Nuovo decreto Covid, ecco le regole: cosa cambia per scuola, quarantena e dose booster

Giorgia Bonamoneta - Stefano Rizzuti

02/02/2022

02/02/2022 - 19:57

condividi

Il Consiglio dei ministri convocato per oggi, 2 febbraio, introduce nuove regole anti-Covid: ecco cosa cambia per scuola, quarantena, dose booster, green pass e per i positivi asintomatici.

Nuovo decreto Covid, ecco le regole: cosa cambia per scuola, quarantena e dose booster

Il Governo ha approvato il nuovo decreto anti-Covid. La notizia arriva tramite l’Ansa, da fonti interne, con ancora il Consiglio dei Ministri in corso. Sono arrivate le nuove misure, come preannunciato dai dibattiti di questi giorni, per un graduale ritorno alla normalità sulla scia europea. Le novità principali riguardano la scuola, la durata del green pass e le restrizioni per i vaccinati in zona rossa.

Anche per problemi puramente tecnici, come la diminuzione della durata del green pass alle porte per molti italiani vaccinati con la terza dose, ma prima degli altri, si è scelto di adottare l’ipotesi del green pass illimitato. Questo vale però solo per chi si è contagiato dopo due dosi ed è guarito o per chi ha completato il ciclo di vaccinazione con anche la terza dose.

Infine la scuola, altro punto caldo e per la quale cambiano le regole sulla quarantena e la dad. La Lega non vota, perché “si discriminano i bambini non vaccinati”, mentre per Draghi questa è una svolta per riaprire il Paese.

Le tappe verso il nuovo decreto Covid

Prima del Consiglio dei ministri, convocato alle ore 16, si attendeva un parere del Comitato tecnico scientifico. La riunione si è tenuta alle 12 e il tema principale di discussione è stato proprio quello della scuola. Dopo il parere degli esperti il Governo ha aperto un confronto con le Regioni, che chiedevano da tempo una revisione del sistema di isolamento per gli alunni sintomatici e asintomatici, per poi passare alla riunione a Palazzo Chigi.

Green pass illimitato con la dose booster

Il Governo ha deciso di prorogare la validità del green pass per i vaccinati con tre dosi. Chi ha il booster, quindi, avrà una certificazione verde di durata illimitata. Anche se, ovviamente, si potrà valutare un’eventuale modifica nel momento in cui si deciderà se servirà o meno la quarta dose (magari come richiamo annuale, seguendo l’esempio del vaccino anti-influenzale).

Il green pass illimitato sarà disponibile per:

  • chi è guarito dal Covid-19 e ha almeno due dosi di vaccino;
  • chi ha completato il ciclo di vaccinazione, compresa la terza dose di richiamo (booster).

Il sistema a colori e lo stato d’emergenza

Confermata la divisione tra colorazione, ma cambiano le regole per la zona rossa. Sappiamo che nelle zone rosse varranno le restrizioni, cioè il lockdown, solo per i non vaccinati. Per i vaccinati in pratica non esistono più differenze tra le colorazioni delle Regioni.

Sullo stato d’emergenza, invece, non è stata presa una decisione oggi, ma si dovrebbe aprire la discussione presto. Il 31 marzo 2022, data in cui in teoria termina l’emergenza coronavirus, potrebbe essere chiuso questo capitolo per passare a una gestione ordinaria.

Più libertà per i positivi asintomatici?

Per i positivi asintomatici ancora non ci sono state conferme sulle libertà di movimento. Potrebbe essere una decisione da valutare in futuro; cioè quella di concedere libero movimento ai positivi asintomatici tra qualche settimana (quando le terapie intensive si saranno svuotate) o più avanti nel tempo, comunque entro l’estate.

Al momento però non ci sono conferme, se non quanto affermato da Mario Draghi. Fan ben sperare l’intento dichiarato in apertura del Consiglio dei Ministri dallo stesso Draghi, ovvero:

Nelle prossime settimane andremo avanti su questo percorso di riapertura. Sulla base dell’evidenza scientifica, e continuando a seguire l’andamento della curva epidemiologica, annunceremo un calendario di superamento delle restrizioni vigenti.

Le nuove regole a scuola

Per la scuola cambia tutto, anche in risposta a quanto richiesto da Regioni, presidi, professori e gli stessi studenti. L’obiettivo è quello di limitare quanto più possibile il ricorso alla dad. La didattica a distanza scatterà solo per gli studenti non vaccinati o guariti e durerà al massimo 5 giorni.

Quando scatta la dad:

  • per i bambini 0-6 anni la dad scatta in presenza di 5 positivi per tutti perché non sono vaccinabili e sono in classe senza mascherina;
  • per la scuola primaria la dad scatta con 5 casi positivi in classe:
  • per la scuola secondaria la dad scatta con 2 positivi in classe.

La quarantena passa da 10 a 5 giorni per i contatti stretti di un positivo per i non vaccinati, mentre per i guariti e i vaccinati non scatta alcuna quarantena.

Vaccini e tamponi per i turisti: cosa cambia?

Il settore turismo aveva chiesto di aggiornare le linee di recezione dei turisti e chiarire i dubbi in merito ai diversi tipi di vaccinazione dei viaggiatori, che alle volte non combaciano con le regole italiane.

Così il Consiglio dei Ministri ha deciso che per gli stranieri che arrivano in Italia per turismo serve un cambiamento. Infatti se i viaggiatori hanno ricevuto la vaccinazione con termini diversi da quelli italiani, potranno accedere ai servizi per i quali serve il green pass grazie a un tampone extra.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO