Crediti deteriorati (NPL)

I crediti deteriorati non-performing loans (NPL) sono forme di credito detenute dalle banche la cui esigibilità è messa in discussione principalmente per cause ricollegate a difficoltà della parte debitrice.

I crediti deteriorati si dividono in diverse categorie:

  • sofferenze,
  • incagli,
  • esposizioni in scadenza,
  • esposizioni ristrutturate.

Ognuna di esse è classificata in base ad ammontare del credito, difficoltà dell’esigibilità e tempistiche delle scadenze.
Le banche italiane detengono oltre €200 miliardi di crediti deteriorati, che corrisponde a 3 volte la media europea e che, ultimamente, ha costretto il governo a trovare una soluzione con i vertici dell’Unione Europea. Soluzione che è stata individuata nel meccanismo GACS.

Crediti deteriorati (NPL), ultimi articoli su Money.it

Banche Italia: sorpresa positiva da Moody’s

Pubblicato il 4 dicembre 2019 alle 10:47

L’agenzia Moody’s è ottimista sul 2020 del comparto bancario italiano. Oggi ha annunciato di aver migliorato l’outlook sul comparto del BelPaese.

MPS: intesa Tesoro-UE dietro l’angolo?

Pubblicato il 9 ottobre 2019 alle 08:43

Azioni MPS in focus: l’intesa tra il Tesoro e l’UE potrebbe essere dietro l’angolo. Attenzione ai crediti deteriorati

Azioni Cerved in spolvero: ecco cosa muove il titolo

Pubblicato il 3 settembre 2019 alle 10:18

Come già annunciato dal management nel corso della presentazione dei conti del primo semestre, la società sta valutando tre tipi di scenari per la divisione che si occupa di crediti deteriorati.

BCE ammorbidisce addendum su NPE, salgono i bancari

Pubblicato il 23 agosto 2019 alle 12:05

L’Eurotower vara regole sugli accantonamenti prudenziali dei crediti deteriorati meno severe rispetto a quelle volute dall’ex capo della vigilanza Nouy. Notizia positiva per le banche quotate che hanno a disposizione un bonus di 1-2 anni per coprire al 100% i nuovi NPE

|