Riscossione, scadenza il 2 novembre per le rate pre-Covid: come e dove pagare

Rosaria Imparato

02/11/2021

02/11/2021 - 09:19

condividi

Ultima chiamata per la Riscossione: oggi 2 novembre 2021 cade la scadenza per il pagamento dei piani a rate pre-Covid. Vediamo come e dove pagare per non decadere dalla dilazione.

Riscossione, scadenza il 2 novembre per le rate pre-Covid: come e dove pagare

Ultima chiamata per le rate pre-Covid: oggi 2 novembre 2021 cade la scadenza per chi aveva in essere dei piani di dilazione prima dello scoppio della pandemia.

I contribuenti con piani di pagamento a rate già in essere con l’Agenzia delle Entrate-Riscossione prima dell’8 marzo 2020 avevano come termine ultimo per pagare il 31 ottobre. Cadendo in un giorno festivo, però, la scadenza è slittata a oggi 2 novembre.

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione riassume le ultime novità in merito a scadenze, rateizzazioni e pagamenti al Fisco con il comunicato stampa del 28 ottobre, resosi necessario visti i cambiamenti entrati in vigore con l’approvazione del decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2022. Vediamo come e dove pagare per non decadere dal piano di dilazione.

Riscossione, rate pre-Covid: pagamento in scadenza il 2 novembre

Scadenza in arrivo per i contribuenti che prima dell’inizio della sospensione dell’attività della Riscossione (lo scorso 8 marzo 2020) avevano in essere dei piani di pagamento a rate: la chiamata alla cassa è per oggi 2 novembre.

Il decreto Fiscale (DL n. 146/2021) ha infatti previsto nuove agevolazioni in favore dei contribuenti, tra cui, per i piani di dilazione in essere all’8 marzo 2020, il differimento dal 30 settembre al 31 ottobre 2021 (ma essendo un giorno festivo si slitta al 2 novembre) del termine per pagare le rate che erano in scadenza nel periodo di sospensione della riscossione, cioè tra l’8 marzo 2020 e il 31 agosto 2021.

Tra le altre novità previste dal decreto Fiscale anche l’estensione da 10 a 18 rate di tolleranza che in caso di mancato pagamento determinano la decadenza dalla dilazione.

Infine, viene data una nuova chance a chi non ha versato delle rate in scadenza nel 2020: se paga in un’unica soluzione entro il 30 novembre, insieme alle rate in scadenza nel 2021, ha l’occasione di tornare tra i beneficiari della pace fiscale.

Riscossione, come e dove pagare le rate per la scadenza del 2 novembre

Per effettuare il versamento delle rate devono essere utilizzati i moduli di pagamento allegati al piano di rateizzazione. È anche possibile richiederli sul sito internet dell’Agenzia www.agenziaentrateriscossione.gov.it utilizzando il servizio Rateizzazione-Richiedi i moduli di pagamento, disponibile in area pubblica, senza necessità di pin e password, e riceverli via email.

Chi ha le credenziali (cioè SPID, CIE e CNS) per accedere all’area riservata del sito di Agenzia delle entrate-Riscossione può scaricare direttamente i bollettini dal proprio piano di rateizzazione.

È possibile pagare presso:

  • la propria banca,
  • agli sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill;
  • con il proprio internet banking;
  • agli uffici postali;
  • nei tabaccai aderenti a Banca 5 SpA;
  • tramite i circuiti Sisal e Lottomatica;
  • sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it;
  • con l’App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa;
  • agli sportelli.

In allegato, il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, pubblicato il 28 ottobre 2021.

Comunicato stampa AdeR - 28 ottobre 2021
ENTRO 2 NOVEMBRE PAGAMENTI PER RATEIZZAZIONI PRECEDENTI ALL’EMERGENZA COVID

Iscriviti a Money.it