Perché il petrolio può diventare un problema per Putin

Violetta Silvestri

20 Settembre 2022 - 15:20

condividi

Le esportazioni di petrolio russo via mare stanno scendendo, oscurando le previsioni di entrate nelle casse di Putin. Quali prospettive per il greggio della Russia?

Perché il petrolio può diventare un problema per Putin

Le esportazioni russe di greggio marittimo sono diminuite drasticamente nella prima metà di settembre, colpite prima da una tempesta nel Pacifico e poi da un calo delle spedizioni dal Baltico.

I flussi verso i grandi compratori asiatici – Cina e India – non compensano la diminuzione dei volumi per l’Europa. Il petrolio spedito dai porti russi è diminuito di quasi 900.000 barili al giorno in due settimane, con una media di 2,54 milioni di barili al giorno nella settimana fino al 16 settembre, rispetto ai 3,42 milioni nei sette giorni fino al 2 settembre.

Se i carichi non rimbalzano, spiega un’analisi di Bloomberg, il colpo alle entrate del Cremlino dovuto ai minori volumi sarà presto aggravato da un altro calo delle aliquote dei dazi all’esportazione, che dovrebbero scendere del 15% in ottobre. Ciò porterà il reddito per barile al minimo da febbraio 2021, riflettendo sia il calo dei prezzi internazionali del greggio sia uno sconto in aumento per gli Urali rispetto al greggio Brent.

I venti contrari per il presidente Vladimir Putin si stanno rafforzando proprio mentre gli Stati Uniti stanno spingendo gli acquirenti del petrolio russo a sottoscrivere un tetto massimo. Mentre è improbabile che i principali clienti come Cina, India e Turchia avallino il piano, il prezzo massimo potrebbe aumentare il loro potere contrattuale sulla Russia per acquisti futuri.

Cosa sta succedendo al mercato petrolifero russo

Il flusso medio di greggio russo verso l’Europa e il più ampio mercato del Mediterraneo, inclusa la Turchia, nelle quattro settimane fino al 16 settembre è sceso al livello più basso in un mese, mentre le spedizioni verso l’Asia sono diminuite per la seconda settimana.

Inoltre, gli afflussi alla cassa di guerra del Cremlino dai suoi dazi all’esportazione di greggio sono diminuiti per la seconda settimana, scendendo al minimo di 12 settimane di $126 milioni nei sette giorni fino al 16 settembre. Le aliquote delle tariffe all’export dovrebbero diminuire nuovamente in ottobre, scendendo del 15% a 6,06 dollari al barile.

Un totale di 23 petroliere hanno caricato 17,8 milioni di barili di greggio russo nella settimana fino al 16 settembre, secondo i dati di localizzazione delle navi e i rapporti degli agenti portuali. La cifra è scesa di 1,8 milioni di barili, il volume più basso in otto settimane.

Dicembre mese di prova per il greggio russo

A dicembre, la fornitura di petrolio russo potrebbe crollare di oltre un milione di barili al giorno dopo l’entrata in vigore dell’embargo dell’Ue sulle importazioni di petrolio russo via mare. A febbraio, un altro milione di barili al giorno potrebbe quindi andare offline a causa dell’embargo europeo sui combustibili.

Circa la metà della fornitura russa che dovrà trovare nuovi acquirenti potrebbe essere dirottata in Asia e Medio Oriente questo inverno, secondo una ricerca della società di dati energetici Kpler citata da Bloomberg.

Secondo le stime di Kpler, circa 1 milione di barili al giorno di petrolio russo potrebbe andare in alcuni Paesi del Medio Oriente e in Indonesia, Pakistan e Sri Lanka in Asia, nonché in Brasile e Sud Africa.

Se ciò accadesse, ci sarebbe un altro importante cambiamento nei flussi del commercio mondiale di petrolio. L’Indonesia potrebbe sostituire parte del petrolio che sta attualmente importando dalla Nigeria, membro dell’OPEC, mentre il Pakistan potrebbe importare volumi inferiori di Arab Light, la qualità di greggio di punta del principale produttore dell’OPEC e il più grande esportatore mondiale di petrolio greggio, l’Arabia Saudita, afferma la società di ricerca energetica.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.