Covid, nuovo vaccino potrebbe proteggere da tutte le varianti (a meno di €1 a dose)

Mario D’Angelo

20/04/2021

20/04/2021 - 18:36

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Ricercatori USA sono al lavoro su un vaccino universale contro tutte le tipologie di coronavirus. I risultati vengono definiti «promettenti».

Covid, nuovo vaccino potrebbe proteggere da tutte le varianti (a meno di €1 a dose)

Un vaccino in grado di fornire protezione da tutte le varianti esistenti e future del coronavirus al costo di meno di un euro a dose? Non è impossibile. La novità arriva dall’Università statale del Virginia e si basa su un semplice principio che potrebbe aprire le porte a un siero universale contro tutti i coronavirus, anche quelli che causano il comune raffreddore.

Il vaccino sviluppato dall’Università statunitense, hanno detto i ricercatori, ha mostrato “risultati promettenti”.

Università del Virginia studia un siero universale

La chiave per rallentare la pandemia di Covid-19, è noto già da tempo, sono i vaccini. Ma la campagna vaccinale si è rivelata immediatamente più difficile di quanto paventato a causa di dubbi sulla sicurezza dei vaccini stessi, in particolare quelli quelli a vettore virale, e soprattutto della scarsità delle dosi.

Queste sono state ottenute quasi esclusivamente da Paesi ricchi, e persino questi si sono visti costretti a stabilire priorità sulle categorie a rischio.

La ricerca dell’Università del Virginia rappresenterebbe senz’altro una svolta sul fronte della disponibilità di dosi: questo vaccino verrebbe prodotto al costo di 1 dollaro a dose e sarebbe efficace non solo contro tutte le possibili varianti del Covid-19, ma anche contro tutte le tipologie di coronavirus.

Come funziona il vaccino universale anti-Covid

Il funzionamento è presto detto: i coronavirus appartengono a un gruppo di patogeni molto comuni, con i quali condividono un tratto ampio del patrimonio genetico. La nuova piattaforma sviluppata dai ricercatori statunitensi si basa su plasmidi e vettori batterici uccisi che andrebbe a colpire le specifiche porzioni del codice genetico comune a tutti i coronavirus.

La nostra nuova piattaforma offre un nuovo percorso che permette di produrre rapidamente vaccini a costi molto bassi che possono essere fabbricati in stabilimenti esistenti in tutto il mondo, cosa che dovrebbe essere particolarmente d’aiuto per la risposta alla pandemia”, ha detto Zeichner.

Se i risultati si confermassero positivi anche con i test umani, una cosa è certa: non ci sarebbe concorrenza con i vaccini prodotti dalle altre aziende farmaceutiche.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter