi di interesse sui depositi di 10 punti base.

“Questo nonostante gli analisti siano ancora divisi sulle reali intenzioni del Consiglio Direttivo. Alcuni stanno altresì prevedendo un incremento del Quantitative Easing oltre che misure di liquidità verso le piccole imprese più in difficoltà”.

La view di ANZ

Secondo gli analisti di ANZ Research la conferenza stampa di Lagarde oggi dovrà spiegare tre decisioni fondamentali:

  1. taglio dei tassi di interesse
  2. aggiustamento della forward guidance
  3. misure di liquidità di emergenza

Al momento insomma, numerosi analisti sono concordi nel ritenere che, per far fronte all’emergenza coronavirus anche l’istituto centrale taglierà i tassi di interesse e introdurrà diverse novità.

Le decisioni prese in sede di riunione BCE verranno comunicate alle ore 13:45. Come di consueto, invece, la conferenza stampa di Christine Lagarde partirà alle 14:30.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su BCE

Argomenti:

BCE Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.