Vaccino Covid di Pfizer, l’ok dalla FDA è vicino. Economia USA alla “normalità” entro l’estate 2021

Flavia Provenzani

11/12/2020

11/12/2020 - 09:39

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’autorizzazione al vaccino anti-Covid di Pfizer è attesa a giorni. L’economia degli Stati Uniti si prepara a ripartire.

Vaccino Covid di Pfizer, l'ok dalla FDA è vicino. Economia USA alla “normalità” entro l'estate 2021

Continua il flusso di notizie positive legate al vaccino contro il Covid-19.
Giovedì un gruppo di esperti ha raccomandato formalmente alla FDA - ente statunitense dedicato alla regolamentazione di farmaci e alimenti - di autorizzare il vaccino firmato Pfizer.

La decisione della Food and Drug Administration è attesa nei prossimi giorni. L’ok al vaccino anti-Covid di Pfizer darà ufficialmente il via alla distribuzione tra gli operatori sanitari e i residenti nelle case di cura in territorio statunitense, potenzialmente già dall’inizio della prossima settimana. La notizia è già prezzata dai mercati: la speranza è che il vaccino possa far tornare una parvenza di normalità all’economia statunitense entro l’estate del 2021.

L’ok della FCA al vaccino anti-Covid di Pfizer è vicino

La commissione consultiva dedicata ai vaccini della FDA - composta da scienziati indipendenti, medici specializzati in malattie infettive ed esperti di statistica, ha votato da 17 a 4, un membro si è astenuto, a favore dell’autorizzazione di emergenza al vaccino per gli individui di età pari o superiore a 16 anni. Salvo rare eccezioni, in passato la FDA ha dimostrato di seguire alla lettera i consigli delle sue commissioni consultive.

L’autorizzazione ufficiale al vaccino Pfizer da parte della FCA dovrebbe arrivare nella giornata di sabato, secondo quanto riferito da persone con familiarità con l’ente. Alcuni passaggi legali o burocratici dell’ultimo minuto, tuttavia, potrebbero far slittare l’annuncio a domenica o ai giorni successivi.

Il piano di distribuzione del vaccino negli USA

Secondo fonti federali, la prima spedizione del vaccino - con 6,4 milioni di dosi -lascerà i magazzini entro 24 ore dall’ok da parte della F.D.A. Circa la metà di queste dosi verrà inviata in tutti gli Stati Uniti e l’altra metà sarà conservata per permettere a tutti i primi destinatari di ricevere la seconda dose circa tre settimane dopo.

L’arrivo dei primi vaccini contro il coronavirus è l’inizio di un piano di distribuzione assai complesso, allo studio da mesi e coordinato dalle autorità sanitarie federali e locali, nonché da grandi ospedali e catene di farmacie che, in caso di successo, aiuteranno a riportare una parvenza normale all’economia degli Stati Uniti, forse entro l’estate.

Attesa per l’autorizzazione al vaccino di Moderna

L’autorizzazione della FCA andrà a sigillare un anno duro e vorticoso per Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech, che hanno iniziato a lavorare sul vaccino 11 mesi fa, infrangendo tutti i record di velocità sullo sviluppo del vaccino, un processo che in genere richiede anni. Il vaccino di Pfizer è già stato somministrato ad alcune persone nel Bahrein e in Gran Bretagna, dove è stato autorizzato il 2 dicembre. Il Canada lo ha approvato mercoledì.

L’autorizzazione degli Stati Uniti al vaccino della Pfizer dovrebbe essere seguita presto da un ok al vaccino di Moderna, che utilizza una tecnologia simile e che ha registrato anch’essa risultati promettenti durante gli studi clinici. L’operazione Warp Speed, il programma multimiliardario dell’amministrazione Trump per accelerare lo sviluppo di vaccini, ha preordinato 100 milioni di dosi del vaccino di Pfizer a luglio e ha fortemente sostenuto lo sviluppo e la produzione del vaccino di Moderna.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories