Pensione per chi ha 53, 55 e 62 anni: la prima via di uscita

Lorenzo Rubini

20 Dicembre 2020 - 13:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Vediamo qual è la prima via di pensionamento possibile, anche in base ai contributi versati, per chi oggi ha 53, 55 e 62 anni di età.

Pensione per chi ha 53, 55 e 62 anni: la prima via di uscita

Non sempre è possibile accedere al pensionamento anticipato quando si desidera, soprattutto se non si riescono a centrare i requisiti anagrafici o contributivi richiesti dalle diverse misure previdenziali. Ogni misura, infatti, richiede i propri specifici requisiti di accesso.

In questo articolo, rispondendo alle domande di alcuni lettori di Money.it, cercheremo di indagare sui requisiti di accesso a determinate misure.

Pensione per chi ha 53, 55 e 62 anni

  • “Buongiorno nel prossimo 2021 a Febbraio avrò maturato 39 anni di contributi e a Giugno 55 di età. Quale percorso mi attende per il pensionamento? Grazie”

Essendo lei uomo e non potendo accedere alla pensione con la quota 100 per la mancanza del requisito anagrafico, la prima possibilità di pensionamento è rappresentata dalla pensione anticipata ordinaria che richiede 42 anni e 10 mesi di contributi (per le donne un anno in più).

Rientrando nella categoria dei lavoratori precoci, inoltre, avrebbe possibilità di accedere alla pensione con la quota 41 al raggiungimento dei 41 anni di contributi ma solo se appartiene ad uno dei profili di tutela ammessi alla misura (caregiver, invalido, disoccupato, gravoso o usurante).

  • “Sono una pubblica dipendente e perfeziono i 38 anni di servizio e i 62 anni di età nel mese di dicembre 2021.Posso accedere alla pensione 100 se la finestra semestrale ricade nel 2022? Grazie”

Il decreto 4/2019 prevede esplicitamente che la scadenza del 31 dicembre 2021 sia da prendere in considerazione solo e soltanto per il raggiungimento dei requisiti di accesso alla pensione quota 100. Per chi raggiunge i 62 anni di età ed i 38 anni di contributi entro tale data, infatti, l’accesso alla pensione è permesso anche in un qualsiasi momento successivo alla scadenza della misura.

Pertanto, se lei raggiunge i requisiti entro la fine del 2021 le sarà permesso il pensionamento con la quota 100 anche se la finestra di accesso si aprirà soltanto nei 6 mesi successivi.

  • “Buonasera. Io ho 53 anni, 20 anni di contributi e 75% di invalidità. Posso andare in pensione anticipata? Grazie della risposta”

Purtroppo vista la sua giovane età e visto che non ha accumulato un gran numero di anni di contributi, la percentuale di invalidità posseduta non le permette un’anticipo sulla pensione di vecchiaia.

Per le donne, però, esiste la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia anticipata al compimento dei 56 anni e con soli 20 anni di contributi se in possesso di una certificazione di invalidità almeno all’80%. Se nei prossimi anni, quindi, la sua invalidità dovesse aggravarsi potrebbe accedere alla pensione con questa misura senza dover attendere il compimento dei 67 anni.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories