Effetto inflazione sul conto in banca? Persi già 1.000 euro per ogni italiano

Violetta Silvestri

28 Dicembre 2021 - 10:35

condividi

L’inflazione in aumento ha già avuto i suoi effetti sui risparmi degli italiani: il conto in banca sta diminuendo, a causa della perdita di potere d’acquisto. Di quanto? E quali previsioni?

Effetto inflazione sul conto in banca? Persi già 1.000 euro per ogni italiano

I prezzi aumentano in Italia e l’inflazione resta uno dei fenomeni economici più discussi del momento: fino a quanto durerà e quali effetti sta già provocando?

Mentre la BCE continua a riporre le speranze - ora più flebili - su una riduzione inflazionistica nel corso del 2022, gli italiani possono fare un primo bilancio dell’impatto dell’aumento dei prezzi.

Non c’è soltanto il caro bollette e la spesa più costosa a ricordare l’impennata dei costi nella vita quotidiana. Anche i risparmi e i conti in banca si stanno assottigliando: cosa aspettarsi?

Italia, inflazione: sui conti in banca persi 60 miliardi di euro

L’inflazione può agire silenziosa, come una sorta di tassa occulta quando si valuta l’impatto che ha su conti corrente bancari e, in generale, su risparmi liquidi.

Stando ai calcoli di Bankitalia, gli italiani hanno giacenze di oltre 1.800 miliardi di euro come risparmi. Con prezzi al consumo pari al 3% circa anche nel corso del 2022, si ipotizza una perdita di potere di acquisto annuale di almeno 55 miliardi di euro di quelli depositati nei conti corrente.

Non solo, stimando un’inflazione elevata nell’arco di 10 anni, i risparmi liquidi e no investiti possono diminuire il loro potere di acquisto del 28,5%.

Questo perché i conti corrente non fruttano interesse e restano in balia della volatilità inflazionistica. Solo quelli di deposito con somme vincolate a 6-12 mesi garantiscono rendimenti positivi con una remunerazione di circa l’1- 1,5% annuale (limitando così l’effetto inflazione).

I dati numerici suggeriscono anche altri effetti dei prezzi elevati sui risparmi degli italiani. Prendendo come base i circa 1.814 miliardi depositati sui conti delle famiglie a novembre 2021, la perdita di potere di acquisto aggiornata all’inflazione al 3,7% è stata di 63,3 miliardi di euro.

Gli interessi maturati offrono comunque un saldo negativo sui risparmi, di almeno 60 miliardi di euro. Il bilancio, esposto da Investireoggi, è di 1.000 euro persi per ogni italiano.

Cosa aspettarsi sui risparmi nel 2022?

Probabilmente, nel breve-medio periodo poco cambierà per i conti in banca degli italiani.

Innanzitutto perché la BCE per ora rimarrà ferma sui tassi di interesse e poi per il fatto che le banche difficilmente decideranno di cambiare i rendimenti offerti sui soldi tenuti al sicuro nei conti di deposito.

L’erosione dei risparmi a causa dell’inflazione può, quindi, peggiorare, soprattutto con la spinta in alto dei prezzi energetici che dovrebbe ancora caratterizzare l’inizio del 2022.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.