La Cina sospenderà le importazioni di petrolio dalla Russia. Russia in gravi difficoltà dopo il price cap del G7

Lorenzo Bagnato

23/11/2022

23/11/2022 - 12:42

condividi

La Cina ha deciso di sospendere le importazioni di petrolio russo e vedere chi ha l’offerta migliore. La Russia potrebbe sicuramente perdere i propri flussi di entrate.

La Cina sospenderà le importazioni di petrolio dalla Russia. Russia in gravi difficoltà dopo il price cap del G7

Quando scoppiò la guerra in Ucraina il 24 febbraio, la Russia scommise tutto sulle sue forniture energetiche. Il mondo non potrebbe vivere senza di loro, ha pensato Putin. Dieci mesi dopo, non solo la Russia ha perso il 90% delle esportazioni di petrolio europee (Bloomberg), ma anche la Cina ha deciso di arrestarle.

Cina e India erano le principali speranze della Russia per non perdere il proprio mercato energetico. Prima della guerra, un buon 60% del Pil russo dipendeva dalle sue esportazioni di petrolio e gas. Con il mercato europeo (che rappresentava l’80% degli scambi russi di combustibili fossili) chiuso, Mosca non aveva altra scelta che guardare a est.

Cina e India sono alcuni dei maggiori importatori di petrolio, una risorsa vitale per alimentare la loro continua industrializzazione. Ora che l’Europa ha tagliato i rapporti con Mosca, la Cina e l’India si trovano nella straordinaria posizione di decidere il prezzo che desiderano.

Dopo che la Russia ha illegalmente annesso i territori occupati dell’Ucraina, l’Unione Europea e il G7 hanno finalmente deciso di impostare un prezzo massimo sul petrolio russo. Questo, si pensava, non avrebbe danneggiato così tanto la Russia perché avrebbe sempre potuto venderlo a Cina e India. Quindi, lo avrebbero rispedito in Europa al prezzo di mercato.

Il price cap del G7, tuttavia, è rivolto a tutte le esportazioni di petrolio russo, comprese quelle provenienti da terze parti. Questa misura era necessaria perché il G7 e l’UE sapevano già che la Cina e l’India non si sarebbero accordate sul prezzo massimo da parte loro. In origine, si pensava che questa mossa avrebbe effettivamente avvantaggiato la Cina. Si scopre che potrebbe ferire di più la Russia.

Cosa ha fatto la Cina

Il prezzo massimo entrerà in vigore il 5 dicembre e la Cina ha deciso di agire immediatamente. Pechino ha deciso di mettere in pausa le importazioni di petrolio dalla Russia per vedere se il prezzo proposto dagli Stati Uniti sarà migliore.

La Cina, infatti, non beneficia più del price cap, in quanto include anche gli acquisti da parte di terzi. Quindi, la loro posizione è perfettamente chiara: andranno a chi ha la migliore offerta.

E con il prezzo massimo al di sotto del benchmark Brent, non è improbabile che il petrolio americano sia più economico. Ciò significherebbe un arresto o almeno una significativa riduzione delle importazioni cinesi di petrolio russo.

E se la Cina decidesse di continuare ad acquistare petrolio dalla Russia, significherebbe che il Cremlino ha offerto le sue risorse per un accordo. In ogni caso, non sembra buono per la Russia.

Per quanto riguarda l’India, anche loro probabilmente vedranno chi offre un affare migliore dopo il 5 dicembre. Al momento stanno riempendo le loro riserve con petrolio russo, e poi decideranno cosa fare.

Se la Cina e l’India decidono di fermare a tempo indeterminato le importazioni di petrolio russo, il Cremlino perderà il suo flusso di entrate principale. Non avrebbero più le stesse risorse per finanziare la guerra. Se, d’altra parte, convincessero la Cina ad acquistare da loro a un prezzo basso, perderebbero comunque tali risorse.

La Russia potrebbe perdere la sua scommessa.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-22 15:00:16. Titolo originale: China to Pause Russian Oil imports. Russia in dire straits after G7 Price Cap

Argomenti

# Russia
# G7

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.