Nasdaq Composite (Nasdaq)

Il Nasdaq Composite è l’indice azionario di riferimento del mercato telematico NASDAQ, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. Nato a New York il 5 febbraio 1971 come benchmark dei principali titoli tecnologici della Borsa americana, il valore base del Nasdaq Composite al momento del suo primo lancio era di 100 punti. L’indice Nasdaq Composite ha raggiunto il suo record storico intraday nella seduta del 13 marzo 2018 a 7.637,2690 punti, mentre il massimo sul prezzo di chiusura è stato battuto la seduta precedente a 7.588,3252 punti. Risale all’ultimo trimestre del 1974 la seduta in cui l’indice ha toccato il suo valore minimo intraday a 54,87 punti.

Caratteristiche

Il Nasdaq Composite è un indice azionario basato sulla capitalizzazione flottante delle proprie componenti azionarie. Il valore del Nasdaq Composite viene calcolato in base al prezzo delle azioni, alla capitalizzazione di mercato e al divisore. La base per calcolare l’indice è ottenuta come media ponderata basata sulla capitalizzazione di mercato. Infine, la media ponderata finale viene divisa per il divisore. Quest’ultimo consiste in un numero variabile definito dal comitato che gestisce l’indice e viene utilizzato per mantenere la continuità storica dell’indice.

Composizione

L’indice Nasdaq Composite richiede la quotazione esclusiva dei propri componenti azionari. L’unica eccezione a tale regola è consentita nel caso in cui i titoli siano quotati su un altro mercato americano prima del 1° gennaio 2004.

Il Nasdaq Composite è un paniere che include azioni ordinarie di più di tremila società. L’indice inoltre include tutti i tipi titoli purché essi non siano derivati di qualunque genere, azioni privilegiate (anche di risparmio), quote di fondi chiusi, ETF, o obbligazioni convertibili.

L’indice Nasdaq Composite è nato come principale benchmark dei titoli tecnologici americani. Tuttavia oggi il listino contiene al suo interno azioni di società attive in settori più differenziati come, ad esempio, beni e servizi di consumo, industriali, telecomunicazioni, e anche servizi finanziari. Fra i titoli più celebri contenuti nell’indice figurano: Microsoft, Cisco Systems, IBM, Apple, Google, Yahoo e Facebook.

Esiste una versione più ristretta dell’indice Composite, ovvero l’indice Nasdaq 100, benchmark che replica le performance dei titoli delle prime 100 società per capitalizzazione del listino. I movimenti del Nasdaq 100 esprimono circa il 90% di quelli della versione composita. Per questo il Nasdaq 100 viene spesso usato come benchmark da diversi emittenti per la costruzione di fondi passivi indicizzati (ETF).

Cenni storici e curiosità

Il NASDAQ è stata la prima Borsa al mondo a prevedere l’invio e la ricezione degli ordini esclusivamente per via elettronica/telematica. Originariamente i computer servivano solo per diffondere le informazioni dei prezzi in via continua e non a connettere gli operatori: il passaggio degli ordini, fino al 1987, avveniva per via telefonica.

La trasmissione interamente telematica degli ordini venne istituita dopo il 1987. La diffusione delle quotazioni per via telematica ha da sempre garantito un notevole aumento della trasparenza e dell’efficienza, infatti per lungo tempo il NASDAQ è stato il mercato con i minori spread bid/ask in circolazione.

Il mercato NASDAQ è gestito dalla società The Nasdaq Stock Market Inc., le cui azioni sono quotate nel listino stesso con il simbolo NDAQ, con sede in Times Square a New York.

*80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

16,685,97

ULTIMO VALORE

-0,07%

ULTIMA VARIAZIONE

PERFORMANCE

+1,91%

1 settimana

+8,85%

1 mese

+15,72%

6 mesi

+34,36%

1 anno

Ultimo aggiornamento

-

Condividi su
Grafico

*I dati intraday e in tempo reale sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Dati completi Nasdaq Composite

Nasdaq

Simbolo

-

ISIN

%

Var. %

-

Apertura

-

Minimo oggi

-

Massimo oggi

Chiusura precedente

Minimo (52 sett.)

Massimo (52 sett.)

Approfondimenti Nasdaq Composite

Ufficio Studi Money.it

Febbraio 2019

Wall Street: i titoli da monitorare per il 6 febbraio

Prosegue la stagione delle trimestrali a Wall Street. Per oggi alcuni dei titoli da tenere sott’occhio sono First Data Corp, Cummins e Take Two Interactive Softwares

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: i titoli sotto la lente di giovedì 31 gennaio

Le quotazioni dei principali listini americani hanno beneficiato di forti rialzi causati dalle parole accomodanti del Presidente della Fed, Jerome Powell. Per oggi abbiamo individuato occasioni operative interessanti su Amazon, UPS e DowDuPont

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

AMD: MM a 200 giorni accompagna il titolo in vista dei conti trimestrali

Per il titolo del settore tecnologico oggi sono attesi i conti trimestrali, che saranno pubblicati dopo la chiusura di Wall Street. Intanto la struttura tecnica è orientata al rialzo, con i corsi che rimangono stabilmente al di sopra della media mobile a 200 periodi

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: i titoli da monitorare per il 25 gennaio

La stagione delle trimestrali prosegue a Wall Street. Nell’ultima seduta dell’ottava, le azioni da tenere sott’occhio oggi sono Intel, AbbVie e Colgate-Palmolive

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: Netflix, operatività contrarian in vista della trimestrale

Oggi grande attesa per i conti trimestrali del titolo del settore entertainment statunitense. La struttura tecnica è in continuo miglioramento dopo il rimbalzo effettuato il 26 dicembre scorso. Tuttavia il vigoroso rialzo potrebbe aver bisogno di una pausa fisiologica prima di un nuovo allungo

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: i titoli caldi di mercoledì 16 gennaio

Continua la fase rialzista sui principali indici americani, che ieri hanno archiviato un’altra seduta positiva. Per oggi alcune delle occasioni operative più interessanti riguardano United Continental, Dollar Tree e BioMarin Pharmaceutical

Alessandro Venuti

Gennaio 2019

Tesla, Ellison di Oracle investe un miliardo di dollari

Il fondatore di Oracle, Larry Ellison, ha rivelato una partecipazione in Tesla del valore di circa 1 miliardo di dollari. Ora è il secondo maggiore azionista dopo il numero uno della società, Elon Musk

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: i titoli caldi di martedì 8 gennaio

La seduta di ieri ha dato modo ai principali listini americani di consolidare i guadagni delle scorse giornate di contrattazione. L’Ufficio Studi di Money.it ha individuato situazioni grafiche interessanti su Starbucks, Foot Locker e AT&T

Ufficio Studi Money.it

Gennaio 2019

Wall Street: i titoli caldi di giovedì 3 gennaio

I principali futures sugli indici azionari statunitensi proseguono in rialzo dopo l’apertura in gap down. L’Ufficio studi di Money.it per l’operatività odierna si è concentrata sui titoli: Apple, Tesla e Abbott Laboratories

[(|non) ]