Legge di bilancio 2019: guida alle novità fiscali del prossimo anno

Novità fiscali Legge di Bilancio 2019: ecco quali sono le misure previste nel testo approvato dal Senato, in vista del via libera definitivo con voto di fiducia in programma per sabato 29 dicembre.

Legge di bilancio 2019: guida alle novità fiscali del prossimo anno

Legge di Bilancio 2019: ecco le novità fiscali dopo le ultime modifiche apportate dal Senato e per le quali si attende l’ok definitivo della Camera.

Tra le principali novità fiscali in arrivo il prossimo anno vi è senza dubbio l’obbligo di fattura elettronica. Il Governo infatti non è tornato sui suoi passi per quel che riguarda la misura che ha suscitato il malcontento di commercialisti, Partite IVA e persino del Garante Privacy.

Inoltre il Senato ha abrogato la misura che prevedeva la riduzione alla metà dell’Ires per gli enti del Terzo Settore. Di conseguenza dal 1° gennaio 2019 l’aliquota agevolata al 12% raddoppierà al 24%.

Una novità piacevolmente attesa dai contribuenti in debito con il Fisco è la pace fiscale che prevede specifiche misure tra cui il saldo e stralcio delle cartelle che si affianca alle ulteriori misure previste dal Decreto Legge Fiscale.

Tra le ultime novità fiscali della Legge di Bilancio 2019 vi è anche una misura che prevede la flat tax al 7% per i pensionati residenti all’estero da almeno cinque anni che decidono di tornare in Italia.

E ancora, flat tax per i titolari di Partita IVA con aliquota al 15% per redditi fino a 65.000 euro e aliquota al 20% per redditi fino a 100.000 euro a partire dal 2020.

Andiamo a vedere l’attuale panorama delle novità fiscali presenti nel testo della Legge di Bilancio 2019 adesso all’esame della Camera per l’approvazione definitiva.

Legge di Bilancio 2019: guida alle novità fiscali

In attesa del via libera definitivo della Camera, vediamo cosa prevedono le principali novità fiscali contenute nel maxiemendamento del Governo alla Legge di Bilancio 2019 approvato dal Senato in data 23 dicembre 2018.

Dopo il decreto fiscale è arrivato il tempo per il Parlamento di approvare la Legge di Bilancio 2019, che contiene importanti novità fiscali per cittadini, lavoratori, pensionati e contribuenti italiani già a partire dal prossimo 1° gennaio.

Tra le principali misure fiscali vi sono l’attesissima pace fiscale per i contribuenti in difficoltà economica, con tre aliquote al 16%, 20% e 35% per il pagamento dei debiti che variano a seconda dell’ISEE fino a un valore massimo di 20.000 euro.

Tra le diverse novità fiscali presenti nel testo della Legge di Bilancio 2019 rientrano anche diverse proroghe di bonus e detrazioni fiscali come ad esempio le agevolazioni relative alle spese sostenute per i lavori o gli acquisti legati alla casa.

Tra le detrazioni fiscali prorogate con la Legge di Bilancio 2019 vi sono:

  • l’ecobonus con detrazione fiscale al 50% e al 65% sulle spese sostenute per gli interventi di risparmio energetico;
  • bonus mobili la detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi;
  • bonus ristrutturazioni con la detrazione del 50% sulle ristrutturazioni edilizie.

A partire dal 2019 la detrazione fiscale per i non vedenti finalizzata alle spese sostenute per il mantenimento dei cani guida aumenta a 1.000 euro.

Si parlava di abolizione del bollo per le auto storiche ma alla fine la misura inserita in Legge di Bilancio 2019 prevede una riduzione pari al 50% della tassa automobilistica per vetture d’epoca.

Novità fiscali per le imprese

Buone notizie anche per le imprese grazie alle novità fiscali contenute nella Legge di Bilancio 2019:

La Legge di Bilancio 2019 effettua poi un taglio ai premi INAIL per ridurre il costo del lavoro ma allo stesso tempo prevede la riduzione degli importi di rendite e indennizzi per infortunio e malattia professionale.

Tra le novità fiscali veramente spiacevoli per gli enti no profit e le associazioni di promozione sociale del Terzo Settore è l’abrogazione da parte del Senato della misura che avrebbe previsto il dimezzamento dell’Ires al 12%. Dal 1° gennaio 2019 l’Ires aumenterà nell’aliquota ordinaria pari al 24%.

Flat e web tax tra le novità fiscali della Legge di Bilancio 2019

Nella Legge di Bilancio 2019 vi sono anche importanti novità fiscali in tema di flat tax, ecco quali:

È rispuntata inoltre la web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali.

Non è una novità il rischio di un aumento dell’IVA per il 2020 e il 2021 vista la mancata sterilizzazione delle clausole di salvaguardia per gli anni citati.

In tema di affitti una delle ultime modifiche apportate dal Senato è la cedolare secca con acconto al 100% ma a partire dal 2021.

Nonostante le problematiche relative alla privacy l’obbligo di fattura elettronica entrerà in vigore il 1° gennaio 2019 con le novità contenute nel provvedimento del Garante Privacy pubblicato il 20 dicembre 2018.

Legge di Bilancio 2019: novità fiscali in via di approvazione nel testo

Manca veramente poco all’approvazione del testo definitivo della Legge di Bilancio 2019 ed è molto difficile che le novità fiscali passate in rassegna vengano nuovamente modificate dalla Camera.

Tuttavia per “sigillare” quanto detto non resta che attendere l’ok della Camera alla Manovra 2019 che arriverà al massimo entro il termine previsto per l’approvazione in data 31 dicembre 2018.

I tempi per l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2019 sono veramente ristretti, il testo della Manovra dall’iter travagliato deve infatti essere obbligatoriamente approvato in questi giorni.

Il rischio per i cittadini italiani è che il Parlamento si riduca letteralmente all’ultimo minuto per l’approvazione della Manovra 2019 e nel peggiore dei casi che sfori il termine ultimo per l’approvazione “cadendo” nell’esercizio provvisorio.

Se è vero infatti che le novità fiscali e le altre misure per il bilancio dello Stato per il prossimo triennio si stanno lentamente definendo, non si può di certo dire che ciò stia avvenendo senza incontrare difficoltà e problematiche, come nel caso dell’avvio generalizzato dell’obbligo di fattura elettronica fissato al 1° gennaio 2019.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Legge di Bilancio

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.