Superbonus 110%, proroga fino a dicembre 2022 col Recovery Plan?

Rosaria Imparato

13 Gennaio 2021 - 16:31

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Superbonus 110%, tra le novità del Recovery Plan potrebbe esserci la proroga dell’agevolazione fino a dicembre 2022: una notizia importante per i lavori in condominio, che potrebbero essere svolti senza le nuove condizioni imposte dalla Legge di Bilancio 2021.

Superbonus 110%, proroga fino a dicembre 2022 col Recovery Plan?

Superbonus 110%, possibili novità in arrivo con il Recovery Plan: si parla di proroga fino a dicembre 2022.

La normativa di eco e sismabonus al 110% è già stata modificata dalla Legge di Bilancio 2021, che ne ha disposto la proroga fino al 30 giugno 2022, ma con un meccanismo mobile per i condomini che consentirà di proseguire i lavori avviati ma non conclusi entro tale data.

La versione definitiva del Recovery Plan aggiunge 8,26 miliardi al budget per il superbonus 110%: in questo modo si potrebbe prolungare l’agevolazione fino a fine 2022. Vediamo quali sono le novità in arrivo.

Superbonus 110%, proroga fino a dicembre 2022 col Recovery Plan?

Con la nuova iniezione di oltre 8 miliardi di euro, il Recovery Plan amplia le possibilità di una proroga del superbonus 110% estesa fino a dicembre 2022.

Il documento annuncia anche che:

“si prevede di allungare l’applicazione della misura per gli Iacp al 30 giugno 2023; e per i condomìni fino al 31 dicembre 2022, si prevede di allungare l’applicazione della misura per gli Iacp al 30 giugno 2023; e per i condomìni fino al 31 dicembre 2022, a prescindere dalla realizzazione di almeno il 60% dei lavori.”

Cosa cambierebbe quindi rispetto alle modifiche già apportate dalla Legge di Bilancio 2021?

Il cambiamento non è indifferente: con le novità del Recovery Plan verrebbe superato il meccanismo che prevede il raggiungimento del 60% dei lavori programmati entro il primo semestre: gli interventi nei condomini potranno essere svolti senza alcuna condizione.

Superbonus 110% per tutto il 2022 col Recovery Plan: i “lavori in corso”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Recovery Plan, e ora seguono altri due step: innanzitutto l’approvazione di Bruxelles, e poi servirà una norma ad hoc per provvedere alla proroga dell’agevolazione.

Il Recovery Plan spiega che l’obiettivo è:

“aumentare in modo sostanziale il risparmio annuale generato dagli interventi di riqualificazione energetica. In termini di superficie sottoposta a riqualificazione energetica e sismica, si stimano circa 3 milioni di metri quadri riqualificati per anno, corrispondenti a circa l’1% della superficie complessivamente occupata da edifici residenziali.”

Il Governo, approvando il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza si pone l’obiettivo di allungare automaticamente al 31 dicembre 2022 la naturale scadenza del superbonus, così da evitare una corsa contro il tempo.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories