Vaccino COVID, Pfizer chiede l’autorizzazione d’emergenza negli USA

Pfizer e la tedesca BioNTech hanno chiesto alla FDA l’approvazione d’emergenza del loro candidato vaccino anti-coronavirus

Vaccino COVID, Pfizer chiede l'autorizzazione d'emergenza negli USA

Il vaccino viaggia sull’alta velocità negli USA. Mentre Pfizer e la tedesca BioNTech hanno comunicato di aver chiesto alla FDA l’approvazione d’emergenza del candidato vaccino, varie agenzie statunitensi comunicano ai dipendenti che potrebbero ricevere le iniezioni entro due mesi. Al momento dell’annuncio le azioni Pfizer viaggiano a +1,30%.

Intanto la FDA ha dato l’autorizzazione d’emergenza all’uso combinato di baricitinib e di remdesivir per la cura del coronavirus.

Vaccino, Pfizer chiede autorizzazione d’emergenza

All’inizio di dicembre, con tutta probabilità, si riunirà la commissione della FDA per la revisione del candidato vaccino sviluppato da Pfizer e BioNTech, con cui anche l’Ue ha un contratto per la fornitura di milioni di dosi. La Food and Drug Administration è l’agenzia USA che regola l’ingresso nel mercato di cibi e medicine.

Venerdì 20 novembre le due aziende hanno richiesto alla FDA l’autorizzazione per l’uso d’emergenza del siero anti-coronavirus.

Se la FDA approva, il vaccino Pfizer sarà distribuito in fasi, con operatori sanitari, persone anziane e con condizioni pregresse che riceveranno le prime iniezioni.

Il processo di autorizzazione dovrebbe impiegare alcune settimane. L’autorizzazione all’uso d’emergenza (EUA) non corrisponde a una piena approvazione della FDA.

La EUA riguarda quei prodotti i cui “benefici conosciuti o potenziali superano i rischi conosciuti o potenziali”.

Pfizer, “dopo USA distribuzione vaccino in tutto il mondo”

“La registrazione negli Stati Uniti rappresenta una tappa critica nel nostro viaggio per distribuire un vaccino COVID-19 al mondo e adesso abbiamo un quadro più completo sia dal punto di vista dell’efficacia che della sicurezza del nostro vaccino, cosa che ci infonde fiducia sul suo potenziale”, ha detto il CEO di Pfizer Albert Bourla.

L’annuncio arriva a pochi giorni dalla diffusione dell’analisi finali - effettuata dalla stessa azienda - che ha rivelato un’efficacia del 95% nella prevenzione del COVID-19. 170 volontari su 43.000 partecipanti sono stati infettati.

L’amministrazione Trump, intanto, ha comunicato di essere pronta a distribuire a “velocità di curvatura” il vaccino, se approvato dalla FDA. Un processo simile, qualche settimana dopo (verso fine gennaio) dovrebbe ripetersi anche in Europa.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories