Il price cap del G7 non aiuterà l’occidente né danneggerà la Russia, ecco perché

Lorenzo Bagnato

4 Novembre 2022 - 18:44

condividi

Dopo un mese di dibattito, le nazioni del G7 hanno trovato un compromesso per applicare un tetto massimo al prezzo del petrolio russo, ma potrebbe non servire affatto.

Il price cap del G7 non aiuterà l'occidente né danneggerà la Russia, ecco perché

Se ne parla da quasi un mese, ma finalmente gli ingranaggi della burocrazia internazionale hanno iniziato a girare. Reuters ha riferito venerdì mattina che le nazioni del G7 hanno concordato un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo.

Inizialmente, la proposta proveniva da una riunione di ambasciatori dell’Unione Europea, a seguito dell’annessione illegale dei territori occupati in Ucraina da parte della Russia. Tale price cap, tuttavia, sarebbe stato molto più efficace se anche gli Stati Uniti fossero stati a bordo. Pertanto, l’idea è stata portata all’ultimo incontro del G7 e infine approvata.

Alcune nazioni del G7, come la Germania, temevano che un tetto massimo di prezzo avrebbe fatto impazzire i mercati, creando una carenza di petrolio a causa della domanda eccessiva. La soluzione raggiunta dalla riunione del G7 è stata avere un limite massimo anziché fisso. «La coalizione ha concordato che il limite di prezzo sarà un prezzo fisso che verrà rivisto regolarmente anziché uno sconto su un indice», ha riferito Reuters. «Ciò aumenterà la stabilità del mercato e semplificherà la conformità per ridurre al minimo l’onere per i partecipanti al mercato». La fonte esatta non è stata ancora rivelata.

Il limite di prezzo iniziale non è stato deciso e i critici hanno sottolineato che un cambiamento costante di prezzo comporterà più burocrazia e processi più lenti. Inoltre, paesi terzi critici come Cina e India non hanno accettato il limite di prezzo. Pertanto, la Russia sarà ancora in grado di vendere loro petrolio al prezzo di mercato.

Come verrà deciso il tetto al prezzo

Secondo quanto detto finora, il price cap sul petrolio sarà deciso in base al valore del greggio Brent. Il Brent è un riferimento internazionale per il mercato petrolifero. Segue, come ogni libero mercato nel mondo, le leggi della domanda e dell’offerta.

Ciò significa che se la Russia decide di tagliare le forniture di petrolio, il prezzo del petrolio Brent salirà. E se il price cap del G7 è impostato per seguire i prezzi del Brent, anche il tetto al prezzo aumenterà. Quindi, il price cap è non proprio tale, poiché segue ancora i principi di base del libero mercato.

Putin, pertanto, potrebbe ancora utilizzare il price cap del G7 a proprio vantaggio. Se collabora con paesi del Golfo come l’Arabia Saudita potrebbe influenzare il tetto massimo a suo favore. L’Arabia Saudita ha già tagliato le forniture di petrolio all’ultima riunione dell’Opec, aumentando i prezzi e, soprattutto, il benchmark del Brent.

Inoltre, se l’India e la Cina continueranno ad acquistare petrolio dalla Russia, l’intera strategia di price cap del G7 potrebbe fallire. In breve, un limite di prezzo variabile non garantisce la sicurezza per le famiglie occidentali (poiché il prezzo continua a essere volatile) e non danneggia la Russia.

Una reale possibilità di danneggiare la Russia e lo sforzo bellico di Putin era implementare un fisso, reale tetto di prezzo del petrolio. Ma le conseguenze possibili per le economie occidentali hanno fatto fare marcia indietro (alla Germania in particolare).

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il giorno 2022-11-04 13:43:59. Titolo originale: G7 oil price cap won’t help the West nor hurt Russia, here’s why

Argomenti

# Brent
# OPEC
# Russia
# G7

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO