Cartelle esattoriali, ripartono notifiche e pagamenti: cosa succede dal 1° settembre 2021

Anna Maria D’Andrea

1 Settembre 2021 - 10:30

condividi

Cartelle esattoriali al via dal 1° settembre 2021: tra notifiche e pagamenti, ecco cosa succede e quali sono gli appuntamenti in vista.

Cartelle esattoriali, ripartono notifiche e pagamenti: cosa succede dal 1° settembre 2021

Cartelle esattoriali al via dal 1° settembre 2021: riprendono ufficialmente le attività di notifica degli atti congelati e, in parallelo, i pagamenti delle somme dovute.

La sospensione delle attività di riscossione non è stata prorogata e, così come disposto dal decreto Sostegni bis, si è ufficialmente conclusa il 31 agosto 2021.

Da settembre si rimette quindi in moto la macchina della riscossione, e l’AdER tornerà a bussare alle porte dei contribuenti debitori con il Fisco.

Si torna quindi a fare i conti con le cartelle esattoriali e entro la fine del mese di settembre bisognerà pagare le somme oggetto di sospensione a partire dal mese di marzo dello scorso anno.

Facciamo quindi il punto su cosa succede a partire da mercoledì 1° settembre 2021.

Cartelle esattoriali, ripartono notifiche e pagamenti: cosa succede dal 1° settembre 2021

A partire dal 1° settembre 2021 l’Agenzia delle Entrate Riscossione riprende le proprie attività dopo la fine dell’ultima sospensione dei termini di versamento e delle attività di notifica delle cartelle esattoriali, prorogata al 31 agosto 2021 dal decreto Sostegni bis.

Da settembre quindi l’AdER inizierà a trasmettere ai contribuenti gli atti rimasti nel cassetto a partire dal mese di marzo del 2020.

Sarà in ogni caso una ripartenza graduale, come più volte evidenziato dall’Agenzia. Fino al 31 dicembre 2021 saranno recapitate ai contribuenti 4 delle 60 milioni di cartelle esattoriali rimaste nel cassetto.

Alla ripartenza delle notifiche si affiancherà la ripresa dei pignoramenti, sospesi anche in tal caso fino al 31 agosto 2021. Dal 1° settembre riprenderanno gli obblighi derivanti dai pignoramenti presso terzi, salvo l’eventuale pagamento del debito.

Cartelle esattoriali, pagamenti entro il 30 settembre 2021

Ci sarà un mese di tempo per i pagamenti.

Le somme ricadenti nel periodo della sospensione dovranno essere versate entro il 30 settembre 2021, scadenza che coincide con il nuovo appuntamento relativo alle rate della pace fiscale.

I pagamenti in scadenza dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021 potranno essere effettuati in un’unica soluzione o a rate e, per evitare l’attivazione delle procedure di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, bisognerà presentare domanda di rateizzazione entro il 30 settembre 2021.

Sarà quindi un autunno caldo per i contribuenti, chiamati alla cassa dopo il lungo stop delle attività di riscossione.

Iscriviti a Money.it