Coronavirus, la strategia della Svezia ha funzionato davvero: ecco perché

La strategia adottata dalla Svezia per fronteggiare l’emergenza sanitaria legata al coronavirus sembra funzionare davvero. Ecco perché.

Coronavirus, la strategia della Svezia ha funzionato davvero: ecco perché

La strategia adottata dalla Svezia per fronteggiare l’emergenza sanitaria legata al coronavirus sembra funzionare davvero. Stoccolma, a differenza degli altri Paesi scandinavi, ma anche dell’Europa, ha deciso di non optare per un lockdown totale, ma ha fatto leva sulla responsabilità dei suoi cittadini invitandoli a rispettare le norme di prevenzione senza imporre delle misure troppo stringenti.

Se in un primo momento questa strategia sembrava essere poco efficace, facendo registrare al Paese il record per quanto riguarda il tasso di mortalità, di gran lunga superiore a quello della Norvegia e della Danimarca, adesso sembra che stia facendo vedere i suoi risultati.

La strategia della Svezia funziona

Se in un primo momento la decisione della Svezia di non adottare delle rigide misure per contenere la diffusione il coronavirus sembra non essere efficace, adesso la situazione epidemica nel Paese sembra essere di gran lunga migliore rispetto agli altri Stati. Se in tutta Europa si sta assistendo ad una ripresa dei contagi, questo non sta avvenendo in Svezia. Come ha precisato Anders Tegnell, un epidemiologo del governo: “La Svezia è passata dall’essere il Paese con più contagi in Europa a quello più sicuro. La nostra politica può aver tardato a portare risultati ma alla fine sono arrivati e sono più stabili”.

La veridicità di questa affermazione è confermata anche dai dati. Secondo quanto riportato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie durante la scorsa settimana in Svezia si sono avuti 12 casi per milione di abitanti mentre nella vicina Danimarca 18 e in Norvegia 14. Anche il numero dei decessi è diminuito notevolmente, adesso infatti ci si attesta a cifre molto basse, solamente due o tre persone ogni giorno, mentre nella fase acuta dell’epidemia superavano le centinaia.

Lo svolgimento dei test in Svezia

Nel corso della scorsa settimana è stato condotto un test su 2.500 persone prese in modo casuale a cui è stato effettuato il tampone, e nessuna di loro è risultata essere positiva al Sars-CoV-2. Solo qualche mese fa si raggiungeva lo 0,9%, e Karin Tegmark Wisell dell’Agenzia di Sanità pubblica svedese (PHAS) precisa che questi risultati dimostrano che attualmente non ci sono più persone asintomatiche.

Tuttavia la strategia della Svezia continua a destare qualche dubbio, soprattutto davanti alle cifre che non convincono molto. In totale infatti sono stati attestati oltre 5.200 decessi, una cifra decisamente più alta rispetto a quella della Danimarca con solamente 264 morti e la Norvegia con 626. Inoltre anche l’esecuzione dei tamponi è molto inferiore rispetto agli altri Paesi, la Svezia svolge in media i test su 1,2 persone ogni 1.000 abitanti, mentre la Norvegia quasi il doppio.

Argomenti:

Svezia Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories