Tredicesima part-time: ecco come fare il calcolo

Anna Maria D’Andrea

16/12/2020

12/04/2021 - 15:22

condividi

Calcolo tredicesima part-time: vediamo come fare per calcolare l’importo aggiuntivo in arrivo a dicembre 2020, considerando le peculiarità del rapporto di lavoro ad orario ridotto.

Tredicesima part-time: ecco come fare il calcolo

Calcolo tredicesima part-time: di seguito le regole previste per i lavoratori con part-time verticale ed orizzontale.

In vista del pagamento della quota aggiuntiva di retribuzione spettante a dicembre 2020, è utile riepilogare quali sono le regole da conoscere.

Nel caso di lavoro part-time, la tredicesima viene calcolata in modalità diverse, seguendo le peculiarità del rapporto di lavoro ad orario ridotto. La base di partenza sono le ore lavorate e la retribuzione riconosciuta.

Per calcolare la tredicesima è tuttavia necessario distinguere innanzitutto dal tipo di part-time effettuato.

Bisogna infatti distinguere tra part-time orizzontale, che prevede un’orario minore rispetto al full-time ma per tutti i giorni della settimana, e il part-time verticale, con il quale al lavoratore è richiesto di svolgere orario pieno di lavoro ma soltanto per alcuni giorni della settimana.

Di seguito forniamo una guida al calcolo della tredicesima in caso di lavoro part-time, con esempi relativi al part-time orizzontale, verticale e in base alle giornate di lavoro svolte.

Tredicesima part-time: calcolo delle ore e dell’importo in busta paga

Per il calcolo della tredicesima part-time vengono computate le ore di lavoro, ovvero le giornate retribuite dello stipendio.

Viene calcolata anche per le ore di congedo di maternità, ma non per quanto riguarda il congedo facoltativo.

In sostanza, al lavoratore in part time orizzontale o verticale è garantito il diritto a maturare la tredicesima per tutte le ore di lavoro effettivamente sostenute, compresi i periodi di malattia.

Al contrario, non matura nei casi di aspettativa non retribuita, per congedo parentale, per l’astensione dal lavoro per la malattia dei figli e per i permessi non retribuiti.

La tredicesima ammonta, di solito, all’ordinario stipendio percepito dal lavoratore.
Cosa succede nel caso di lavoro part-time?

Nel caso di lavoratori assunti con orario part-time la tredicesima è calcolata in base al tipo di contratto. La base di partenza è costituita dall’orario di lavoro effettuato nel 2020.

Per i lavoratori part-time alcuni diritti, come ferie, retribuzione e appunto tredicesima mensilità, vengono erogati in modo proporzionale alle ore lavorate.

Tredicesima part-time orizzontale

La somma che il lavoratore percepirà in prossimità delle festività natalizie sarà pari alla percentuale di prestazione lavorativa effettuata rispetto a quella a tempo pieno.

Pertanto, prendendo come riferimento le ore lavorate dai dipendenti a tempo pieno, ovvero 40 ore settimanali, occorre determinare la percentuale di ore svolte dal lavoratore part-time.

Ad esempio, se il contratto part-time prevede lo svolgimento di 20 ore mensili, il part-time sarà del 50% rispetto a quanto previsto dal lavoratore assunto con contratto a tempo pieno a 40 ore.

Se durante l’anno, il rapporto di lavoro si è trasformato da full-time a part-time o viceversa, la tredicesima è calcolata sommando gli importi maturati distintamente nei due periodi/tipologie di contratto.

Prendiamo ad esempio il caso di un lavoratore assunto per i primi 3 mesi dell’anno con contratto full-time con 168 ore mensili, per i successivi 6 mesi con part-time al 50% e per i restanti 3 mesi con part-time al 30%.

La tredicesima sarà così calcolata:

Retribuzione rapportata alla percentuale di lavoroRatei di tredicesimaImporto spettante
1.680 x 100%= 1.680 3/12 1.680 x 3/12 = 420
1.680 x 50% = 840 6/12 840 x 6/12 = 420
1.680 x 30% = 504 3/12 504 x 3/12 = 126
Totale lordo spettante 12/12 966

Tredicesima part-time verticale: come si calcola?

Il rapporto di lavoro a tempo parziale verticale rientra sempre nello schema dei lavori subordinati.

Si parla di part-time verticale quando la giornata di lavoro è svolta a tempo pieno, ma limitatamente a periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell’anno (ad es. 3 giorni di 8 ore lavorative nell’arco della settimana; 6 mesi a tempo pieno nel corso dell’anno).

La tredicesima per i contratti a part-time verticale viene calcolata per intero, nel caso risultino lavorate almeno 15 giornate al mese.

Al contrario, se i giorni di lavoro sono inferiori a 15 in un mese, non si matura nessun rateo per la tredicesima.

Iscriviti a Money.it