Rientro a scuola: banchi in ritardo. Inizio lezioni a rischio il 14 settembre?

Rientro a scuola: i nuovi banchi sono in ritardo e anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella mostra preoccupazione in merito. L’inizio delle lezioni il prossimo 14 settembre è a rischio?

Rientro a scuola: banchi in ritardo. Inizio lezioni a rischio il 14 settembre?

Rientro a scuola: i nuovi banchi sono in ritardo per l’inizio delle lezioni previsto in molte regioni per il 14 settembre tanto che c’è da chiedersi se questo possa considerarsi in qualche modo a rischio.

Parliamo chiaramente dei nuovi banchi monoposto e sedute innovative per l’acquisto dei quali il Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri ha indetto un bando di gara europeo ora concluso.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera a guardare con ansia il rientro a scuola e in particolare il ritardo dei nuovi banchi a una settimana dall’inizio delle lezioni è proprio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Intanto alcune Regioni hanno già posticipato di dieci giorni il rientro a scuola, anche e soprattutto in vista delle prossime elezioni. Altre, come la Campania, stanno ancora decidendo.

In merito proprio al rientro a scuola, tema caldo di queste settimane, era prevista per la giornata odierna una conferenza stampa del presidente del Consiglio Conte con i ministri Roberto Speranza, Lucia Azzolina, Francesco Boccia e Paola De Micheli, ma è stata rinviata ad altra data. Intanto la preoccupazione riguarda i nuovi banchi in ritardo e i presunti futuri contagi.

Rientro a scuola: nuovi banchi in ritardo

Il rientro a scuola in molte regioni avverrà il 14 settembre, ma molti sono ancora i nodi da sciogliere quali i nuovi banchi che arriveranno in ritardo. Saranno infatti consegnanti entro ottobre e alcune ditte pare abbiano già comunicato di non riuscire a far arrivare i nuovi banchi prima di novembre.

Una situazione questa che sembra preoccupare il presidente Mattarella che il prossimo 14 settembre sarà con la ministra dell’Istruzione Azzolina a Vo’, uno dei primi paesi che insieme a Codogno ha vissuto l’incubo COVID-19 in Italia, dove le lezioni riprendono nella mattina di oggi 7 settembre.

A rispondere sul ritardo dei banchi per l’inizio delle lezioni è la stessa viceministra dell’Istruzione Anna Ascani in un’intervista al Corriere della Sera. Un po’ ovunque i presidi, per il ritardo dei banchi, le cattedre vuote e la nuova difficile gestione, chiedono che venga posticipato l’inizio delle lezioni, ma la vice di Azzolina assicura che si sta provvedendo a risolvere e che per i dubbi il ministero ha messo a disposizione un help desk.

Sui nuovi banchi in ritardo Ascani ha garantito che per le scuole che riaprono già oggi a Bolzano sono arrivati.

“Sapevamo che un Paese che produce 200 mila banchi all’anno non può produrne 2 milioni e mezzo in un mese. Avevamo dato 331 milioni alle scuole anche per gli arredi. Poi i presidi ci hanno segnalato l’impossibilità di trovare i banchi e a quel punto abbiamo deciso di centralizzare la gara.”

Dunque sembra che nonostante i banchi in ritardo per il rientro a scuola le lezioni non sono a rischio e una soluzione si troverà.

Rientro a scuola: il rischio contagi

Ciò che preoccupa maggiormente in merito al rientro a scuola è anche il rischio contagi da COVID-19 dal momento che gli istituti potrebbero diventare anche dei focolai. Basti pensare che solo in Francia numerose scuole hanno chiuso. La ministra Azzolina, è intervenuta in merito invitando famiglie e ragazzi alla prudenza e raccomandando per il rientro a scuola di scaricare la app Immuni.

“La scuola non è un luogo fatato e il rischio zero non esiste. Abbiamo lavorato tanto per minimizzare i rischi. E a scuola chiederemo un sacrificio a tutti, studenti e personale, per seguire regole e comportamenti.”

Ha dichiarato la ministra che ha concluso:

“Per avere sicurezza dentro le nostre scuole servirà la stessa responsabilità anche fuori.”

Intanto un accordo sui trasporti in vista del rientro a scuola è stato trovato, come anche nel nuovo decreto del governo sono previsti congedi straordinari per genitori con figli in quarantena e smart working. Resta il nodo non solo dei banchi in ritardo, ma dei supplenti dopo gli errori nelle graduatorie per le supplenze.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories