La Russia incassa 24 miliardi di dollari grazie a Cina e India

Violetta Silvestri

6 Luglio 2022 - 13:13

condividi

Cina e India acquistano energia dalla Russia e le casse di Putin si arricchiscono: complici anche i prezzi elevati del gas, le due potenze asiatiche stanno supportando le finanze di Mosca.

La Russia incassa 24 miliardi di dollari grazie a Cina e India

La Russia ha intascato 24 miliardi di dollari vendendo energia a Cina e India in soli tre mesi dopo l’invasione dell’Ucraina.

Questo dimostrerebbe come i prezzi globali più elevati stiano limitando gli sforzi degli Stati Uniti e dell’Europa di punire il presidente Vladimir Putin. E come le relazioni geopolitiche energetiche stiano mutando in modo irreversibile.

Intanto, da Cina e India sono stati sborsati decine di miliardi di dollari nelle casse russe, grazie all’import energetico.

Cina, India, Russia: il prezioso triangolo energetico vale miliardi

I dati doganali - ripresi da Bloomberg - parlano chiaro: la Cina ha speso 18,9 miliardi di dollari in petrolio, gas e carbone russi nei tre mesi fino alla fine di maggio, quasi il doppio dell’importo dell’anno precedente. Nel frattempo, l’India ha sborsato 5,1 miliardi di dollari nello stesso periodo, più di cinque volte il valore di un anno fa. Si tratta di 13 miliardi di dollari in più di entrate da entrambi i Paesi rispetto agli stessi mesi del 2021.

La maggiore spesa sta aiutando a compensare la diminuzione degli acquisti dagli Stati Uniti e da alcune altre nazioni che hanno interrotto o rallentato l’import per punire la Russia per la guerra. I divieti hanno fatto salire i prezzi delle forniture alternative e stimolato un’inflazione paralizzante, che minaccia di mandare in recessione le principali economie.

In questa cornice, cinesi e indiani si stanno facendo notare per i loro affari con i russi.

“La Cina sta già acquistando essenzialmente tutto ciò che la Russia può esportare tramite gasdotti e porti del Pacifico, ha affermato Lauri Myllyvirta, analista capo presso il Center for Research on Energy and Clean Air, che ha monitorato i flussi energetici russi dallo scoppio della guerra. “L’India è stata il principale acquirente dei carichi dall’Atlantico che l’Europa non vuole più”.

In termini di volume, le importazioni cinesi hanno continuato a crescere lentamente a giugno, mentre l’India potrebbe essere incentivata ad aumentare ulteriormente gli acquisti nei prossimi mesi, quando entrerà in vigore il divieto dell’Unione europea sul petrolio russo, ha affermato Myllyvirta.

L’energia russa cambia rotta

La Russia ha relazioni commerciali e strategiche di lunga data con Cina e India e, oltre a offrire forti sconti sui prezzi, accetta anche pagamenti in valuta locale per aiutare a mantenere forti i flussi commerciali.

Pechino è il più grande importatore di energia al mondo e ha gasdotti dedicati per petrolio e gas siberiani.

L’aumento della spesa dell’India dopo la guerra è stato molto più netto, poiché non condivide un confine terrestre con la Russia e i suoi porti sono normalmente troppo lontani per una navigazione economicamente efficiente. Il Paese ha speso 8,8 miliardi di dollari per le importazioni di petrolio e carbone dal 24 febbraio al 30 giugno, più di quanto ha sborsato per tutte le merci russe per l’intero anno nel 2021, secondo un funzionario del ministero del Commercio.

Oltre ai grandi balzi nell’import di petrolio e carbone, l’India ha anche importato tre carichi di gas naturale liquefatto russo dall’inizio della guerra, rispetto a uno nello stesso periodo dell’anno scorso, secondo i dati di localizzazione delle navi di Bloomberg.

Le rotte stanno cambiando, ma l’energia russa continua a viaggiare a prezzi elevati.

Argomenti

# Russia
# India

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.