Nasdaq Composite (Nasdaq)

Il Nasdaq Composite è l’indice azionario di riferimento del mercato telematico NASDAQ, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. Nato a New York il 5 febbraio 1971 come benchmark dei principali titoli tecnologici della Borsa americana, il valore base del Nasdaq Composite al momento del suo primo lancio era di 100 punti. L’indice Nasdaq Composite ha raggiunto il suo record storico intraday nella seduta del 13 marzo 2018 a 7.637,2690 punti, mentre il massimo sul prezzo di chiusura è stato battuto la seduta precedente a 7.588,3252 punti. Risale all’ultimo trimestre del 1974 la seduta in cui l’indice ha toccato il suo valore minimo intraday a 54,87 punti.

Caratteristiche

Il Nasdaq Composite è un indice azionario basato sulla capitalizzazione flottante delle proprie componenti azionarie. Il valore del Nasdaq Composite viene calcolato in base al prezzo delle azioni, alla capitalizzazione di mercato e al divisore. La base per calcolare l’indice è ottenuta come media ponderata basata sulla capitalizzazione di mercato. Infine, la media ponderata finale viene divisa per il divisore. Quest’ultimo consiste in un numero variabile definito dal comitato che gestisce l’indice e viene utilizzato per mantenere la continuità storica dell’indice.

Composizione

L’indice Nasdaq Composite richiede la quotazione esclusiva dei propri componenti azionari. L’unica eccezione a tale regola è consentita nel caso in cui i titoli siano quotati su un altro mercato americano prima del 1° gennaio 2004.

Il Nasdaq Composite è un paniere che include azioni ordinarie di più di tremila società. L’indice inoltre include tutti i tipi titoli purché essi non siano derivati di qualunque genere, azioni privilegiate (anche di risparmio), quote di fondi chiusi, ETF, o obbligazioni convertibili.

L’indice Nasdaq Composite è nato come principale benchmark dei titoli tecnologici americani. Tuttavia oggi il listino contiene al suo interno azioni di società attive in settori più differenziati come, ad esempio, beni e servizi di consumo, industriali, telecomunicazioni, e anche servizi finanziari. Fra i titoli più celebri contenuti nell’indice figurano: Microsoft, Cisco Systems, IBM, Apple, Google, Yahoo e Facebook.

Esiste una versione più ristretta dell’indice Composite, ovvero l’indice Nasdaq 100, benchmark che replica le performance dei titoli delle prime 100 società per capitalizzazione del listino. I movimenti del Nasdaq 100 esprimono circa il 90% di quelli della versione composita. Per questo il Nasdaq 100 viene spesso usato come benchmark da diversi emittenti per la costruzione di fondi passivi indicizzati (ETF).

Cenni storici e curiosità

Il NASDAQ è stata la prima Borsa al mondo a prevedere l’invio e la ricezione degli ordini esclusivamente per via elettronica/telematica. Originariamente i computer servivano solo per diffondere le informazioni dei prezzi in via continua e non a connettere gli operatori: il passaggio degli ordini, fino al 1987, avveniva per via telefonica.

La trasmissione interamente telematica degli ordini venne istituita dopo il 1987. La diffusione delle quotazioni per via telematica ha da sempre garantito un notevole aumento della trasparenza e dell’efficienza, infatti per lungo tempo il NASDAQ è stato il mercato con i minori spread bid/ask in circolazione.

Il mercato NASDAQ è gestito dalla società The Nasdaq Stock Market Inc., le cui azioni sono quotate nel listino stesso con il simbolo NDAQ, con sede in Times Square a New York.

*80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

16,853,74

ULTIMO VALORE

0,15%

ULTIMA VARIAZIONE

PERFORMANCE

+0,92%

1 settimana

+5,56%

1 mese

+17,46%

6 mesi

+29,94%

1 anno

Ultimo aggiornamento

-

Condividi su
Grafico

*I dati intraday e in tempo reale sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Dati completi Nasdaq Composite

Nasdaq

Simbolo

-

ISIN

%

Var. %

-

Apertura

-

Minimo oggi

-

Massimo oggi

Chiusura precedente

Minimo (52 sett.)

Massimo (52 sett.)

Approfondimenti Nasdaq Composite

Alessio Trappolini

Alessio Trappolini

Luglio 2019

Wall Street: triplo record e toro scatenato

Prospettive di una Fed sempre più colomba spingono gli indici azionari americani sui massimi storici. Oggi Wall Street rimarrà chiusa per il giorno dell’indipendenza

Ufficio Studi Money.it

Giugno 2019

Wall Street: Broadcom zavorra il Nasdaq future nel pre-market

Nell’ultima seduta della settimana, i futures sui principali indici americani veleggiano sotto la parità. Per oggi i titoli che abbiamo selezionato sono Broadcom, Global Blood Therapeutics e ArQule

Ufficio Studi Money.it

Giugno 2019

Nasdaq 100 future: resistenze bloccheranno le velleità rialziste?

Dopo un corposo rialzo negli scorsi giorni, le quotazioni del future sul Nasdaq 100 si stanno avvicinando ad un livello di resistenza piuttosto importante. Vediamo come operare con i certificati Turbo di BNP Paribas

Alessandro Venuti

Maggio 2019

Tesla: il crollo da inizio anno costa a Musk 4,9 miliardi di dollari

Le azioni della società guidata da Elon Musk sono crollate del 43% quest’anno provocando perdite non solo al CEO, ma anche ai tre maggiori azionisti individuali: Tencent Holdings Ltd., il Fondo di investimento pubblico dell’Arabia Saudita e Larry Ellison

Gennaro Ottaviano

Maggio 2019

Tesla perde la carica: crollo in borsa

Il titolo quotato nel Nasdaq, venerdì ha ceduto un altro 4% raggiungendo il -42% dagli inizi del 2019. Si prospetta un possibile crollo?

Renato Frolvi

Maggio 2019

Mercati in correzione: bisogna avere paura?

La guerra sui dazi è sì causa di uno storno in atto ma non è un fattore talmente preponderante da indurre l’inversione del trend positivo di lungo periodo delle borse.

Gennaro Ottaviano

Aprile 2019

Alphabet manca le aspettative di Wall Street

Il titolo Alphabet alla chiusura di Wall Street è salito del 18,78% a 1.296,20 dollari. L’attesa è stata lunga ma anche Google è sulla scia dei giganti dell’hi-tech anche se cade sugli utili rispetto a quelli previsti dagli analisti

Ufficio Studi Money.it

Aprile 2019

Wall Street: Nasdaq 100 ai massimi storici, comprare o vendere per l’analisi tecnica?

L’indice azionario tecnologico Usa è in evidenza tra gli operatori dei mercati finanziari, dopo aver segnato un nuovo massimo assoluto. Il ribasso di ottobre sembra ormai un ricordo, ma sarà necessario attendere alcune prese di beneficio prima di entrare long. Ecco i livelli da monitorare secondo l’analisi tecnica

[(|non) ]