Piattaforma per la cessione del credito aggiornata da febbraio 2022: le novità in arrivo

Rosaria Imparato

31 Gennaio 2022 - 10:10

condividi

Piattaforma dell’Agenzia delle Entrate aggiornata dal 4 febbraio 2022, mentre dal 7 entrano in vigore le nuove regole sulla cessione del credito: vediamo le novità della manovra e del Sostegni ter.

Piattaforma per la cessione del credito aggiornata da febbraio 2022: le novità in arrivo

La piattaforma per la comunicazione della cessione del credito e dello sconto in fattura verrà aggiornata da febbraio con quanto introdotto dalla legge di Bilancio 2022, ma non sono finite qui le novità.

Non solo sarà (finalmente) possibile procedere con le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate delle opzioni alternative alla detrazione, adempimento che fino a ora è rimasto bloccato. Cambiano, infatti, molte regole specifiche della cessione del credito.

La certezza è arrivata con la pubblicazione del decreto Sostegni ter in Gazzetta Ufficiale: vediamo le novità in arrivo sulla cessione del credito per febbraio 2022.

Piattaforma per la cessione del credito aggiornata da febbraio 2022: le FAQ delle Entrate

La prima notizia riguarda il ripristino del normale funzionamento della piattaforma per la cessione del credito e lo sconto in fattura, che avverrà il 4 febbraio, con l’implementazione delle novità introdotte dalla legge di Bilancio 2022.

Ne dà notizia l’Agenzia delle Entrate con il comunicato stampa del 28 gennaio, col quale viene annunciato anche l’aggiornamento delle FAQ relative ai bonus edilizi.

Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del 28 gennaio 2022
Bonus edilizi - Dal 4 febbraio aggiornato il canale per la comunicazione dell’opzione. Alcune Faq forniscono primi chiarimenti in merito alle novità introdotte dalla legge di Bilancio

Dal 4 febbraio, quindi, i cittadini potranno nuovamente riprendere a inviare le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate per la cessione del creduto e lo sconto in fattura esercitate per gli interventi di importo non superiore a 10mila euro e per i lavori in edilizia libera, senza necessità del visto di conformità. Per il bonus facciate e il superbonus 110%, invece, rimane intatto l’obbligo del visto di conformità.

Sempre dal 4 febbraio sarà possibile inviare la comunicazione relativa alle spese sostenute nel 2022, a eccezione degli interventi relativi all’abbattimento delle barriere architettoniche. Per questo tipo di intervento è stata introdotta una nuova detrazione in legge di Bilancio, pari al 75% delle spese sostenute.

Piattaforma Agenzia delle Entrate, come cambia la cessione del credito da febbraio 2022

Sono parecchie le novità sulla cessione del credito nella prima settimana di febbraio 2022. Dal 4, abbiamo detto, riprendono le operazioni di cessione del credito e sconto in fattura con l’aggiornamento di quanto previsto in manovra. Dal 7 febbraio, però, entra in vigore un’altra la novità, introdotta dal decreto Sostegni bis: sarà possibile cedere il credito una sola volta.

Il decreto Sostegni ter mette fine alla cessione pressoché infinita dei crediti fiscali, modalità che da un lato ha reso particolarmente conveniente i bonus (non solo edilizi, ma anche per l’affitto o la sanificazione degli ambienti) e dall’altro ha messo in atto una pericolosa impalcatura di frodi e attività di riciclaggio.

I crediti che alla data del 7 febbraio sono stati già oggetto di una cessione del credito o dello sconto in fattura potranno essere ceduti solo un’altra volta ad altri soggetti, banche e intermediari finanziari compresi.

Il decreto, quindi, consente una sorta di cessione jolly. Inoltre, chi effettua la cessione prima del 7 febbraio avrà un credito di maggior valore, proprio perché ulteriormente trasferibile. Situazione diversa per chi invia la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dopo il 7 febbraio, perché trasmette un credito non ulteriormente cedibile.

Iscriviti a Money.it