Registrazione contratto di affitto: costi, procedura e come fare

Registrazione contratto di affitto: come fare e quanto costa? Guida completa alla procedura da seguire per registrare i contratti di locazione con modello RLI.

Registrazione contratto di affitto: costi, procedura e come fare

Contratto d’affitto: come fare la registrazione presso l’Agenzia delle Entrate e qual è il costo da sostenere?

Per la registrazione del contratto d’affitto è necessario utilizzare il modello RLI, che dovrà essere presentato in modalità telematica o presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Non cambia nel 2020 la modalità di registrazione, i tempi e le regole da seguire: chi concede in affitto un immobile è obbligato a registrarlo entro il termine di 30 giorni dalla stipula.

Vediamo di seguito la procedura da seguire per la registrazione di un contratto di locazione, le imposte dovute e le principali regole sulla ripartizione dei costi tra inquilino e proprietario.

Registrazione contratto di locazione con modello RLI: ecco come fare

Per poter fare la registrazione del contratto di locazione bisognerà seguire una delle tre diverse procedure indicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate per la presentazione del modello RLI:

  • utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia, modalità obbligatoria per gli agenti immobiliari e i possessori di almeno 10 immobili, facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici;
  • richiedendo la registrazione in ufficio; in questo caso è necessario recarsi presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate e compilare il modello RLI;
  • incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) o un delegato.

Si ricorda che per i nuovi contratti di locazione è necessario vi sia inserita una clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione sull’APE, l’attestato di prestazione energetica, obbligatorio per l’affitto di tutti gli immobili.

Registrazione contratto d’affitto: come fare online sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Vediamo subito come fare la registrazione contratto di locazione online grazie al servizio disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Questa procedura è rivolta esclusivamente agli utenti provvisti di credenziali Entratel o Fisconline, ovvero del pin e della password per l’accesso ai servizi online del Fisco.

Gli utenti registrati possono registrare il contratto d’affitto online accedendo alla pagina personale Fisconline e cliccare alla sezione “Servizi Per - Registrare contratti di locazione”.

L’applicazione che può essere utilizzata è RLI, il programma che permette di registrare direttamente online i contratti, le proroghe, cessioni, risoluzioni o revocare l’opzione per la cedolare secca.

Per la registrazione online sul programma RLI è richiesto di allegare la copia del contratto di locazione. Non è obbligatorio farlo in questi casi:

  • locazione di tipo abitativo;
  • il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione;
  • un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita;
  • il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni;
    Si precisa che nel caso in cui è compilata la casella casi particolari, è sempre obbligatoria l’allegazione del contratto.

Registrazione contratto di locazione presso gli Uffici delle Entrate: modello RLI e documenti necessari

Non solo online: la registrazione del contratto di affitto può essere effettuata anche presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Ecco quali documenti servono per registrare il contratto di locazione:

  • almeno due copie, con firma in originale, del contratto da registrare;
  • la richiesta di registrazione, ossia il modello RLI compilato.;
  • se i contratti da registrare sono più di uno, bisogna predisporre un elenco utilizzando il «modello RR», in cui vanno indicati i contratti da registrare;
  • i contrassegni telematici per il pagamento dell’imposta di bollo (ex marca da bollo), con data di emissione non successiva alla data di stipula, da applicare su ogni copia del contratto da registrare. L’importo dei contrassegni deve essere di 16 euro ogni 4 facciate scritte e, comunque, ogni 100 righe;
  • la ricevuta di pagamento dell’imposta di registro effettuata con Modello F24 Elementi identificativi. I contribuenti che hanno optato per la cedolare secca (regime sostitutivo) non devono versare l’imposta di registro ma sono tenuti al pagamento dell’imposta sostitutiva (acconto e saldo) da versare entro gli stessi termini previsti per l’Irpef.

Dopo la richiesta di registrazione del contratto, l’ufficio:

  • restituisce timbrata e firmata la copia del contratto se la registrazione è contestuale alla ricezione;
  • rilascia la ricevuta dell’avvenuta consegna e comunica al contribuente quando sarà disponibile la copia del contratto registrato. Questo avviene quando la registrazione non è contestuale alla ricezione ma differita.

Registrazione contratto di locazione tramite intermediario o soggetto delegato

La procedura per registrare il contratto di locazione può essere eseguita anche online da un intermediario.

Ecco quali sono gli adempimenti per gli intermediari:

  • rilascia dichiarazione (datata e sottoscritta) in cui si impegna a provvedere all’esecuzione dell’adempimento e ai pagamenti relativi agli anni successivi a quello di stipula del contratto;
  • deve consegnare al contribuente due copie della ricevuta di avvenuta registrazione o dell’esecuzione dei pagamenti delle imposte relative ai canoni per le annualità successive, delle proroghe, anche tacite, delle cessioni, delle risoluzioni (una è destinata all’altra parte contraente che non ha richiesto la registrazione);
  • deve consegnare una copia della ricevuta di pagamento delle imposte dovute.

Si può anche delegare la registrazione del contratto ad un altro soggetto. Per conferire la delega è necessario compilare la sezione del Modulo di richiesta di abilitazione al servizio telematico Entratel.

Costo registrazione contratto di locazione: calcolo delle imposte

Per la registrazione di un contratto di locazione è necessario pagare imposta di bollo e di registro, di importo variabile sulla base della tipologia di immobile locato:

IMMOBILEPERCENTUALE
Fabbricati a uso abitativo 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità
Fabbricati strumentali per natura 1% del canone annuo, se la locazione è effettuata da soggetti passivi Iva - 2% del canone, negli altri casi
Fondi rustici 0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità
Altri immobili 2% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità

Oltre all’imposta di registro, si aggiunge quella di bollo che ammonta a 16 euro da applicare su ogni copia da registrare. L’imposta va applicata su ogni 4 facciate scritte del contratto o comunque ogni 100 righe. Le imposte non sono dovute in caso di adesione al regime di tassazione a cedolare secca.

Per i contratti di locazione a canone concordato, riguardanti immobili che si trovano in uno dei Comuni “ad elevata tensione abitativa”, è prevista una riduzione del 30% della base imponibile sulla quale calcolare l’imposta di registro. In sostanza, il corrispettivo annuo da considerare per il calcolo dell’imposta va assunto per il 70%.

Il versamento per la prima annualità non può essere in ogni caso inferiore a 67 euro.

Registrazione contratto: chi paga tra inquilino e proprietario?

Le imposte e la spesa da sostenere per la registrazione del contratto di locazione è ripartita tra inquilino e proprietario, anche se il contratto può prevedere l’addebito soltanto a carico del proprietario ma mai il contrario.

In ogni caso le parti del contratto restano responsabili in solido nel caso di mancato assolvimento dell’imposta.

Per maggiori dettagli è possibile fare riferimento al sito dell’Agenzia delle Entrate.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO