Putin vieta la vendita di petrolio ai Paesi del G7, un’arma a doppio taglio?

Lorenzo Bagnato

28 Dicembre 2022 - 09:55

condividi

Con il decreto presidenziale di martedì, Vladimir Putin ha vietato le esportazioni di petrolio verso i Paesi che applicano il price cap. Avrà effetti reali?

Putin vieta la vendita di petrolio ai Paesi del G7, un’arma a doppio taglio?

Con una mossa diplomatica inaspettata e anticipata, il presidente russo Vladimir Putin ha interrotto la vendita di petrolio ai Paesi che applicano il price cap. La notizia arriva questo martedì, circa 20 giorni dopo l’entrata in vigore del limite di prezzo del G7.

Dopo lunghe ed estenuanti trattative, l’alleanza occidentale ha finalmente stabilito un limite di prezzo di 60 dollari al barile per il greggio russo. Questa misura ha lo scopo di privare la Russia delle sue ricche esportazioni di carburante, o almeno di limitare il suo flusso di entrate. 60 dollari al barile erano di circa 30 dollari inferiori al prezzo di mercato quando è entrato in vigore il limite di prezzo.

Ma da quando il prezzo massimo era ancora in gestazione, Putin e il Cremlino hanno annunciato che avrebbero vietato qualsiasi vendita di petrolio a questi Paesi. E ora, con un decreto presidenziale, ha trasformato in legge questa promessa.

«Sono vietate le consegne di petrolio e prodotti petroliferi russi a soggetti e privati stranieri, a condizione che nei contratti di tali forniture sia previsto direttamente o indirettamente l’utilizzo di un meccanismo di fissazione del prezzo massimo»: questo il testo del decreto, che si rivolge specificamente a qualsiasi Paese applichi il limite di prezzo.

Per il momento, l’UE, il G7 e l’Australia sono tutti d’accordo sulla misura. Tuttavia, né la Cina né l’India hanno aderito all’alleanza occidentale.

Cosa significa questo per la Russia

Il divieto di esportazione di petrolio verso i Paesi che applicano il prezzo massimo sarà sicuramente un’arma a doppio taglio per Putin. Un rapporto di Bloomberg di alcuni mesi fa ha mostrato che le importazioni europee di petrolio russo sono diminuite di oltre il 90% nel 2022.

Alla data del rapporto, solo i Paesi Bassi importavano petrolio dalla Russia, mentre il resto del continente si era fermato.

Pertanto, è più che probabile che il mercato europeo sia ufficialmente chiuso per Putin, indipendentemente dal fatto che decida o meno di esportarvi petrolio. Per quanto riguarda il resto dell’alleanza del G7, solo il Giappone corre il rischio di una crisi energetica senza il petrolio russo. Tuttavia, anche lui può trovare fonti diverse e ha già aumentato le importazioni di petrolio dall’Arabia Saudita nel 2022.

Quindi, in fin dei conti, il decreto di Putin non ha causato alcun danno significativo all’Occidente. Sicuramente non più di quanto già previsto dalla crisi energetica.

Per quanto riguarda la Russia, tuttavia, è vero che si trova con un flusso di entrate debilitato, in particolare anche con i discorsi su un prezzo massimo del gas.

L’unica speranza per Putin è che Cina e India continuino ad acquistare petrolio da Mosca. Ma anche questa è un’arma a doppio taglio.

Sia la Cina che (soprattutto) l’India mantengono stretti rapporti con l’Occidente. Ci sono pochi o nessun oleodotto che collega direttamente la Russia a questi Paesi: per il momento l’esportazione di petrolio deve fare affidamento sul trasporto navale.

In sostanza, mentre potrebbe creare buoni titoli nei media russi di propaganda, questo decreto non è altro che una vendetta dispettosa e inutile.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-12-27 19:41:43. Titolo originale: Putin bans Oil Sales to G7 countries, a Double-edge Sword?

Argomenti

# Russia
# India
# Guerra
# G7

Commenta:

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.