Guerra commerciale: la svolta è vicina. Le novità sulla firma dell’accordo

Guerra commerciale: la svolta è vicina dopo le parole provenienti dalla Cina. Le novità sulla firma dell’accordo.

Guerra commerciale: la svolta è vicina. Le novità sulla firma dell'accordo

La guerra commerciale sembra davvero a un passo dalla tregua. E questa è una buona notizia per i mercati internazionali. In questi giorni di agitazione a causa dei venti di guerra tra USA e Iran, con potenziali shock finanziari, anche l’intesa sulla battaglia dei dazi ha iniziato a vacillare.

Dinanzi alle turbolenze internazionali, fino a ieri alcuni analisti hanno ipotizzato uno slittamento dell’intesa tra Donald Trump e Xi Jinping. Uno scenario, questo, poco rassicurante, che potrebbe trascinare i mercati in un sentiment pessimista.

Oggi, però, l’attesa firma della Fase 1 ha trovato un’importante conferma. A pronunciarsi in modo ufficiale sulla guerra commerciale è stata la Cina, finora in silenzio dopo l’annuncio del Presidente USA.

Guerra commerciale, la Cina conferma la firma. Tutto pronto per l’accordo?

Il 2019 è terminato con i migliori auspici per la battaglia tariffaria tra USA e Cina. La dichiarazione di Trump diffusa il 31 dicembre, infatti, ha fatto chiarezza sull’imminente firma della Fase 1 dell’accordo: la cerimonia si svolgerà alla casa Bianca il 15 gennaio.

I commenti cinesi alla notizia sono arrivati soltanto oggi in modo ufficiale. Gao Feng, portavoce del ministero del Commercio, ha affermato che lunedì prossimo, 13 gennaio, gli alti funzionari di Pechino, guidati dal capo delegazione dei negoziati Liu He, si recheranno negli Stati Uniti.

Il viaggio durerà tre giorni, proprio per consentire la firma dell’accordo Fase 1 fissata per mercoledì prossimo. L’intesa, quindi, sembra davvero pronta, anche se non sono noti i dettagli sul contenuto.

La notizia, comunque, ha riportato ottimismo sui mercati internazionali, che tengono sotto osservazione l’andamento della guerra commerciale ormai da tempo. Una prima soluzione di questo aspro confronto tra le due potenze mondiali, infatti, è considerata vitale per gli investimenti e la crescita economica globale.

Riduzione delle tariffe e acquisti importanti da parte della Cina di beni statunitensi, tra i quali spiccano i prodotti agricoli: questi sono i punti cruciali del documento di tregua che verrà siglato tra pochi giorni.

Sul tavolo dei negoziati, restano ancora da sciogliere importanti nodi: dalla diffusione del 5G, alla proprietà intellettuale, fino alle regole di apertura cinese al mercato straniero. Queste tematiche non sono affatto secondarie. Per questo, nel tweet di fine anno Trump ha chiarito che subito dopo la firma inizierà la fase 2 del dialogo.

Secondo alcuni analisti, la guerra commerciale potrebbe durare anni, trainando ancora nelle incertezze i mercati finanziari del mondo. Le parole cinesi di oggi sulla firma del 15 gennaio, però, sono un importante segnale positivo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Guerra commerciale

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.