Il prezzo del Bitcoin è crollato a $8.000

Il prezzo del Bitcoin è crollato improvvisamente di oltre mille dollari: l’accaduto e le possibili motivazioni

Il prezzo del Bitcoin è crollato a $8.000

Il prezzo del Bitcoin ha lasciato a bocca aperta nelle ultime, concitate ore di trading.

Dopo aver abbandonato i $10.000 faticosamente riconquistati, la quotazione è crollata ancora e si è riportata poco sopra gli $8.000 per la prima volta da giugno scorso.

Il tonfo non è stato soltanto imponente, ma anche improvviso. Nell’arco di 60 minuti (dalle 21:40 circa in poi), il prezzo del Bitcoin è affondato da quota $9.400 circa a quota $8.200.

Al seguente link l’analisi tecnica dell’Ufficio Studi di Money.it

Prezzo del Bitcoin affonda a $8.000

Il tonfo della quotazione, secondo alcuni analisti, potrebbe essere stato esacerbato dalle margin call e dalle liquidazioni di contratti avvenute su Bitmex e riportate da Coindesk.

A ciò si aggiunga poi che il lancio del future su Bakkt - inizialmente considerato un possibile catalizzatore rialzista per il prezzo del Bitcoin - ha deluso tutte le attese del mercato e non ha dato vita allo slancio atteso.

Qui la flessione del BTCUSD nelle ultime ore di trading

Quotazione Bitcoin e hash rate: quale relazione?

Nel corso degli anni molti osservatori di mercato hanno fatto notare come ad un aumento del prezzo del Bitcoin sia corrisposto un incremento dell’hash rate. Quest’ultimo non è altro che un’unità di misura con la quale si indica la potenza della rete.

Per dirla in altre parole, l’hash rate ci dice quante operazioni il network riesce a effettuare: un dato a 10 Th/s sta ad indicare che la rete è in grado di realizzare un trilione di calcoli ogni secondo.

L’hash rate e il prezzo del Bitcoin hanno spesso viaggiato all’unisono ed è per questo che, quando il primo è decollato salendo verso i 100 Th/s, in molti hanno iniziato a formulare ottimistiche previsioni sull’andamento della quotazione.

Il balzo però non c’è mai stato (almeno fino ad ora) e mentre il BTCUSD è scivolato ben sotto i $10.000, l’hash rate è praticamente crollato su quota 67 Th/s (al momento è risalito a 90 circa).

Eppure, la parte ottimista del mercato non si è data per vinta. Secondo alcuni l’hash rate schizzerà a 120 Th/s entro la fine dell’anno. Una salita così evidente potrebbe permettere al prezzo del Bitcoin di registrare nuove e interessanti performance.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Bitcoin

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.