Responsabilità insegnanti all’uscita da scuola: il testo dell’emendamento che modifica le norme attuali

Simone Micocci

16 Novembre 2017 - 13:19

condividi

Approvato al Senato l’emendamento che esonera - ma non sempre - gli insegnanti dagli obblighi di vigilanza al momento dell’uscita da scuola. Ecco il testo completo dell’emendamento alla Legge di Bilancio 2018.

L’emendamento che introduce le nuove norme per la responsabilità degli insegnanti all’uscita da scuola è stato approvato al Senato.

L’emendamento consentirà ai genitori di scegliere se andare o meno a riprendere i figli con meno di 14 anni da scuola” ha dichiarato il senatore del Partito Democratico Andrea Marcucci, “ripristinando così una regola di buon senso”.

La Legge di Bilancio 2018, quindi, colmerà il vuoto normativo messo in risalto dalla sentenza n.21593/2017 della Corte di Cassazione, con la quale i giudici di Palazzo di Giustizia hanno dichiarato colpevole un’insegnante per non aver vigilato su un alunno che avrebbe dovuto prendere lo scuolabus per tornare a casa.

Nel caso di specie, la mancata vigilanza del docente dell’ultima ora ha fatto sì che il conducente dello scuolabus - anche lui ritenuto responsabile dell’accaduto - non si accorgesse che lo studente era rimasto incastrato nelle porte del mezzo, così da scaraventarlo sull’asfalto e provocarne la morte.

In quell’occasione la Corte di Cassazione ribadì che scuola e insegnanti sono responsabili del minore anche al momento dell’uscita dall’istituto, fino a quando lo studente non passa sotto la totale responsabilità di un altro soggetto autorizzato, come un genitore o il Comune (nel caso dello scuolabus).

Questa sentenza ha gettato le scuole nel caos, anche perché è stata ribadita la mancanza di valore legale della liberatoria, l’autorizzazione che i genitori presentano alle scuole per far sì che i loro figli possano tornare a casa senza la vigilanza di un adulto.

La sentenza della Cassazione quindi è stata molto importante perché ha messo in risalto un problema che riguarda da vicino insegnanti, dirigenti scolastici e personale ATA. Un problema che finalmente, grazie alla Legge di Bilancio 2018, può dirsi risolto.

Responsabilità insegnanti all’uscita da scuola: il testo dell’emendamento

L’emendamento alla Legge di Bilancio, appena approvato dal Senato, introduce delle nuove disposizioni in “materia di uscita dei minori di 14 anni dai locali scolastici”.

Questo si compone di due articoli:

  • con il primo i genitori possono autorizzare un minore di 14 anni a tornare a casa da solo, presentando la liberatoria alla scuola. Con questa autorizzazione il personale scolastico è esonerato dall’adempimento dell’obbligo di vigilanza al momento dell’uscita dalla scuola. Nel concedere l’autorizzazione, però, bisognerà tenere in considerazione diversi fattori, quali l’età dell’alunno, il grado di autonomia e il “contesto specifico”;
  • con il secondo articolo, invece, viene legittimata l’autorizzazione dei genitori che esonera i docenti dal controllo del minore di 14 anni che per tornare a casa utilizza i mezzi pubblici. In caso di liberatoria dei genitori, nessun membro del personale scolastico dovrà adempiere agli obblighi di vigilanza nella salita e nella discesa del mezzo.

Gli insegnanti, e l’intera istituzione scolastica, continuano ad essere responsabili dei minori in mancanza di una liberatoria dei genitori. In tal caso, quindi, non si è esonerati dagli obblighi di vigilanza.

Di seguito trovate il testo completo dell’emendamento; ricordiamo però che questo non è ancora in vigore poiché bisognerà attendere l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio.

Ad oggi, quindi, la liberatoria continua a non avere valore legale.

(Disposizioni in materia di uscita dei minori di 14 anni dai locali scolastici)

1. I genitori esercenti la responsabilità genitoriale, i tutori e i soggetti affidatari ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184, dei minori di 14 anni, in considerazione dell’età di questi ultimi, del loro grado di autonomia e dello specifico contesto, nell’ambito di un processo di loro autoresponsabilizzazione, possono autorizzare le istituzioni del sistema nazionale di istruzione a consentire l’uscita autonoma dei minori di 14 anni dai locali scolastici al termine dell’orario delle lezioni. L’autorizzazione esonera il personale scolastico dalla responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza.
2. L’autorizzazione ad usufruire in modo autonomo del servizio di trasporto scolastico, rilasciata dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale e dai tutori dei minori di 14 anni agli enti locali gestori del servizio esonera dalla responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata utilizzata, anche al ritorno dalle attività scolastiche. »

Iscriviti a Money.it