Non solo caos Regno Unito: la settimana terribile dell’economia

Violetta Silvestri

01/10/2022

01/10/2022 - 13:09

condividi

La settimana appena archiviata ha lasciato il segno: le turbolenze finanziarie innescate dal Regno Unito si sono aggiunte a segnali di incertezza da Eurozona, Cina, Stati Uniti.

Non solo caos Regno Unito: la settimana terribile dell'economia

Si è conclusa una settimana pessima per mercati e scenari economici mondiali.

Le turbolenze nel Regno Unito hanno scosso asset e obbligazioni globali quando il Governo di Liz Truss ha annunciato un imponente piano per tagli fiscali, portando la sterlina a un minimo storico e spingendo la Banca d’Inghilterra a intervenire.

Tuttavia, eventi non rassicuranti per le sorti dell’economia mondiale si sono succeduti in diverse regioni: dall’inflazione record in Germania e in Eurozona, fino agli uragani negli Usa e al rallentamento della Cina, il pianeta trema. Banche centrali aggressive restano protagoniste. Cosa è successo in questa drammatica settimana.

Europa in tilt: inflazione e Regno Unito in focus

La Gran Bretagna sta vivendo una crisi finanziaria che minaccia di accelerare il crollo dell’economia nella recessione. Da quando in settimana il Governo ha annunciato i maggiori tagli alle tasse dal 1972 con scarsi dettagli su come saranno finanziati, la sterlina è crollata al livello più basso di sempre rispetto al dollaro, il costo dell’assicurazione del debito pubblico britannico contro il rischio di insolvenza è salito al livello più alto dal 2016 e la Banca d’Inghilterra è stata costretta a intervenire tra le preoccupazioni per i fondi pensione della nazione.

Inoltre, il danno economico derivante dalla chiusura dei flussi di gas russi si sta accumulando rapidamente in Europa e rischia di eclissare l’impatto della crisi finanziaria globale. Basandosi su un modello del mercato energetico e dell’economia europea, il caso base di Bloomberg Economics è ora un calo dell’1% del prodotto interno lordo e la contrazione potrebbe arrivare fino al 5% se i membri dell’Unione europea non riuscissero a condividere in modo efficiente le scarse forniture di carburante.

In Germania, la fiducia delle imprese è ulteriormente peggiorata a causa delle crescenti preoccupazioni sulle forniture energetiche e dell’inflazione record al 10%. Un indicatore delle aspettative dell’istituto Ifo è sceso ai minimi da aprile 2020.

In più, la crisi economica della zona euro si è intensificata con la prima lettura in assoluto di inflazione a due cifre, esercitando pressioni sulla Banca centrale europea affinché continui ad aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo.

Commercio mondiale: i segnali da Cina e Usa

I principali porti e strutture ferroviarie nel sud-est degli Stati Uniti hanno interrotto le operazioni mentre l’uragano Ian - uno dei più forti che abbia mai colpito il Paese - si dirige a nord, causando interruzioni lungo il percorso e provocando un altro colpo per le catene di approvvigionamento già tese.

Il costo della spedizione di merci dalla Cina, intanto, è crollato al livello più basso in più di due anni mentre l’economia mondiale inciampa, oscurando le prospettive per i portacontainer.

La ripresa economica della Cina ha vacillato a settembre, con i blocchi Covid che hanno continuato a frenare la spesa dei consumatori e con un mercato immobiliare ancora in difficoltà, nonostante il maggiore sostegno della banca centrale.

I primi dati ufficiali di settembre hanno indicato che, mentre il settore manifatturiero è leggermente migliorato, il settore dei servizi si è contratto per la prima volta da maggio poiché i focolai di virus e la politica Covid Zero continuano a pesare sui consumi.

Il mondo alle strette: stime in calo

Il mondo nel suo insieme è stato scosso dalla guerra in Ucraina, secondo l’OCSE, che ha tagliato quasi tutte le previsioni di crescita per il Gruppo dei 20 il prossimo anno, anticipando anche ulteriori rialzi dei tassi di interesse. L’economia globale si espanderà solo del 2,2% nel 2023, ha affermato l’organizzazione con sede a Parigi.

L’Ungheria ha concluso il ciclo di stretta monetaria più aggressivo dell’Ue con un aumento dei tassi di interesse maggiore del previsto. Anche i banchieri centrali di India e Messico hanno aumentato i tassi, così come diverse nazioni africane, tra cui Nigeria, Kenya e Mozambico.

Nei mercati emergenti, il tasso di povertà dell’Argentina è rimasto al di sopra del livello pre-pandemia nella prima metà di quest’anno, poiché l’inflazione elevata ha eroso i benefici della ripresa economica del paese. Sebbene la povertà sia scesa dal 2020, i suoi progressi sono in ritardo rispetto alla ripresa generale dell’economia, compreso un tasso di disoccupazione al livello più basso almeno dal 2016.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.