Wall Street è crollata ai minimi di due mesi: cosa sta per accadere?

Violetta Silvestri

17 Settembre 2022 - 09:52

condividi

La seduta di Wall Street si è conclusa con una pessima performance: gli indici principali hanno archiviato la settimana, toccando il minimo di due mesi. C’è molto nervosismo: cosa sta per accadere?

Wall Street è crollata ai minimi di due mesi: cosa sta per accadere?

Wall Street lancia segnali poco incoraggianti sulle prospettive economico-finanziarie.

I titoli statunitensi hanno chiuso in rosso nella seduta di venerdì 16 settembre, scendendo ai minimi di due mesi a causa dell’avvertimento di un imminente rallentamento globale da parte della FedEx, che ha accelerato la fuga degli investitori verso asset rifugio al termine di una settimana tumultuosa.

Tutti e tre i principali indici azionari Usa sono scesi a quote non toccate da metà luglio, con l’S&P 500 che ha chiuso al di sotto di 3.900 punti, un livello di supporto monitorato da vicino.

Mostrandosi oscillanti in una settimana difficile, scossa da preoccupazioni per l’inflazione, incombenti aumenti dei tassi di interesse e inquietanti segnali di allarme economico, l’S&P 500 e il Nasdaq hanno subito il peggior calo percentuale settimanale da giugno.

Quali segnali sta lanciando Wall Street sulla situazione statunitense? Non buoni, in attesa della Fed che si riunisce il 21 settembre.

Wall Street affonda e aspetta la Fed: cosa succede?

Pessima performance a Wall Street nella notte.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 139,40 punti, o dello 0,45%, per chiudere a 30.822,42. L’S&P 500 ha perso lo 0,72% per archiviare la settimana a 3.873,33. Il Nasdaq Composite è scivolato dello 0,90%, chiudendo a 11.448,40. È stata la settimana peggiore per l’S&P 500 e il Nasdaq da giugno.

Le azioni di FedEx sono crollate del 21,4%, il peggior tonfo giornaliero di sempre, dopo che la società di spedizioni ha ritirato la sua guida per l’intero anno e ha affermato che attuerà iniziative di riduzione dei costi per far fronte a volumi di spedizioni globali deboli, poiché l’economia mondiale è “notevolmente peggiorata”.

I titoli dei trasporti sono generalmente visti come un indicatore che anticipa i trend per il mercato azionario e per l’economia e FedEx ha suggerito che la debolezza in Asia è una delle ragioni principali delle sue prospettive negative. Le azioni dei rivali di spedizione UPS e XPO Logistics sono diminuite rispettivamente del 4,5% e del 4,7%, e le azioni di Amazon sono scese del 2,1%.

“È stata una settimana difficile. Sembra che Halloween sia arrivato presto”, ha affermato David Carter, amministratore delegato di JPMorgan a New York. “Ci troviamo di fronte a questa miscela tossica di alta inflazione, alti tassi di interesse e bassa crescita, che non va bene per i mercati azionari o obbligazionari”.

L’avvertimento della FedEx ha seguito le osservazioni della Banca Mondiale e del FMI, che hanno entrambi allertato su un imminente rallentamento economico mondiale.

C’è poi il focus sulle mosse della banca centrale Usa. Un diluvio di dati economici contrastanti, dominato da un rapporto sull’inflazione più caldo del previsto, ha cementato la previsione di un aumento dei tassi di interesse di almeno 75 punti base alla conclusione della riunione di politica monetaria della Fed la prossima settimana.

Fed osservata speciale

Con l’attenzione rivolta alla decisione politica della Fed il 21 settembre, la negoziazione di futures sui fondi federali venerdì ha suggerito che i mercati ora si aspettano che la banca centrale statunitense aumenti il ​​suo tasso di interesse principale al 4,4% entro marzo. Sarebbe un rialzo superiore alle previsioni di circa il 4% all’inizio di questa settimana.

Il tasso di riferimento, vicino allo zero all’inizio del 2022, è ora compreso tra il 2,25 e il 2,5%. Gli oneri finanziari più elevati in genere pesano sulla crescita economica e alcuni economisti prevedono che la Fed potrebbe lottare per evitare di far cadere in recessione la più grande economia del mondo.

Inoltre, i dati settimanali sulle richieste di sussidio di disoccupazione di giovedì hanno evidenziato la persistente forza del mercato del lavoro statunitense, suscitando ulteriore preoccupazione sull’aggressività della Federal Reserve.

Gli analisti di BNP Paribas hanno notato che i dati sull’inflazione di agosto hanno aperto le porte alla possibilità di un aumento del tasso di 1 punto percentuale, quando i politici della Fed si incontreranno la prossima settimana, un’accelerazione da due aumenti consecutivi di 0,75 punti percentuali. Tuttavia, l’aspettativa di consenso rimane un intervento di 0,75 punti percentuali.

Da segnalare, infine, che il nervosismo è generale. I mercati azionari europei hanno rispecchiato il crescente timore degli investitori sullo stato dell’economia globale. Lo Stoxx 600 regionale ha chiuso in ribasso dell’1,6% mentre il Dax tedesco è scivolato dell’1,7%. In Asia, l’indice Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,9% e il Topix giapponese dello 0,6%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.