Riforma pensioni, addio Quota 41: si sale a Quota 42

La Quota 41 rischia di sparire per sempre: per i precoci aumenta di 5 mesi dal 2019, mentre la riforma delle pensioni annunciata da Lega e Movimento 5 Stelle potrebbe prevedere una Quota 42.

Riforma pensioni, addio Quota 41: si sale a Quota 42

Riforma delle pensioni: secondo le indiscrezioni circolate in queste ultime ore il Governo sta trovando non poche difficoltà nel reperire le risorse necessarie per attuare quanto previsto nel programma Lega-Movimento 5 Stelle già per il prossimo anno.

Come annunciato da Boeri - presidente dell’INPS fino a febbraio 2019 - rivedere la Legge Fornero introducendo nel contempo una Quota 100 e una Quota 41 costerebbe nell’immediato 11 miliardi di euro, per poi salire a 18 miliardi di euro una volta che la riforma sarà a regime.

Un problema non di poco conto, tant’è che a quanto pare solo la Quota 100 sarà nella Legge di Bilancio 2019 - e quindi operativa già dal 1° gennaio prossimo - mentre per la Quota 41 bisognerà aspettare il 2020.

Inoltre, si vocifera che per disincentivare l’accesso alla Quota 100 il Governo introdurrà un superbonus in busta paga del 30% per tutto coloro che sulla carta potrebbero accedere a questo strumento ma decidono di restare in servizio.

Passando alla Quota 41, ovvero allo strumento che consentirebbe di andare in pensione indipendentemente dall’età anagrafica una volta maturati 41 anni di contributi, è prevista un’ulteriore novità che probabilmente non farà piacere i lavoratori.

Da Quota 41 a Quota 42?

Come anticipato da ItaliaOggi, per ridurre l’ingente spesa prevista per la ridefinizione della riforma Fornero ci potrebbe essere un potenziale passo indietro del Governo per quel che riguarda la Quota 41.

Nel dettaglio, l’intenzione è quella di alzare di un anno il requisito contributivo previsto, passando così ad una Quota 42 che consentirà ai lavoratori di andare in pensione dopo 42 anni di servizio. Si tratterebbe quindi di un piccolo sconto rispetto a quanto accade oggi per la pensione anticipata, che ricordiamo dal prossimo anno potrà essere richiesta dagli uomini con 43 anni e 3 mesi di contributi e dalle donne con 42 anni e 3 mesi.

Quindi per i primi ci sarebbe una riduzione di 1 anno e 3 mesi, per le seconde solo di 3 mesi (ma per loro resta la possibilità di una proroga dell’Opzione Donna).

Al momento si tratta solo di un’indiscrezione ma se confermata farebbe sicuramente piacere alle casse dell’INPS, le quali - come dichiarato da Boeri - non sono in grado di sostenere gli oneri previsti dalla riforma originaria descritta nel contratto.

Naturalmente una tale novità rischia di far accrescere le polemiche da parte dei lavoratori, i quali speravano in una riforma che rendesse maggiormente flessibile l’uscita dal mercato del lavoro.

Quota 41 addio: anche per i precoci aumentano i requisiti

Ricordiamo a tal proposito che la Quota 41 può essere richiesta già oggi, ma solamente da coloro che hanno maturato almeno 12 mesi di lavoro prima del compimento dei 19 anni.

Si tratta dei cosiddetti lavoratori precoci, ovvero coloro che avendo iniziato a lavorare fin da giovani possono vantare almeno 1 anno di contributi (anche non continuativo) accreditati nei 18 anni d’età.

Oggi questi possono andare in pensione, indipendentemente dall’età, una volta raggiunti 41 anni di contributi, ma dal prossimo anno non sarà più così. Complice l’adeguamento con l’innalzamento delle aspettative di vita rilevate dall’INPS che porterà ad un incremento generale dei requisiti per la pensione, infatti, la Quota 41 si potrà richiedere con 5 mesi di ritardo.

Non saranno più sufficienti 41 anni di contributi, poiché serviranno ulteriori 5 mesi per andare in pensione sfruttando l’agevolazione riconosciuta ai precoci.

Dal prossimo anno quindi la Quota 41 così come la conosciamo oggi rischia di non esistere più, e qualora le indiscrezioni sopra riportate fossero confermate questo strumento sparirà per sempre dal sistema previdenziale italiano.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Quota 41

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Simone Micocci

Simone Micocci

4 giorni fa

Superbonus per chi va in pensione più tardi: così si limitano Quota 100 e Quota 41

Superbonus per chi va in pensione più tardi: così si limitano Quota 100 e Quota 41

Commenta

Condividi

Stefania Manservigi -

Riforma pensioni: Quota 100 senza paletti, la richiesta dei sindacati

Riforma pensioni: Quota 100 senza paletti, la richiesta dei sindacati

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

5 giorni fa

Pensioni: perché la Legge Fornero non sarà cancellata

Pensioni: perché la Legge Fornero non sarà cancellata

Commenta

Condividi