Crediti deteriorati (NPL)

I crediti deteriorati non-performing loans (NPL) sono forme di credito detenute dalle banche la cui esigibilità è messa in discussione principalmente per cause ricollegate a difficoltà della parte debitrice.

I crediti deteriorati si dividono in diverse categorie:

  • sofferenze,
  • incagli,
  • esposizioni in scadenza,
  • esposizioni ristrutturate.

Ognuna di esse è classificata in base ad ammontare del credito, difficoltà dell’esigibilità e tempistiche delle scadenze.
Le banche italiane detengono oltre €200 miliardi di crediti deteriorati, che corrisponde a 3 volte la media europea e che, ultimamente, ha costretto il governo a trovare una soluzione con i vertici dell’Unione Europea. Soluzione che è stata individuata nel meccanismo GACS.

Crediti deteriorati (NPL), ultimi articoli su Money.it

UE: una nuova ‘finanziarizzazione’ per salvare le banche?

Pubblicato il 16 luglio 2020 alle 18:17

L’Europa promuove lo sviluppo dei mercati per i debiti deteriorati come soluzione al risanamento dei bilanci delle banche, aprendo nuove opportunità ai fondi di investimento internazionali, ma anche nuovi potenziali rischi per la stabilità finanziaria e per i debitori.

Banche: terremoto NPL dietro l’angolo?

Pubblicato il 23 giugno 2020 alle 13:21

Nuovo allarme per le banche: una valanga di Non Performing Loans potrebbe presto abbattersi sugli istituti di credito

La BCE vuole creare una “bad bank” europea

Pubblicato il 20 aprile 2020 alle 13:20

Una “bad bank” in salsa europea per gestire l’enorme massa di crediti deteriorati, passati e futuri. Ma la Commissione europea non è d’accordo.

|