Trimestrali Banche USA: per JPMorgan, Citi e Wells Fargo boom di ricavi ma segnali di allerta

Claudia Cervi

14/07/2023

Boom di utili nel secondo trimestre per i tre colossi bancari, ma da Wall Street arrivano segnali di allerta sulle condizioni del credito. Ecco i risultati di JPMorgan, Citi e Wells Fargo.

Trimestrali Banche USA: per JPMorgan, Citi e Wells Fargo boom di ricavi ma segnali di allerta

I colossi bancari JPMorgan, Citi e Wells Fargo aprono la nuova stagione delle trimestrali USA. Nonostante il boom degli utili, molti analisti lanciano degli alert sulla crescita incontrollata degli NPL, i crediti deteriorati.

I rialzi dei tassi di interesse della Fed di Jerome Powell della Bce e di altre banche centrali hanno sostenuto fortemente la redditività delle banche, non solo negli States, facendo schizzare in alto i margini di interesse (NII). Allo stesso tempo, però, l’aumento dei costi di finanziamento ha generato preoccupazioni sul rimborso dei crediti e sui bilanci delle banche.

Secondo Bloomberg, le principali banche USA potrebbero svalutare prestiti per 5 miliardi di dollari nel secondo trimestre e accantonare 7,6 miliardi dollari per far fronte a potenziali aumenti dei crediti deteriorati. In tal senso, JPMorgan ha già accantonato 2,9 miliardi di dollari.

Secondo alcuni analisti, tuttavia, i colossi bancari americani sono in grado di resistere a qualsiasi recessione che potrebbe manifestarsi. Le banche si preparano ad aumentare i dividendi, dopo che gli stress test della Federal Reserve a fine giugno hanno indicato che sembravano in grado di resistere a un grave shock per il sistema finanziario e l’economia.

JPMorgan: boom degli utili grazie a First Republic

JPMorgan ha riportato un profitto del secondo trimestre superiore alle aspettative grazie all’aumento dei ricavi da interessi derivanti dal recente accordo con First Republic Bank. Il più grande istituto di credito degli Stati Uniti ha registrato un aumento del 44% nel reddito netto da interessi, raggiungendo 21,9 miliardi di dollari, escludendo l’effetto dell’acquisizione.

Il CEO Jamie Dimon ha rassicurato gli investitori sulla solidità dell’economia, pur evidenziando alcuni rischi come l’inflazione elevata e la guerra in Ucraina. Nonostante ciò, i risultati sono stati positivi in diversi settori, tra cui il banking dei consumatori e la banca d’investimento, che mostra segni di ripresa dopo un periodo difficile. Tuttavia, i ricavi dei mercati finanziari sono diminuiti, mentre le spese operative sono state ridotte attraverso tagli al personale.

Inoltre, JPMorgan ha stanziato una cifra più che raddoppiata per coprire le perdite creditizie rispetto all’anno precedente. Gli accantonamenti della banca ammontano a 2,899 miliardi di dollari nel secondo trimestre, un aumento del 163% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando ammontavano a 1,101 miliardi, e superiori ai 2,720 miliardi previsti.

Mentre la Federal Reserve potrebbe concludere il ciclo di rialzi dei tassi, ci sono speranze di una ripresa delle attività nei mercati finanziari grazie a un’onda di offerte pubbliche iniziali.

Nonostante l’ottima performance, è necessario rimanere cauti a causa dei rischi presenti nell’ambiente economico attuale. JPMorgan prevede un reddito netto da interessi di circa 87 miliardi di dollari per l’intero anno, superando le aspettative di Wall Street. In sintesi, i risultati di JPMorgan nel secondo trimestre sono stati solidi, ma il futuro rimane soggetto a una serie di sfide e incertezze.

Dopo un avvio al rialzo di circa 2 punti percentuali, il titolo JPM quotato al NYSE si muove sopra la parità.

Citi: utili sopra le attese ma in calo del 36%

L’utile di Citigroup è diminuito del 36% nel secondo trimestre a causa della debolezza della divisione trading della banca. Tuttavia il margine di interesse netto è cresciuto del 19% a 13,9 miliardi di dollari, grazie all’allargamento dello spread delle banche al netto degli interessi che guadagnano sui prestiti rispetto aegli interessi che pagano sui depositi.

I ricavi del settore dei mercati di Citi sono diminuiti del 13%, arrivando a 4,6 miliardi di dollari a causa di un’attività più moderata nel settore dei titoli a reddito fisso e delle azioni, mentre le commissioni di investment banking sono crollate del 24%, arrivando a 612 milioni.

Nonostante queste difficoltà, il settore consumer della banca ha contribuito a mitigare in parte la debolezza. I ricavi della divisione di banking personale e gestione patrimoniale sono aumentati del 6%, raggiungendo 6,4 miliardi di dollari, inclusi un aumento dell’8% per le carte di credito del marchio, arrivando a 2,4 miliardi di dollari.

L’utile netto è sceso a 2,92 miliardi di dollari, pari a 1,33 di dollari per azione, nei tre mesi fino al 30 giugno, a fronte dei 4,55 miliardi di dollari, o 2,19 per azione, dell’anno precedente.

Come altre banche, Citigroup si sta preparando a un deterioramento delle condizioni del credito in un contesto economico sfidante. Gli addebiti netti sono aumentati del 77%, raggiungendo 1,5 miliardi di dollari rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Inoltre, Citigroup ha aumentato le riserve per prestiti incagliati di 320 milioni di dollari.

Nel momento in cui si scrive il titolo quotato al NYSE perde oltre 2 punti percentuali.

Wells Fargo batte le previsioni

Wells Fargo ha superato le stime di Wall Street nel secondo trimestre, registrando un aumento degli utili per azione e dei ricavi. La quarta più grande banca statunitense ha dichiarato di aver guadagnato 4,9 miliardi di dollari nel secondo trimestre conclusosi il 30 giugno, con un aumento del 57% rispetto a un anno fa.

Il reddito netto degli interessi è aumentato del 29% anno su anno, grazie ai tassi di interesse più elevati, raggiungendo i 13,2 miliardi di dollari.

Il settore bancario per consumatori e piccole imprese ha registrato utili di quasi 6,6 miliardi, in crescita del 19% rispetto all’anno scorso. Wells Fargo ha anche aumentato le previsioni per il reddito netto degli interessi per l’intero anno, prevedendo un aumento del 14% nel 2023.

Nonostante i risultati positivi, il reddito netto degli interessi è leggermente diminuito rispetto al primo trimestre di quest’anno, mentre i depositi commerciali e dei consumatori hanno registrato un calo sequenziale del 2%. Per tale motivo la banca ha accantonato 1,7 miliardi di dollari per perdite creditizie, riflettendo un’aspettativa di ulteriori debolezze nel mercato immobiliare commerciale. Nonostante ciò, Wells Fargo rimane fiduciosa nelle prospettive economiche degli Stati Uniti, anche se prevede rallentamenti e incertezze. Le spese non interessate della banca sono aumentate leggermente, mentre ha speso 4 miliardi di dollari per il riacquisto di azioni. Nel complesso, i risultati positivi hanno portato ad un aumento delle azioni di Wells Fargo, sebbene il titolo stia ancora recuperando rispetto all’S&P 500 e all’ETF SPDR S&P Bank ETF (KBE).

Alla borsa di New York (NYSE), il titolo guadagna circa lo 0,5%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo