Ragionieri commercialisti ed esperti contabili: contributi CNPR con modello F24

Ragionieri commercialisti ed esperti contabili: versamento dei contributi con modello F24. Al via la convenzione triennale tra CNPR e Agenzia delle Entrate. Ecco le novità.

Ragionieri commercialisti ed esperti contabili dal 2017 potranno versare i contributi previdenziali con modello F24.

La novità che coinvolge i professionisti è frutto della convenzione triennale stipulata dall’Agenzia delle Entrate e la Cassa Nazionale di Previdenza Ragionieri CNPR che prevede la possibilità di effettuare i versamenti contributivi con modello F24 e anche in compensazione.

La possibilità di versare i contributi previdenziali e assistenziali tramite modello F24 entrerà in vigore a partire dal prossimo gennaio ma è attesa per le indicazioni operative che dovranno arrivare dall’Agenzia delle Entrate e sulle modalità di versamento.

L’intesa, come si legge dal comunicato dell’Agenzia delle Entrate del 16 novembre 2016, durerà dal 2017 al 2020 e presto verranno comunicate le indicazioni per l’effettiva operatività del provvedimento.

Ecco tutti i dettagli dell’intesa sul versamento dei contributi con modello F24 per ragionieri, commercialisti ed esperti contabili.

Ragionieri commercialisti ed esperti contabili: contributi con modello F24. Ecco la novità

A partire dal 2017 i ragionieri commercialisti e gli esperti contabili che esercitano l’attività come liberi professionisti con continuità potranno versare i contributi previdenziali e assistenziali con il modello F24.

Con la firma della convenzione dalla durata triennale da parte di Agenzia delle Entrate e Cassa Nazionale di Previdenza ed assistenze a favore dei Ragionieri e Periti Commerciali (Cnpr) viene inoltre stabilito che per il pagamento dei contributi si potrà utilizzare anche il principio della compensazione, ovvero utilizzare eventuali crediti tributari per il pagamento delle somme dovute all’ente previdenziale.

La convenzione avrà durata triennale: prenderà avvio a partire dal 2017 e terminerà fino al 2020 ma per la sua operatività si attende un ulteriore provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Si attendono infatti dettagli e informazioni in merito ai codici tributo che bisognerà utilizzare per i versamenti tramite modello F24 e dovranno essere forniti alla Cassa dei professionisti i dati relativi alla riscossione e al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.

Ragionieri commercialisti ed esperti contabili: contributi con modello F24 per controlli più efficienti

La convenzione triennale stipulata per permettere il versamento tramite modello F24 dei contributi previdenziali e assistenziali per ragionieri commercialisti ed esperti contabili iscritti alla Cassa di previdenza di categoria rientra tra le previsione del Decreto Ministeriale del 10 gennaio 2014 nel quale viene riconosciuta agli Enti previdenziali di categoria dei professionisti la possibilità di riscuotere i contributi tramite modello F24.

Stessa cosa per gli iscritti che in base alle novità apportate con la stipula dell’accordo triennale potranno usufruire di una modalità di versamento contributivo più agevole, utilizzando anche eventuali crediti in compensazione.

Tra le motivazioni dell’intesa c’è inoltre la volontà non soltanto di agevolare il sistema dei versamenti unitari ma anche quella di fornire all’Ente previdenziale la possibilità di ottenere informazioni con maggiore tempestività e adottare misure di controllo più immediate ed efficienti nei confronti degli iscritti.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.