Nessun accordo trovato sul price cap del petrolio russo. Negoziati G7 e UE proseguiranno

Lorenzo Bagnato

25/11/2022

02/12/2022 - 14:21

condividi

Il controverso price cap del petrolio russo è finalmente arrivato. Tutti i Paesi del G7 e dell’Ue a bordo, ma servirà a uno scopo reale?

Nessun accordo trovato sul price cap del petrolio russo. Negoziati G7 e UE proseguiranno

Se ne parla da mesi, ma l’Unione Europea e il G7 non sembrano essere d’accordo su un prezzo massimo per il petrolio russo. Il provvedimento, che dovrebbe entrare in vigore il 5 dicembre, fa parte degli ultimi pacchetti di sanzioni contro la Russia.

Ieri i diplomatici Ue si sono riuniti per discutere il prezzo finale, ma non è stato raggiunto un accordo. Martedì, le voci hanno rivelato che il prezzo finale sarebbe stato di circa 65-70 dollari al barile. Nel frattempo, il prezzo di mercato del Brent per il petrolio era leggermente inferiore a 90 dollari al barile, anche se è diminuito nel corso della giornata durante i negoziati.

I negoziati si sono interrotti perché alcuni Paesi hanno ritenuto che il prezzo fosse troppo alto.

«Non stai riducendo le entrate russe. Stai potenzialmente scongiurando un’interruzione del mercato, ma non stai definanziando Vladimir Putin», ha affermato lo stratega Helima Crop. Una visione condivisa da molti Paesi dell’Europa orientale, che non vogliono superare i 50 dollari al barile.

Ma in ogni caso, la Russia ha già affermato che non venderebbe petrolio alle nazioni che applicano il limite di prezzo. Le sue esportazioni verso il mercato europeo sono già crollate del 90% dall’inizio dell’anno (Bloomberg) ed è improbabile che tornino indietro.

Fondamentalmente, il limite di prezzo include anche venditori di terze parti. Le nazioni non possono comprare il petrolio russo per rivenderlo a prezzo di mercato, come inizialmente si temeva sarebbe successo. In particolare, gli alleati occidentali temevano che Cina e India implementassero questa strategia, in quanto entrambi grandi importatori di petrolio russo.

Che succede ora

Se l’Ue e il G7 raggiungeranno finalmente un accordo sul prezzo massimo, resta da vedere quanto sarà efficace. In effetti, l’Europa era il più grande acquirente di Mosca prima della guerra, rappresentando metà delle esportazioni di combustibili fossili della Russia.

Senza l’Europa, la Russia guardava a est, alla Cina e all’India. I Paesi più popolosi della Terra, entrambi sottoposti a un massiccio processo di industrializzazione che coinvolge tonnellate di petrolio. Sembrava che la Russia avesse trovato l’El Dorado e non avesse più bisogno dell’Europa, ma si sbagliava.

Prima di tutto, né la Cina né l’India hanno buoni collegamenti con la Russia. Tutti i principali oleodotti collegano la Russia con l’Europa, lasciando poco o nessun collegamento con l’Asia. Certo, si possono costruire oleodotti, ma per il momento la Russia spedisce petrolio in Cina e in India via mare. Un metodo costoso e lento.

Inoltre, Cina e India potevano ora decidere il prezzo che desiderano. Secondo un rapporto di Yale, entrambi hanno acquistato petrolio a un terzo del prezzo che la Russia teneva in Europa.

E la Cina, il più grande importatore attuale della Russia, non è affatto un alleato affidabile. In effetti, martedì la Cina ha deciso di arrestare le importazioni di petrolio dalla Russia per il momento, in attesa di vedere quale sarebbe il prezzo massimo.

Dopo che il price cap sarà rivelato, la Cina dovrà decidere se gli Usa offrono un prezzo migliore rispetto alla Russia. Il Cremlino perderebbe il suo più grande acquirente (di nuovo) o venderebbe petrolio per un accordo. In entrambi i casi una grossa perdita di introiti.

La Russia potrebbe essere sul punto di scoprire quanto può essere veramente costosa una guerra.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-24 17:14:42. Titolo originale: No Agreement found on Price Cap on Russian oil. EU, G7 negotiations will Continue

Argomenti

# Russia
# Guerra
# G7

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.