Vaccino COVID: test finale per Johnson & Johnson

Novità importanti sul fronte vaccino coronavirus: il gruppo farmaceutico J&J ha avviato la fase finale di sperimentazione sull’uomo. C’è ottimismo.

Vaccino COVID: test finale per Johnson & Johnson

Vaccino anti-COVID: novità positive arrivano anche da Johnson & Johnson.

Il gruppo farmaceutico è il quarto a iniziare la sperimentazione sull’uomo, inaugurando la fase avanzata degli studi negli Stati Uniti. Se tutto va come previsto, la fase 3 potrebbe dare risultati non più tardi della fine dell’anno, consentendo all’azienda di richiedere l’autorizzazione di emergenza all’inizio del 2021, se i risultati si dimostrano efficaci.

Queste le ultime dichiarazioni di Paul Stoffels, Chief Scientific Officer di J&J. Cresce, quindi, l’ottimismo sugli sviluppi di un vaccino per il coronavirus.

Vaccino J&J: le ultime novità

Al via la fase finale e più delicata della sperimentazione per il vaccino targato J&J. Il colosso farmaceutico statunitense ha avviato il test su 60.000 persone, annunciando una grande novità: l’iniezione sarà singola.

Questo significa che, se i risultati saranno positivi, si potrà utilizzare una sola dose di trattamento, diversamente da quanto previsto dalle aziende rivali, finora concentrate su due dosi.

Lo studio confronterà il vaccino con un’iniezione di placebo, con l’obiettivo di mostrare se riduce i casi di COVID-19 da moderati a gravi. J&J pubblicherà piani di prova dettagliati, come già fatto da capofila Pfizer Inc., Moderna Inc. e AstraZeneca Plc.

La società ha affermato che il suo vaccino può essere conservato a temperature di frigorifero per tre mesi, molto più a lungo del vaccino Pfizer che richiede il congelamento per la conservazione a lungo termine.

Stoffels ha spiegato che la decisione di iniziare la fase finale di prova si è basata sui dati di un precedente studio sull’uomo, nel quale è emerso che una singola iniezione era sicura e stimolava una forte risposta immunitaria.

Cosa aspettarsi dai test J&J?

Come altre sperimentazioni sui vaccini nella fase finale, lo studio di J&J è monitorato da un consiglio indipendente di medici e statistici. L’esame dei dati comincerà quando ci saranno abbastanza test eseguiti, che verranno analizzati.

Lo studio mira a osservare 154 casi con COVID-19 per un’analisi finale efficace. Se il vaccino risulta dare una risposta funzionale per oltre il 90%, lo studio potrebbe produrre risultati dopo soli 20 casi. Uno scenario molto ottimistico, che però lo stesso Stoffels ha inquadrato come improbabile.

La prova della singola dose, comunque, potrebbe anche richiedere meno tempo per essere completata rispetto a quanto avviene per le due dosi. Gli scienziati inizieranno a valutare i casi solo 15 giorni dopo che i pazienti hanno ricevuto le vaccinazioni o le iniezioni di placebo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories