Moncler, Ferragamo e Tod’s in affanno causa Cina. Ripresa o tracollo del lusso italiano?

Borsa italiana: settore della moda bersaglio di vendite sui nuovi timori per l’economia cinese. Sapranno reagire le aziende del fashion? Previsioni: ripresa o tracollo?

Titoli della moda in affanno a Piazza Affari: Moncler al momento viaggia a un -3.61% dopo il tonfo di ieri a -6,4%, Salvatore Ferragamo perde lo 0,73% e Tod’s l’1,18%.

I titoli del lusso italiano sono oggetto di vendite a causa delle nuove paure che riguardano la Cina, poiché l’incidenza in bilancio dei mercati asiatici per le società della moda sono piuttosto rilevanti.

I titoli italiani del Lusso in crisi causa Cina

Numeri alla mano, dai dati emersi dalle ultime semestrali, il mercato asiatico pesa sul fatturato di Moncler per il 34,7% delle vendite del gruppo, per Salvatore Ferragamo il 36,8% e per il gruppo Tod’s il 23%. Non è un caso infatti, che ad Agosto, sulla scia dell’annuncio della BPoC di svalutare lo yuan, l’intero settore della moda sia stato bersagliato dalle vendite.

Gli ultimi dati sull’inflazione in Cina evidenziano una contrazione rispetto alle aspettative governative, oggi infatti sono stati resi noti i nuovi dati che evidenziano un rallentamento dell’inflazione vista all’ 1,6% rispetto al 2% di Agosto.
Questi dati fanno sorgere dubbi sul raggiungimento da parte del Paese asiatico del target sull’inflazione del 3% per l’anno in corso. Inoltre, i dati diffusi ieri sull’importazione cinese, preoccupano le prospettive di vendita delle società italiane nel Paese.

Moncler, Ferragamo e Tod’s: quali prospettive?

Tuttavia, gli analisti si mantengono fiduciosi per quel che riguarda Moncler, poiché, come evidenziato per Equita Sim, la società riuscirà ad arginare i rallentamenti delle vendite in Cina e negli Usa attraverso il mercato europeo visto in forte crescita (rating buy, target price 19,4).

Il gruppo Tod’s invece, viene visto meno a rischio data la minore incidenza in bilancio del mercato asiatico controbilanciato ampiamente dal mercato europeo, Mediobanca le dà rating Neutral con target price di 87 euro.

Discorso diverso per quel che riguarda Salvatore Ferragamo, per la quale il mercato asiatico ha un’incidenza maggiore nel bilancio societario. Tuttavia, la società di moda ha visto crescere il fatturato nei mercati asiatici a doppia cifra, nonostante l’affanno dei Paesi orientali. Mediobanca, Raymond James e Glodman Sachs consigliano il buy con target price medio di 31 euro.

Invece, Banca Akros sottolinea che grazie alla nuova legge di Stabilità, il mercato italiano potrà dare man forte al settore del lusso italiano, spinto principalmente dagli acquisti dei turisti in Italia che sono molto attratti dal made in Italy della moda.

Al momento quindi, il rallentamento dei mercati asiatici sembra non preoccupare troppo sul futuro del settore della moda italiano.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.