In Cina prosegue la crisi, a Wall Street è tonfo con l’alert su Apple

Violetta Silvestri

30/09/2022

02/12/2022 - 15:03

condividi

I mercati soffrono le troppe incertezze della finanza e dell’economia globale: dalla debolezza della crescita della Cina al tono sempre più aggressivo della Fed fino ai guai energetici dell’Europa.

In Cina prosegue la crisi, a Wall Street è tonfo con l'alert su Apple

Le azioni asiatiche si avviano al peggior mese dall’inizio del Covid, mentre persistono i nervosismi sui mercati valutari e obbligazionari per i discorsi aggressivi delle banche centrali, le preoccupazioni per una recessione globale e l’aumento del rischio geopolitico.

Gli indici Usa sono crollati nella sessione di giovedì, con l’S&P 500 che ha toccato un nuovo minimo per l’anno e e uno di chiusura, scivolando di oltre il 2%. Apple, declassata nelle stime di Bank of America, ha trascinato al ribasso il Nasdaq.

Il Cboe Volatility Index è stato ben oltre il livello 30 per quasi tutta questa settimana, riflettendo l’accresciuta preoccupazione tra gli investitori azionari. Negli ultimi giorni, un altro gruppo di funzionari della Federal Reserve ha assunto un tono aggressivo sui tassi, l’inflazione tedesca ha superato il 10% e il piano fiscale del Governo britannico ha continuato a pesare sul sentiment del mercato.

La Cina oscilla tra segnali di crisi e di ripresa

A pesare sugli scambi asiatici c’è l’incertezza sulla crescita cinese.

L’attività industriale della Cina ha registrato uno slancio a settembre, ma un rallentamento della crescita del settore dei servizi e un’indagine negativa sul comparto manifatturiero privato hanno indicato un ulteriore raffreddamento, mentre l’economia è alle prese con i freni Covid e l’indebolimento della domanda globale.

L’indice ufficiale dei gestori degli acquisti del settore manifatturiero cinese (PMI) è salito a 50,1 a settembre dal 49,4 di agosto, ha affermato venerdì l’Ufficio nazionale di statistica (NBS), battendo le aspettative.

Il ritorno alla crescita dell’indice, dopo due mesi di contrazione, è stato favorito dalle recenti misure di allentamento, ma l’indagine privata Caixin ha mostrato che l’attività delle fabbriche è crollata più rapidamente a settembre e l’indagine ufficiale ha mostrato una frenata della crescita dell’attività nel settore dei servizi.

I segnali che la Cina sta lottando per riguadagnare trazione dopo aver evitato la contrazione nel secondo trimestre, potrebbero aumentare le preoccupazioni per una recessione globale, con le principali banche centrali che si dirigono nel più aggressivo round di rialzi dei tassi degli ultimi decenni.

Da evidenziare, che il sondaggio privato Caixin ha mostrato che l’attività delle fabbriche si è contratta a un ritmo più marcato a settembre, con gli indici di produzione, nuovi ordini e occupazione tutti in calo a causa della debole domanda. L’indagine copre in genere le aziende più piccole e orientate all’esportazione.

I rilasci arrivano quando lo yuan ha raggiunto il suo livello più debole dalla crisi finanziaria globale nel 2008 questa settimana, anche se la Banca popolare cinese (PBOC) ha reso le scommesse contro lo yuan più costose e ha messo in guardia dal commercio speculativo della valuta.

Mercati: sta per concludersi una settimana difficile

Mentre si scrive, l’Asia si appresta a chiudere una seduta non positiva, con il solo recupero della piazza di Hong Kong. Tutti gli altri indici principali sono in perdita.

L’indice del dollaro è in lieve calo, con il biglietto verde che ha oscillato tra guadagni e perdite rispetto alle principali valute, inclusa la sterlina, poiché gli investitori hanno valutato i rischi derivanti dalla crisi del debito che attanaglia il Regno Unito. I rendimenti del Tesoro sono stati poco modificati.

Nella notte, il Nasdaq 100, pesantemente tecnologico, è sceso di quasi il 4% durante la sessione dopo che il presidente della Fed di St. Louis James Bullard ha affermato che gli investitori hanno ora capito che non possono sfuggire a ulteriori aumenti dei tassi nei prossimi mesi.

L’indice è stato trascinato al ribasso da Apple, che è scesa dopo un downgrade degli analisti da Bank of America. Gli esperti hanno indicato diversi rischi, incluso un ciclo di acquisto più debole associato all’iPhone 14 che Apple ha rilasciato questo mese. Un giorno prima, un rapporto affermava che la società aveva annullato il suo piano per aumentare la produzione di iPhone di 6 milioni di unità nella seconda metà dell’anno.

Timothy Moe, chief equity strategist Asia-Pacifico di Goldman Sachs, ha commentato su Reuters: “La triade preoccupante di tassi in aumento, crescita rallentata e dollaro forte si è intensificata. Riduciamo ulteriormente le nostre previsioni e stimiamo una performance regionale sostanzialmente piatta nei prossimi due trimestri con rendimenti migliori su una visione di 12 mesi.”

“L’aumento dell’incertezza e dei rischi - e i tassi di interesse più elevati - vedono logicamente una maggiore volatilità nei mercati finanziari. Anche i paesi del G7 ora operano come mercati emergenti”, ha affermato Jan Lambregts, responsabile dell’economia globale e delle ricerche di mercato di Rabobank. “In effetti, i mercati ora vedono anche una gamma molto più ampia di possibili risultati quando si tratta di FX e movimenti dei tassi.”

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO