Reddito di cittadinanza: a dicembre salta la sospensione?

Teresa Maddonni

3 Dicembre 2020 - 16:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il reddito di cittadinanza è scaduto per molti beneficiari a novembre pur avendo i requisiti per il rinnovo. A dicembre, con le festività natalizie, salta la sospensione?

Reddito di cittadinanza: a dicembre salta la sospensione?

Reddito di cittadinanza: a dicembre salta la sospensione? Una domanda che molti beneficiari per i quali il sussidio è scaduto a novembre potrebbero porsi.

Il reddito di cittadinanza, come ormai ben sappiamo, scade dopo i primi 18 mesi. I beneficiari del reddito di cittadinanza possono tuttavia fare una nuova domanda per il rinnovo che tuttavia prevede un mese di sospensione dei pagamenti.

Coloro che hanno terminato le 18 mensilità nel mese di novembre, che quindi hanno ricevuto il primo pagamento del reddito di cittadinanza a giugno 2019, non riceveranno il reddito di cittadinanza nel mese corrente, quindi per Natale, sebbene possano già inoltrare la domanda a INPS per il rinnovo.

Ma la sospensione del reddito di cittadinanza potrebbe saltare, considerata la concomitanza con le festività natalizie, per il mese di dicembre? Intanto si pensa già a una riforma della misura.

Reddito di cittadinanza: la sospensione a dicembre resta

Per il reddito di cittadinanza la sospensione nel mese di dicembre resta. Al momento non vi sono comunicazioni ufficiali da parte di INPS, o da parte del governo e del ministro del Lavoro Nunzia Catalfo sulla questione sebbene sia effettivamente un elemento da non sottovalutare.

Nel mese corrente, per una regola contenuta nel decreto n.4/2019 convertito nella legge n.26/2019 che ha dato il via al reddito di cittadinanza, moltissime famiglie si troveranno senza sostegno.

Data la crisi pandemica e il diritto di tutti a trascorrere, per quanto possibile, un sereno Natale, forse in molti si aspetterebbero la decisione di non prevedere per dicembre la sospensione.

Tra queste persone ci sarebbero anche coloro che manterrebbero il diritto al sussidio e quindi al rinnovo per la permanenza dei requisiti richiesti.

Come d’altronde ha sottolineato Alleanza contro la povertà in un comunicato di qualche settimana fa, il momento storico che stiamo vivendo che per i beneficiari del reddito di cittadinanza rischia di essere ancora più duro. In una proposta per il governo sul reddito di cittadinanza Alleanza contro la povertà ha chiesto chiaramente che venga eliminato il mese di sospensione per coloro che hanno diritto al rinnovo.

Se il governo andrà a recepire o meno questa indicazione per Natale non lo sappiamo ancora, ma è molto difficile. Non è escluso che questo tuttavia possa accadere in futuro.

Reddito di cittadinanza: a dicembre pagamento in anticipo?

Per il reddito di cittadinanza di dicembre poi non c’è solo la drammatica questione della sospensione, ma anche quella del pagamento in anticipo.

Molti beneficiari per i quali ancora non è prevista la scadenza del reddito di cittadinanza potrebbero infatti chiedersi se, essendo dicembre mese di festività, il pagamento possa essere anticipato al 23 rispetto al solito 27 del mese.

I dipendenti pubblici per esempio ricevono lo stipendio in anticipo con la tredicesima e anche i privati avranno la mensilità aggiuntiva della “gratifica natalizia” prima di Natale.

Lo scorso anno per agevolare anche i percettori del reddito di cittadinanza lo stesso a dicembre è stato corrisposto in anticipo. Non è escluso, dato il precedente, che possa accadere anche quest’anno. Eventualità questa tuttavia che deve essere annunciata e confermata da INPS.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories