Trump: “L’influenza è più letale del Covid”. Facebook e Twitter lo censurano

Tornato alla Casa Bianca, Donald Trump si è scatnato sui social affermando che “l’influenza è molto più letale del Covid”, ma Facebook cancella il post e Twitter lo bolla come fake news.

Trump: “L'influenza è più letale del Covid”. Facebook e Twitter lo censurano

Donald Trump affila le armi in vista del rush finale della campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 3 novembre, cercando di puntare tutto sullo sminuire la sua positività al coronavirus al fine di recuperare terreno nei sondaggi.

Tornato alla Casa Bianca, nonostante sia ancora positivo il Presidente non ha quindi perso tempo sfogandosi letteralmente sui social, pubblicando in breve tempo un numero impressionante di post.

Tra i tanti, uno in particolare sta suscitando un vespaio di polemiche, in quanto Trump si è spinto a dichiarare che l’influenza è molto più letale del Covid e ci abbiamo imparato a conviverci.

La stagione dell’influenza sta arrivando - ha postato Donald Trump - Molte persone ogni anno, qualche volta oltre centomila, e nonostante il vaccino, muoiono per l’influenza”.

Stiamo chiudendo il nostro Paese? No, abbiamo imparato a conviverci - ha proseguito il Presidente - come stiamo imparando a fare con il Covid, che nella maggior parte delle popolazione è molto meno letale”.

Twitter e Facebook censurano Trump

A stretto giro Facebook ha deciso di rimuovere il post in quanto “violava le regole sulla disinformazione”, mentre Twitter non ha cancellato il cinguettio ma ha segnalato che si tratta di una fake news.

Gli Stati Uniti al momento sono il Paese al mondo più colpito dal coronavirus, con oltre 7,5 milioni di persone che sono state contagiate e 210.000 morti accertati riconducibili al Covid.

Donald Trump, che ha annunciato la sua presenza al dibattito televisivo con Joe Biden del 15 ottobre, così come fatto da Jair Bolsonaro appare intenzionato a tirare dritto per la sua strada, cercando di mostrare i muscoli anche in un momento così particolare per la sua salute.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories