Avvocati: confermato il limite del doppio mandato nei Consigli dell’Ordine

La Corte Costituzionale, con sentenza depositata oggi, ha confermato il limite del doppio mandato elettivo per il rinnovo dei Consigli dell’Ordine. Qui le motivazioni dei giudici (sentenza allegata).

Avvocati: confermato il limite del doppio mandato nei Consigli dell'Ordine

Avvocati, confermato il limite del doppio mandato elettivo nei Consigli dell’Ordine: la Corte Costituzionale ha appena depositato le motivazioni della sentenza che sanciscono il divieto di eleggibilità dopo il secondo mandato consecutivo.

In pratica, dietro il divieto - da molti contestato - c’è l’esigenza di garantire il “fisiologico ricambio” dei membri dell’Ordine, nel rispetto dei principi di buon andamento e imparzialità.

La questione si era aperta qualche tempo fa, quando il Consiglio Nazionale Forense aveva sollevato la questione di costituzionalità circa la possibilità o meno di eleggere gli stessi candidati per più di due mandati consecutivi alle elezioni per il rinnovo dei Consigli dell’Ordine.

Secondo il CNF, il doppio mandato elettivo non è contrario alle norme costituzionali, anzi limita la libera autonomia dell’ordine professionale; tuttavia i giudici della Corte Costituzionale sono stati di diverso avviso. Facciamo il punto sulle motivazioni della Consulta (pdf in allegato).

Avvocati, confermato il limite del doppio mandato presso il Consiglio dell’Ordine: la vicenda processuale

La questione in merito alla costituzionalità del limite del doppio mandato per le elezioni del Consiglio dell’Ordine forense prende spunto da quanto accaduto a La Spezia e Savona, dove, in occasione delle elezioni, degli avvocati avevano sollevato dubbi circa l’elezione di alcuni colleghi che ormai si trovavano al terzo e quarto mandato consecutivo.

Secondo il Consiglio Nazionale Forense, non vi erano dubbi: nessuna regola impone il limite del doppio mandato consecutivo nei Consigli dell’Ordine. Infatti, sempre secondo il CNF, il divieto del terzo mandato sarebbe un’ingiustificata compressione dell’autonomia gestionale e amministrativa dell’Ordine degli avvocati; autonomia tutelata dalla stessa Costituzione.

I giudici della Corte Costituzionale, invece, sono di parere opposto: per il rinnovo dei Consigli dell Ordine degli avvocati vige il divieto del mandato successivo al secondo. Le motivazioni nella sentenza n. 173/2019:

Corte Costituzionale, sentenza numero 173/2019
Clicca qui per aprire il pdf

Limite del doppio mandato elettivo, a cosa serve?

Come spiegato nelle motivazioni della Corte Costituzionale, il limite del terzo mandato serve ad impedire la “cristallizzazione” della rappresentanza all’interno dell’Ordine. Difatti, impedire che si venga eletti dopo il secondo mandato consecutivo, serve a favorire il ricambio all’interno del Consiglio, ed aumentare l’autorevolezza delle decisioni.

Inoltre, il divieto risponde ai principi di trasparenza, imparzialità e buon andamento dell’amministrazione. Queste le parole dei giudici della Corte Costituzionale:

«Il divieto del terzo consecutivo mandato favorisce il fisiologico ricambio all’interno dell’organo, immettendo «forze fresche» nel meccanismo rappresentativo (nella prospettiva di assicurare l’ampliamento e la maggiore fluidità dell’elettorato passivo), e - per altro verso - blocca l’emersione di forme di cristallizzazione della rappresentanza; e ciò in linea con il principio del buon andamento della amministrazione, anche nelle sue declinazioni di imparzialità e trasparenza, riferito agli ordini forensi, e a tutela altresì di valori di autorevolezza di una professione oggetto di particolare attenzione da parte del legislatore, in ragione della sua diretta inerenza all’amministrazione della giustizia e al diritto di difesa.»

Dunque, per i giudici costituzionali le motivazioni del CNF sono inammissibili.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Avvocati

Argomenti:

Avvocati Costituzione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.