Covid, variante inglese corre negli USA

Mario D’Angelo

03/01/2021

03/01/2021 - 14:47

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Variante inglese del coronavirus trovata in diversi casi negli USA.

Covid, variante inglese corre negli USA

La variante inglese corre anche negli Stati Uniti, minacciando di vanificare gli sforzi compiuti nelle ultime settimane per vaccinare la popolazione. La mutazione è stata isolata in diverse persone che non avevano viaggiato nel Regno Unito di recente.

Vaccinazione lenta negli USA

La situazione epidemiologica degli Stati Uniti potrebbe peggiorare molto in fretta. Da un lato la campagna vaccinale, come anche in Italia, Germania e Francia, procede molto a rilento. Trump aveva promesso di vaccinare 20 milioni di statunitensi, obiettivo che è stato largamente mancato.

Joe Biden ha promesso di somministrare vaccini a un milione di cittadini al giorno nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Ma il 20 gennaio 2021, quando Biden diventerà presidente degli Stati Uniti, potrebbe già essere tardi.

Variante inglese trovata negli USA

Già con il ceppo originario del coronavirus la situazione richiederebbe uno sforzo persino maggiore, secondo gli scienziati. Gli USA hanno superato oggi la soglia di 350.000 morti, per un totale di 20,4 milioni di casi. Ma con la variante inglese del Covid-19, più trasmissibile del 70%, la pandemia potrebbe accelerare ancora a livelli mai visti.

Tre stati USA hanno identificato casi della variante di coronavirus isolata per la prima volta nel Regno Unito. Il primo è stata la Florida, che ha isolato la variante inglese in un ventenne della Florida che non ha viaggiato ultimamente. Altri casi sono stati successivamente isolati in California e in Colorado.

Il dottor Anthony Fauci ha detto di non essere stupito: “Vedremo la variante anche in altri stati”, ha detto.

Le autorità sanitarie statunitensi hanno detto che l’arrivo della variante inglese potrebbe rendere le cose peggiori se le viene permesso di diffondersi senza controllo. Sebbene sia più facilmente trasmissibile, si ritiene che non causi forme più gravi di Covid-19 e che i vaccini abbiano la stessa efficacia.

Tuttavia, un repentino aumento dei casi potrebbe sovraccaricare ulteriormente le strutture ospedaliere.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, nel solo mese di dicembre gli USA hanno registrato 6,3 milioni di casi e 77.500 morti.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories