Vaccini Covid, novità: cosa prevede l’ordinanza di Figliuolo?

Laura Pellegrini

16 Marzo 2021 - 11:12

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il Commissario straordinario per l’emergenza, Francesco Figliuolo, ha firmato un’ordinanza per non sprecare i vaccini: le dosi avanzate a fine giornata andranno somministrate ai “soggetti disponibili al momento”.

Vaccini Covid, novità: cosa prevede l'ordinanza di Figliuolo?

Dopo aver annunciato a Che Tempo che Fa la necessità di non sprecare alcuna dose di vaccino, il Commissario straordinario per l’emergenza Figliuolo ha firmato un’ordinanza che agisce in questo senso: anziché buttare le dosi avanzate, queste ultime verranno somministrate a “soggetti disponibili al momento”.

In un periodo particolarmente delicato come quello attuale, in seguito alla sospensione delle somministrazioni del vaccino AstraZeneca in tutta Italia (in via precauzionale) e con la rapida diffusione delle varianti su tutto il territorio nazionale, è importante proseguire la campagna vaccinale con un certo ritmo.

Cosa prevede la nuova ordinanza del Commissario straordinario Figliuolo? Ecco come potremmo guadagnare tempo e somministrare tutte le dosi attualmente disponibili.

Vaccino Covid, cosa prevede l’ordinanza di Figliuolo

Lunedì 15 marzo, in serata, il Commissario straordinario per l’emergenza Francesco Figliuolo ha firmato un’ordinanza per porre fine alla questione delle dosi di vaccino avanzate e buttate a fine giornata. In particolare, si fa riferimento alle dosi dei vaccini di Pfizer e Moderna, che una volta aperte non possono essere conservate per troppe ore. Al termine della giornata, quindi, se aperte queste dosi non sono più utilizzabili successivamente.

Il testo dell’ordinanza prevede che “le dosi di vaccino eventualmente residue a fine giornata, qualora non conservabili, siano eccezionalmente somministrate, per ottimizzarne l’impiego evitando sprechi, in favore di soggetti comunque disponibili al momento ”, rispettando, ove possibile, “l’ordine di priorità individuato dal menzionato Piano nazionale e successive raccomandazioni”.

Proprio il Commissario aveva evidenziato la necessità di “andare a regime con 500.000 vaccinazioni al giorno per arrivare a fine settembre con l’80% degli italiani vaccinati”. In tal senso è opportuno evitare qualsiasi spreco.

Chi sono i “soggetti disponibili al momento”

Voglio approfondire la questione delle dosi buttate”, aveva detto il Commissario Figliuolo nel corso di un’intervista televisiva per chiarire la questione dei vaccini Covid avanzati a fine giornata. Sono state sollevate, infatti, numerose polemiche in merito alla somministrazione del vaccino a parenti o amici, ma ciò è stato fatto per evitare di buttare le dosi avanzate.

La linea che intende seguire Figliuolo è questa: “Se ci sono le classi prioritarie che possono utilizzarlo bene, altrimenti si va su classi vicine o sennò su chiunque passa va vaccinato”.

In questo modo, i “soggetti disponibili al momento” sarebbero tutte le persone che in un dato momento hanno la disponibilità di ricevere le dosi di vaccino prima che divengano inutilizzabili. Il piano di Figliuolo prevede di contattare dapprima le classi prioritarie definite nel Piano vaccini, compresi coloro che si sono prenotati per i giorni immediatamente successivi.

Qualora queste persone non siano disponibili o non riescano ad arrivare al centro vaccinale in tempo, occorre procedere a oltranza.

Liste di riserva, il caso del Lazio

Il Lazio aveva già anticipato l’ordinanza di Figliuolo e aveva stilato una lista di riserva per prevedere le persone che sarebbero state chiamate nel caso in cui a fine giornata fossero avanzate delle dosi di vaccino contro il Covid-19.

La stessa strategia era stata adottata anche da Israele, che costituisce un modello di riferimento per tutto il mondo: la maggior parte della popolazione è stata immunizzata in brevissimo tempo e ora si spera di tornare al più presto alla normalità.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO