Tabella assegno unico 2023, come cambiano importi e soglie Isee con la rivalutazione

Simone Micocci

21/02/2023

Assegno unico 2023, ecco i nuovi importi e le fasce Isee: di seguito la tabella aggiornata per capire quanto spetta.

Tabella assegno unico 2023, come cambiano importi e soglie Isee con la rivalutazione

È stata pubblicata la tabella con gli importi dell’assegno unico per figli a carico riferita al periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023. Nel dettaglio, nella seguente tabella vengono ufficializzati gli aumenti dell’assegno unico per merito della cosiddetta rivalutazione, ossia l’aggiornamento con l’andamento medio dell’inflazione registrato per il 2022 pari all’8,1%.

Un’operazione da cui ne consegue un aumento dell’assegno unico, sia della quota base che delle relative maggiorazioni. A prevederlo è la normativa di riferimento: è l’articolo 4, comma 11, del decreto legislativo n. 230 del 29 dicembre 2021 a stabilire che ogni inizio anno importi e soglie Isee contenuti nell’allegato 1 al suddetto provvedimento vengono rivalutati in base al tasso medio d’inflazione registrato dall’Istat per l’anno precedente.

E che l’aumento dei prezzi registrato nel 2022 sia senza precedenti è sotto gli occhi di tutti: basta fare la spesa al supermercato per rendersi conto dell’impatto stravolgente dell’inflazione sull’economia italiana. Perlomeno adesso le famiglie potranno godere di un sostegno ulteriore, di un assegno unico più alto che da febbraio vedrà anche l’introduzione di una nuova maggiorazione.

La rivalutazione degli importi dell’assegno unico decorre da gennaio 2023, anche se di fatto viene riconosciuta a partire dalla mensilità di febbraio: per questo motivo nella mensilità di marzo, come confermato dall’Inps, saranno riconosciuti anche gli arretrati del mese scorso.

Tasso di rivalutazione 2023

Ai fini dell’aumento in oggetto acquisisce notevole importanza il comunicato Istat con cui è stato ufficializzato il tasso di rivalutazione 2023 che come appena visto si applica non solo sulle pensioni, ma anche sull’assegno unico universale (Auu). Nel dettaglio, tenendo conto dell’ultimo indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (Foi), al netto dei tabacchi, ne è risultato un aumento dello 0,3% sulla base mensile e dell’11,3% rispetto a dicembre 2021, mentre la variazione annua del 2022 è pari un più 8,1%, percentuale che andrà a impattare interamente sull’assegno unico erogato alle famiglie.

Nuove soglie Isee per assegno unico

Per l’assegno unico erogato nel 2022 le soglie da prendere in considerazione erano essenzialmente due:

  • 15.000 euro, limite entro cui stare per godere del massimo dell’importo (175 per i minorenni, 85 euro per i maggiorenni);
  • 40.000 euro, oltre cui spetta l’importo minimo (50 euro per i minorenni, 25 euro per i maggiorenni).

Tra i 15.000 e i 40.000 euro, invece, l’importo dell’assegno unico scende progressivamente, di 50 centesimi al mese ogni 100 euro di Isee. Ad esempio, tra i 15.000,01 a 15.100,00 spettano 174,50 euro al mese, mentre tra i 15.100,01 e i 15.200,00 si scende a 174 euro (e così via).

Come anticipato, anche le fasce Isee vengono riviste tenendo conto dell’inflazione, il che significherà che:

  • il limite entro cui stare per avere diritto all’importo massimo passerà da 15.000 a 16.215 euro;
  • la soglia sopra la quale spetta l’importo minimo, invece, passerà da 40.000 a 43.240 euro.

Nel mezzo verranno riviste le singole fasce. Ad esempio, la cinquantesima fascia, quella in cui erano compresi coloro che hanno un Isee compreso tra i 19.900,01 e i 20.000,00 euro, per i quali la quota base di assegno unico per i figli minori era pari a 150 euro, nel 2023 comprende coloro che hanno un Isee compreso tra i 21.511,91 e i 21.620,00 euro.

Ne risulta, dunque, che con lo stesso Isee si ha diritto a un importo più alto, in quanto si rientra in una delle fasce di reddito precedenti dove l’assegno unico spettante è maggiore.

I nuovi importi

Allo stesso tempo, l’adeguamento riguarderà gli importi dell’assegno unico come indicati nella tabella 1 allegata al provvedimento. Quindi, non solo la quota base: anche le relative maggiorazioni sono state adeguate al costo della vita.

A tal proposito, ecco la tabella con tutti gli importi e nuove fasce Isee pubblicata in queste ore:

Nuova tabella assegno unico 2023
Clicca qui per scaricare la tabella con gli importi dell’assegno unico nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2023.

Di seguito, invece, il riepilogo su come cambiano alcuni importi in relazione a quanto veniva pagato nel 2022.

Quota base minori

Soglia Isee 2022 Soglia Isee 2023 Quota minore 2022 Quota minore 2023
Entro i 15.000 euro Entro i 16.215 euro 175 euro 189,20 euro
Tra i 19.900,01 a 20.000 euro Tra i 21.511,91 e i 21.620 euro 150 euro 162,20 euro
Tra i 24.900,01 e i 25.000 euro Tra i 25.944,01 e i 26.025 euro 127,50 euro 140 euro
Tra i 29.900,01 e i 30.000 euro Tra i 32.321,91 e i 32.430 euro 100 euro 108,10 euro
Tra i 34.900,01 e i 35.000 euro 37.726,91 e i 37.835 euro 75 euro 81,10 euro
Sopra i 40.000 euro Sopra i 43.240 euro 50 euro 54,10 euro

Quota base maggiorenni

Soglia Isee 2022 Soglia Isee 2023 Importo 2022 Importo 2023
Entro i 15.000 euro Entro i 16.215 euro 85 euro 91,90 euro
Tra i 19.900,01 a 20.000 euro Tra i 21.511,91 e i 21.620 euro 73 euro 78,90 euro
Tra i 24.900,01 e i 25.000 euro Tra i 25.944,01 e i 26.025 euro 61 euro 68,30 euro
Tra i 29.900,01 e i 30.000 euro Tra i 32.321,91 e i 32.430 euro 49 euro 53,00 euro
Tra i 34.900,01 e i 35.000 euro 37.726,91 e i 37.835 euro 37 euro 40,00 euro
Sopra i 40.000 euro Sopra i 43.240 euro 25 euro 27,00 euro

Maggiorazione figli ulteriori al secondo

Soglia Isee 2022 Soglia Isee 2023 Importo 2022 Importo 2023
Entro i 15.000 euro Entro i 16.215 euro 85 euro 91,90 euro
Tra i 19.900,01 a 20.000 euro Tra i 21.511,91 e i 21.620 euro 71 euro 76,80 euro
Tra i 24.900,01 e i 25.000 euro Tra i 25.944,01 e i 26.025 euro 57 euro 64,30 euro
Tra i 29.900,01 e i 30.000 euro Tra i 32.321,91 e i 32.430 euro 43 euro 46,50 euro
Tra i 34.900,01 e i 35.000 euro 37.726,91 e i 37.835 euro 29 euro 31,30 euro
Sopra i 40.000 euro Sopra i 43.240 euro 15 euro 16,20 euro

Maggiorazione per entrambi i genitori con reddito

Soglia Isee 2022 Soglia Isee 2023 Importo 2022 Importo 2023
Entro i 15.000 euro Entro i 16.215 euro 30 euro 32,40 euro
Tra i 19.900,01 a 20.000 euro Tra i 21.511,91 e i 21.620 euro 24 euro 25,90 euro
Tra i 24.900,01 e i 25.000 euro Tra i 25.944,01 e i 26.025 euro 18 euro 20,06 euro
Tra i 29.900,01 e i 30.000 euro Tra i 32.321,91 e i 32.430 euro 12 euro 13,00 euro
Tra i 34.900,01 e i 35.000 euro 37.726,91 e i 37.835 euro 6 euro 6,50 euro
Sopra i 40.000 euro Sopra i 43.240 euro --- ---

Ad aumentare anche i valori delle maggiorazioni che non dipendono dall’Isee. Ad esempio, per i figli con disabilità fino ai 21 anni, alla quota base (quella riferita ai minori) si aggiunge:

Gravità Importo 2022 Importo 2023
Non autosufficienti 105 euro 113,50 euro
Grave 95 euro 102,70 euro
Media 85 euro 91,90 euro

Salirà da 20 a 21,60 euro la maggiorazione per figlio nel caso delle mamme con meno di 21 anni di età.

Nuova maggiorazione 2023

Come anticipato, da febbraio 2023 - ma con decorrenza da gennaio 2023 - viene introdotta una nuova maggiorazione, prevista dalla legge di Bilancio 2023.

Nel dettaglio, viene stabilito che i figli di età fino a 1 anno godono di una maggiorazione del 50% della quota base. Sull’importo risultante si applicano poi le altre, eventuali, maggiorazioni.

Tale incremento del 50% spetta per tutti i figli fino ai 3 anni nel caso di famiglie con almeno 3 figli a carico, a patto che il loro Isee non superi i 40.000 euro.

Da febbraio poi aumenta la maggiorazione forfettaria spettante alle famiglie con almeno 4 figli pur non essendo soggetta a rivalutazione (non essendo compresa nella tabella suddetta): è stata la legge di Bilancio a disporne un incremento portandola da 100 a 150 euro l’anno.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo