Giustizia, i tribunali riaprono dal 3 settembre: ecco come

Giustizia, riaprono tribunali e uffici giudiziari: ma il rischio rallentamento causa COVID-19 è concreto.

Giustizia, i tribunali riaprono dal 3 settembre: ecco come

Giovedì 3 settembre, dopo la sospensione feriale, riaprono gli uffici giudiziari. Una ripresa per le attività dei tribunali i quali, dopo i mesi di lockdown, dovranno tornare a funzionare a regime.

Una sfida non da poco per i tribunali, i quali saranno chiamati a recuperare i ritardi accumulati nei mesi di sospensione delle attività causa COVID-19. Tornare ai ritmi di lavoro pre-pandemia, però, non sarà semplice in quanto nell’organizzazione del lavoro, e delle varie attività, i tribunali dovranno rispettare le norme introdotte per la limitazione dei contagi che inevitabilmente comporteranno dei rallentamenti.

Ma non sono solamente queste norme a preoccupare: c’è anche il fatto che in caso di contagi negli uffici potrebbe esserci la chiusura di interi settori. E la crescita dei contagi accertata in queste settimane non aiuta in tal senso.

Resta quindi una sorta di preoccupazione in vista della ripresa per il settore della Giustizia; ma vediamo nel dettaglio in che modo riaprono i tribunali e quali sono le misure restrittive introdotte per tribunali e uffici giudiziari.

Mercoledì 3 settembre riaprono i tribunali: ecco come

In realtà per tribunali e uffici giudiziari lo stato di emergenza si è concluso già al 30 giugno. Da allora abbiamo avuto un piccolo assaggio di come saranno strutturate le attività in questi mesi, nonché sulle misure di restrizione che sono state introdotte al fine di limitare il rischio contagio da COVID.

Va detto che le regole variano a seconda della realtà, ma sintetizzando possiamo dire che in ogni ufficio non sono mancati gli interventi di prevenzione come quello che prevede il contingentamento degli ingressi. A tal proposito, ogni accesso dovrà essere regolamentato: alle cancellerie si potrà andare solo su appuntamento, e le udienze saranno organizzate su diverse fasce orarie.

Alcuni processi restano a distanza

Non verrà abbandonata poi la possibilità dei processi a distanza, i quali potranno tenersi - come autorizzato espressamente dalle norme dell’emergenza - sia per iscritto che in collegamento video. Ma attenzione: dal 1° novembre terminerà la possibilità di celebrare le udienze civili a distanza e cartolari, in quanto per quella data verrà meno quanto stabilito dal Decreto Rilancio con cui è stata data la possibilità di sostituire quelle udienze civili a cui devono partecipare solo i difensori con il deposito di note scritte o anche - dove e quando possibile - con collegamenti audiovisivi.

In ogni caso è volontà comune di tornare alle udienze in presenza: è per questo motivo che nei vari tribunali si sta cercando, tramite lavori infrastrutturali, di ampliare gli spazi per garantire a tutte le parti interessate di essere in aula. Si pensi ad esempio ai processi penali, ma anche a quelli del settore lavoro dove spesso in udienza siedono anche sindacati e azioni collettive.

Distanziamento nei tribunali: necessario contingentare gli ingressi

L’obiettivo comune è quello di evitare assolutamente gli assembramenti. E non sarà facile visti gli spazi ridotti di molti uffici giudiziari. E se per le aule per l’udienza si sta provvendo ad un ampliamento, per i vari uffici sono state introdotte delle misure ad hoc, quali ad esempio:

  • fasce orarie per le udienze che si potranno tenere anche nel pomeriggio;
  • servizi solo su appuntamento;
  • co-working per il personale amministrativo.

Soluzioni in molti casi innovativi ma che potrebbero non essere sufficienti per far sì che i lavori degli uffici giudiziari possano procedere spediti come prima dello scoppio della pandemia.

Anche perché c’è un altro fattore da prendere in considerazione: il fatto che nel caso dovesse essere accertato un lavoratore positivo ci possa essere la chiusura di interi settori per il tempo necessario per sanificare gli spazi e far sì che tutti coloro che vi sono entrati in contatto vengano sottoposti al test. Misure necessarie ma che di certo andranno ad incidere negativamente sui tempi della Giustizia.

Argomenti:

Avvocati

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1686 voti

VOTA ORA