Agenda macro 9 novembre 2018: Usa, prezzi alla produzione e fiducia dei consumatori, Pil in Uk

Nella giornata odierna gli investitori saranno concentrati nella mattinata sul Regno Unito e nel pomeriggio negli Stati Uniti. Atteso il dato preliminare sulla fiducia dei consumatori elaborata dall’Università del Michigan

Agenda macro 9 novembre 2018: Usa, prezzi alla produzione e fiducia dei consumatori, Pil in Uk

L’agenda macro odierna vede in programmazione il rilascio di alcuni dati significativi in Uk in mattinata e Oltreoceano nel pomeriggio. Per il Regno Unito si attende la misurazione del Pil relativo al terzo trimestre 2018 alle ore 10:30.

Gli analisti censiti da Bloomberg si aspettano un dato in aumento allo 0,6% contro lo 0,4% della precedente rilevazione. Anche la misurazione annuale è prevista in aumento dal 1,2% del dato precedente al 1,5% di consensus.


Pil YoY del Regno Unito. Fonte: Bloomberg

A tal proposito gli analisti si aspettano una prosecuzione del miglioramento del Pil, probabilmente favorito dalla debolezza della sterlina, dopo il dato in aumento rilevato per il secondo trimestre 2018. Questo nonostante le incertezze e le perplessità legate attorno agli accordi Brexit.

Alle ore 14:30 il focus degli investitori si sposterà negli Stati Uniti per il rilascio dei dati sui prezzi alla produzione e la fiducia dei consumatori. Gli analisti censiti da Bloomberg non si aspettano variazioni significative dei dati su base mensile dei prezzi alla produzione, che sono attesi in linea con i valori emersi nelle rilevazioni precedenti ovvero allo 0,2%.

Per quanto riguarda i dati annuali gli analisti si aspettano invece entrambe le misurazioni in contrazione rispettivamente dal 2,6% al 2,5% per il dato PPI e dal 2,5% al 2,3% per il dato core. Con questi valori il dato core tornerebbe ai valori registrati nel mese di agosto, mentre per il PPI segnerebbe un nuovo minimo attestandosi ai valori segnati tra i mesi di agosto e settembre 2017.

A concludere la serie di appuntamenti macro di oggi, il dato sulla fiducia dei consumatori elaborata dall’Università del Michigan. La misurazione (preliminare), relativa al mese di novembre, è attesa in calo a 98 punti contro 98,6 punti della precedente rilevazione.


Fiducia dei consumatori statunitensi elaborata dall’Università del Michigan. Fonte: Bloomberg

Gli analisti censiti da Bloomberg si aspettano dunque una prosecuzione del calo di fiducia dai recenti livelli di massimi segnati con la rilevazione di settembre a 100,10 punti.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Punto macro

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.