McDonald’s assume 600 nuovi dipendenti al sud

McDonald’s annuncia la creazione di 600 posti di lavoro nel sud del nostro Paese e in particolare in Campania conseguente all’apertura di 16 nuovi ristoranti nel prossimi 5 anni; le figure professionali ricercate potranno essere le più diverse.

McDonald's assume 600 nuovi dipendenti al sud

McDonald’s apre le porte a nuove assunzioni e prevede la creazione di 600 posti di lavoro; il dato incoraggiante è che la creazione di questi posti di lavoro è destinata al Sud del nostro Paese.

L’apertura del primo ristorante McDonald’s in Italia risale al 1985 quando si avviò questa attività a Bolzano. Attualmente l’azienda è presente sul territorio della penisola con oltre 550 punti vendita in 102 province e dà lavoro a più di 20.000 persone.

L’azienda ha di recente annunciato la creazione di posti di lavoro nella regione Campania che andranno a sostenere l’apertura di nuovi locali sul territorio. Le posizioni non sono ancora aperte ma si consiglia di tenere sotto controllo il sito perché entro 5 anni si prevede un investimento sostanzioso di McDonald’s nelle zone più povere della nostra nazione.

Prospettive occupazionali

Il colosso americano prevede un piano di assunzioni molto fitto in Campania. L’azienda annuncia l’avvio di un programma di investimenti per 40 milioni di euro con la conseguente apertura di 16 nuovi ristoranti che si affiancherebbero ai 30 già esistenti. Le strutture attualmente danno lavoro a oltre 900 dipendenti ai quali se ne aggiungerebbero 600 nei prossimi 5 anni.

La buona notizia arriva direttamente dall’amministratore delegato di McDonald’s Italia, Mario Federico che fa il punto dell’attuale situazione in Campania e sui locali dislocati al momento sul territorio e rende noti i futuri investimenti previsti dalla società in questa regione.

I nuovi posti di lavoro che in prospettiva verranno creati dovrebbero riguardare le seguenti figure professionali:

  • manager e responsabili;
  • addetti alla ristorazione ossia crew, hostess e steward.

Offerte di lavoro

Per quanto riguarda le nuove assunzioni è possibile che si svolgeranno per mezzo della campagna itinerante McItalia Job Tour che si pone l’obiettivo di reclutare e selezionare il personale da assumere per le nuove aperture e che di solito si svolge nelle città in cui vengono inaugurati i ristoranti e in questo caso nelle città campane.

Ad oggi però non è ancora possibile accedere alla nuove offerte di lavoro preannunciate al sud e chi vuole entrare nel gruppo di fast-food può consultare l’elenco delle posizioni aperte attualmente.

Nella pagina “Lavora con noi” del sito di McDonald’s è possibile consultare le offerte di lavoro per le sedi che riportiamo di seguito:

  • Parma;
  • Prato;
  • Barberino di Mugello (Fi);
  • Roma Aurelia;
  • Milano Rubicone;
  • Verano Brianza (MB);
  • Villese;
  • Monfalcone (GO).

Una volta presa visione delle posizioni aperte al momento è possibile inviare la propria candidatura online inoltrando il proprio curriculum vitae all’apposito form.

Made in Italy

Secondo le più recenti ricerche risulta evidente che ci sia una sempre maggiore attenzione da parte dei consumatori italiani al cibo di qualità e di provenienza nostrana.

L’italianità di quello che si mette in tavola è diventato un valore fondamentale e nella percezione comune garanzia di genuinità. In particolare secondo uno studio portato avanti da McDonald’s il 78% degli italiani si dice pronto a spendere di più per prodotti Made in Italy nel settore enogastronomico.

McDonald’s ha preso spunto da questo studio poi per ribadire che i suoi piatti sono il risultato di servizi e prodotti per l’80% provenienti da aziende che si trovano in Italia.

Secondo l’amministratore delegato quindi anche questo è un modo efficace per attivare un circolo virtuoso di occupazione e investimenti nel nostro Paese.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su McDonald’s

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.