Allarme FMI: da COVID impatto catastrofico. Ecco cosa accadrà all’economia italiana e mondiale

Le nuove previsioni del Fondo Monetario Internazionale sono state rese note: ecco cosa accadrà davvero all’economia mondiale secondo il World Economic Outlook

Allarme FMI: da COVID impatto catastrofico. Ecco cosa accadrà all'economia italiana e mondiale

Le nuove previsioni del FMI sull’economia mondiale (il World Economic Outlook di giugno) sono state pubblicate, come da programma, alle ore 15:00 di oggi.

Già qualche giorno fa il chief economist del Fondo, Gita Gopinath, aveva espresso preoccupazione in merito, anticipando un peggioramento delle stime inizialmente formulate.

Le sue dichiarazioni sono state seguite dai fatti e le previsioni del FMI non hanno lasciato spazio a dubbi o interpretazioni di sorta: il futuro dell’economia mondiale sarà peggiore di quanto immaginato.

Le nuove stime del FMI: ecco cosa accadrà davvero nel 2020

Nelle proiezioni di gennaio (dunque ben prima dell’arrivo del coronavirus) il Fondo Monetario Internazionale aveva previsto una crescita del PIL globale di 3,3 punti percentuali per il 2020.

Queste stime però si sono successivamente scontrate con la pandemia e ad aprile sono state drasticamente riviste da +3,3 a -3%. Un dato già particolarmente negativo che oggi ha dovuto fare i conti con le nuove previsioni del FMI, secondo cui il 2020 verrà archiviato con una flessione del PIL del 4,9%.

Nel 2021 invece il recupero sarà del 5,4%, contro il 5,8% previsto pochi mesi fa.

In linea di massima, si legge nelle nuove stime del Fondo, l’impatto del coronavirus sui conti pubblici e soprattutto sull’occupazione sarà catastrofico. Tra questo e il prossimo anno andranno persi 12.500 miliardi di dollari a causa del “Great Lockdown”.

I Paesi più colpiti: dov’è l’Italia?

“La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto più negativo del previsto nella prima metà del 2020 e si prevede che la ripresa sarà più graduale”,

si legge nelle nuove previsioni del FMI contenute nel World Economic Outlook, dalle quali è stato possibile stilare una lista dei Paesi più e meno colpiti dalle conseguenze economiche del coronavirus.

  • Italia: -12,8 (dal -9,1% di aprile)
  • Spagna: -12,8% (da -8%)
  • Francia: -12,5% (da -7,2%)
  • Eurozona: -10,2% (da -7,5%)
  • Regno Unito: -10,2% (da -6,5%)
  • Canada: -8,4% (da -6,2%)
  • Stati Uniti: -8% (da -5,9%)
  • Germania: -7,8% (da -7%)
  • Russia: -6,6% (da -5,5%)
  • Giappone: -5,8% (da -5,2%)
  • India: -4,5% (da +1,9%)

L’unico Paese in crescita nel 2020 sarà la Cina (+1%), proprio quello da cui la pandemia globale si è originata. Il PIL d’Italia invece sarà uno dei più colpiti dal coronavirus.

Cosa accadrà nel 2021

Le nuove previsioni del FMI si sono spinte anche oltre arrivando a teorizzare differenti tassi di crescita per il prossimo anno.

  • Cina: +8,2%
  • Francia:+7,3%
  • Italia: +6,3%
  • Spagna: +6,3%
  • Regno Unito: +6,3%
  • Eurozona: +6%
  • India: +6%
  • Germania: +5,4%
  • Canada: +4,9%
  • Stati Uniti: +4,5%
  • Russia: +4,1%
  • Giappone: +2,4%

Argomenti:

FMI

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories