Pignoramento anche dagli enti locali: novità della Legge di Bilancio 2020

Pignoramento conto corrente, più poteri ai Comuni: la Legge di Bilancio 2020 estende l’accertamento esecutivo anche per il recupero dei debiti relativi ai tributi locali. Cosa significa? Tutti i dettagli.

Pignoramento anche dagli enti locali: novità della Legge di Bilancio 2020

Pignoramento conto corrente, dal 2020 il Comune avrà il potere di bloccare i conti di chi non paga le tasse locali.

La Legge di Bilancio 2020, già nella versione approvata dal Governo, contiene tra le diverse misure anti-evasione anche una profonda riforma della riscossione dei tributi locali.

Sulla novità si è subito sollevato un vero e proprio polverone, tra le opposizioni che parlano di stato di dittatura fiscale, ed il Governo che minimizza affermando che con la Legge di Bilancio 2020 non cambia nulla.

In realtà così non è, ed è evidente che la riforma della riscossione per gli Enti locali renderà più veloce i pignoramenti per i contribuenti che, dopo i solleciti del Comune, non pagheranno le tasse (Imu, Tasi, ma non solo).

La novità rientra nel pacchetto di misure finalizzate a velocizzare il recupero delle imposte evase, e disincentivare il mancato pagamento dei tributi locali.

Il Comune potrà richiedere il pignoramento del conto corrente del contribuente già dopo la mancata risposta all’avviso di accertamento e all’intimazione di pagamento. Non sarà più necessario attendere che il debito venga iscritto a ruolo e venga quindi inviata la cartella esattoriale.

Il 2020 si preannuncia un anno difficile per chi non paga le tasse.

Pignoramento più veloce per chi non paga le tasse: la Legge di Bilancio 2020 cambia tutto

Ne avevamo già parlato: la riforma della riscossione dei tributi locali rende la vita difficile a chi non paga le tasse. La direttrice delle novità previste dalla Legge di Bilancio 2020 è unica e l’obiettivo è quello di combattere il fenomeno dell’evasione fiscale.

Non solo le imposte nazionali, ma anche quelle che finiscono nelle casse di Comuni e Regioni presentano percentuali di evasione molto elevate. Solo considerando Imu, Tasi e Tasi, si parla di somme che superano i 5 miliardi di euro.

Oltre alla semplificazione della procedura di pagamento delle tasse locali, con la nuova Imu, l’abolizione Tasi e la local tax, la Legge di Bilancio 2020 punta a snellire anche la procedura per il recupero delle tasse non versate.

Così, a partire dal 1° gennaio 2020, l’avviso di accertamento inviato dal Comune al contribuente conterrà l’intimazione ad adempiere. Una volta trascorso il termine di 60 giorni per la presentazione del ricorso, l’atto diventerà immediatamente esecutivo ed al mancato pagamento della somma indicata nell’avviso il Comune potrà rispondere con il pignoramento del conto corrente.

Cosa cambia rispetto ad oggi? La procedura di recupero delle somme evase sarà decisamente più veloce. Senza necessità di attendere i tempi di iscrizione a ruolo del debito (e quindi la cartella esattoriale) potranno essere avviate immediatamente tutte le procedure esecutive e cautelari previste ad oggi, come fermo amministrativo, ipoteca o pignoramento.

Pignoramento conto corrente immediato per chi non paga le tasse: poche tutele per i cittadini

Oltre a poter presentare ricorso, entro il termine di 60 giorni dalla data di ricezione dell’avviso di accertamento esecutivo, la Legge di Bilancio 2020 fornisce una seconda via per la salvezza ai contribuenti.

Prima dell’avvio della procedura esecutiva e cautelare, cioè prima del pignoramento del conto, del fermo amministrativo e dell’ipoteca, verrà inviato un sollecito di pagamento, in presenza di debiti di importo non superiore a 10.000 euro.

Per evitare le procedure di recupero forzato, sarà possibile regolarizzare la propria posizione, pagando il debito anche a rate, da un minimo di 4 fino ad un massimo di 72 rate, in base all’importo del debito.

È questa l’unica forma di tutela che la Legge di Bilancio 2020 concede ai cittadini. A questo punto ci si chiede - provocatoriamente: i Comuni, che non brillano tutti per procedure snelle e trasparenti, saranno in grado di utilizzare in modo consono, e senza errori, il super potere concessogli?

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Pignoramento

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Daieledom • 2 settimane fa

Poi, con il conto bloccato, come si fa a fare il pagamento per regolarizzare la propria posizione?

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \