Sondaggio: il governo sta gestendo l’emergenza coronavirus in maniera più che adeguata

i risultati del sondaggio di Money.it dove si è chiesto ai lettori il parere su come sta gestendo il governo l’emergenza coronavirus: più del 70% è soddisfatto della risposta da parte di Palazzo Chigi.

I risultati del sondaggio su come sta gestendo il governo l’emergenza coronavirus parlano chiaro: secondo i lettori di Money.it, alla luce dell’ultimo DPCM emanato dal premier Giuseppe Conte dove si è deciso di prorogare fino al 13 aprile le misure restrittive attualmente in atto in Italia dallo scorso 10 marzo al fine di contenere la diffusione del contagio, finora Palazzo Chigi si sarebbe comportato in maniera più che adeguata.

Sondaggio: in che maniera il governo sta gestendo l’emergenza coronavirus?

  • Più che adeguata - 53,1%
  • Più che insufficiente - 17,9%
  • Adeguata - 18,2%
  • Insufficiente - 10,1%
  • Non so - 0,7%

Più della metà dei rispondenti al sondaggio è convinto che il governo finora abbia gestito l’epidemia in atto nel nostro Paese in maniera più che adeguata, con la percentuale che supera il 70% se consideriamo anche chi ha valutato la gestione adeguata.

Non manca però un 17,9% di lettori che al contrario giudica l’operato del governo in queste settimane di emergenza più che insufficiente, mentre per un 10,1% il giudizio sarebbe sempre negativo anche se la bocciatura meno netta.

Con questo sondaggio, che ricordiamo non ha un valore scientifico ma soltanto indicativo in quanto non realizzato a campione, Money.it ha voluto chiedere il parere ai propri lettori su come si sarebbe finora comportato il governo giallorosso di fronte a questa grave emergenza coronavirus con la quale gli italiani potrebbero fare i conti ancora a lungo.

Coronavirus: un sondaggio sull’operato del governo

Fino allo scorso febbraio sul piano politico in Italia tutta la discussione era incentrata sul tema della prescrizione, con la maggioranza che sembrava traballare sotto i colpi delle picconate lanciate da Matteo Renzi.

Adesso invece in piena emergenza coronavirus sembrano essere lontane anni luce quelle polemiche, anche se l’ex premier continua a non risparmiare stilettate a Giuseppe Conte non svestendo i panni del bastian contrario nonostante il momento più che delicato.

Dal punto di vista della gestione sanitaria di questa epidemia, le critiche più dure a Palazzo Chigi sono arrivate infatti proprio da Italia Viva, tanto che Renzi in Senato ha chiesto l’istituzione di una apposita commissione d’inchiesta quando l’emergenza sarà terminata.

Sul tema della proroga del lockdown poi è sempre l’ex premier a essere il più critico di tutti, tanto da parlare in un decalogo di proposte avanzate di scuole riaperte a maggio e aziende (quelle che possono garantire standard di sicurezza) anche prima di Pasqua.

Il centrodestra invece sta martellando sul punto di vista economico. Il governo con il decreto Aprile andrà a stanziare ulteriori fondi, si parla di almeno 35 miliardi, per sostenere imprese e lavoratori. A stretto giro poi dovrebbero arrivare nuove misure pure per le famiglie.

Secondo l’opposizione la cifra da stanziare dovrebbe essere aumentata, almeno 100 miliardi secondo Forza Italia, con Matteo Salvini che ha lanciato l’idea dei bond di guerra per finanziare la ripresa.

Per Giorgia Meloni invece la priorità deve essere quella di dare liquidità agli italiani in difficoltà economica, con lo Stato che dovrebbe accreditare 1.000 euro direttamente sui conti correnti abbattendo così i tempi e le lungaggini burocratiche.

I risultati di questo sondaggio dimostrano come finora i lettori di Money.it hanno in larga parte apprezzato l’operato del governo, chiamato a far fronte a un’emergenza che rischia di stravolgere le nostre vite ancora a lungo.

Iscriviti alla newsletter

3 commenti

foto profilo

Gemelli72 • 3 aprile

Più che adeguata

foto profilo

Giacomo • 2 aprile

Mettiamo davanti a tutto che si tratta della vita dei cittadini.
E allora un Presidente del Consiglio che il 27 gennaio tranquillizza la nazione dichiarando Urbi et orbi, assieme al ministro della sanità o salute, che tutto l’immaginabile era stato predisposto per opporsi al contagio , la dice lunga sulla inadeguatezza assoluta di tutto l’attuale esecutivo; le iniziative successivamente intraprese, con ritardi pazzeschi, le innumerevoli direttive incomprensibili, contraddittorie, nè carne nè pesce come si suol dire, hanno aggravato il disorientamento e la confusione dando al virus tutto il tempo di allargarsi, anzi qualche avventato preannuncio ha concorso a indurre i soliti furbi/scemi a farsi latori inconsapevoli del covid19 in zone ancora con qualche decina di casi. Cosa doveva accadere più di quanto è accaduto per non dire che abbiamo un governo di sprovveduti e dilettanti?

foto profilo

Andrea38 • 2 aprile

Ma che problemi hanno quelli che rispondono «Più che adeguata»?

Money Stories