Isole Covid-free in Italia: quali sono e quanti vaccini hanno fatto?

condividi

Capri è Covid-free, mentre altre isole italiane si preparano a diventarlo grazie al piano del Governo che prevede una campagna di vaccinazione di massa. Ecco quali sono e quando riaprono.

Isole Covid-free in Italia: quali sono e quanti vaccini hanno fatto?

Anche l’Italia, sul modello della Grecia, ha deciso di creare delle isole Covid-free, ideando un piano di vaccinazione diverso per queste zone, in modo da immunizzare le isole minori. Una proposta per riuscire a far ripartire in sicurezza il turismo in queste aree, su cui l’economia di queste zone è fortemente basata.

“Non ci sono solo cittadini fragili, ma anche territori fragili”, ha ricordato il sindaco di Lipari (Eolie) Marco Giorgianni. Proprio per questo il programma di vaccini a tappeto nelle isole inizia prima che sul territorio nazionale.Le vaccinazioni di questo programma continuano e venerdì 7 maggio si passa alla vaccinazione a tappeto delle isole di Capraia e le Eolie, per poi proseguire con le altre piccole isole del nostro territorio. Di seguito vediamo nel dettaglio i territori coinvolti in questo piano vaccinale e a che punto siamo.

Isole Covid-free in Italia: quali sono?

Il commissario straordinario per l’emergenza, Francesco Figliuolo, ha annunciato da tempo la strategia per introdurre delle isole Covid-free, su modello Grecia, anche in Italia, tramite la “pianificazione relativa alla predisposizione organizzativa per l’effettuazione della campagna vaccinale a favore della popolazione nelle isole minori”. Ora il programma entra nel vivo, grazie soprattutto alle nuove forniture di vaccini.

Questa strategia non sarà però adottata su tutte le isole, ma soltanto in quei territori che offrono la giusta garanzia di sicurezza, in termini di presidio medico adeguato e strutture sanitarie sufficienti.
L’obiettivo è mettere in sicurezza tutte le isole minori svantaggiate e permettere ai lavoratori stagionali di riprendere l’attività in serenità. Per implementare questa iniziativa verrà sfruttato il siero vaccinale monodose di Johnson & Johnson.

La prima isola ad essere coinvolta in questo programma è Procida, nel golfo di Napoli, dove la campagna vaccinale di massa è iniziata il 28 aprile. Ad oggi, con il 92% della popolazione vaccinabile che ha ricevuto l’inoculazione, Procida diventa la prima isola italiana Covid-free.
Capri ha raggiunto il suo obiettivo e il governatore De Luca ha annunciato l’8 maggio il completamento dell’immunizzazione.

Ora la Campania si concentra su Ischia. Qui la campagna di vaccinazione di massa è iniziata il 4 maggio con la convocazione degli over 50 e poi procedendo con le altre fasce d’età in ordine decrescente. Le somministrazioni verranno effettuate nei due centri vaccinali siti nei comuni di Ischia e di Forio. Tutta la popolazione dell’isola dovrebbe riuscire essere vaccinata entro la fine di maggio.

Vaccini a tappeto nelle isole pontine

La Regione Lazio ha comunicato che da lunedì 3 maggio sono partite le vaccinazioni della Asl di Latina nelle isole di Ponza e Ventotene, e coinvolgeranno anche i trentenni, come a Procida. Ad oggi si stima che la vaccinazione della popolazione di Ventotene dovrebbe risolversi in un mese, dai 16 anni in su.

Il commento è arrivato dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che a Mattino 5 ha detto: “Il tema è questo e il generale Figliuolo ha cominciato a dirlo, a mio avviso giustamente: quando si è vaccinata la fascia alta d’età, gli over 60-65, si potrà cominciare con target diversi, come le isole”.

Sicilia, inizia la vaccinazione per le isole Covid-free

Mentre la Campania prosegue in modo fluido, lo stesso non si può dire per la Sicilia, la prima a promuovere il programma isole Covid-free prima che scoppiasse la polemica di alcune regioni del Nord, che hanno parlato di “privilegi”.

La Sicilia ha 14 isole minori e qui la questione non riguarda solo il turismo, bensì la capacità del sistema sanitario di gestire casi ed eventuali focolai dovuti al boom di villeggianti.

In Sicilia il programma di vaccinazioni per le isole inizia venerdì 7 maggio con Salina nelle Eolie, per poi proseguire domenica 9 maggio e lunedì 10 con Stromboli, Vulcano, Alicudi e Filicudi. Si stima che nell’arco di due settimane tutte le Eolie dovrebbero essere Covid-free, comprese Panarea e Lipari.
Dalla settimana successiva si inizierà invece con la vaccinazione delle Egadi, anche in questo caso in poco tempo si dovrebbero ottenere le zone Covid-free.

Sfuma invece il sogno di Ustica, isoletta di fronte il capoluogo siciliano,di diventare la prima isola italiana Covid-free, dal momento che il primato è riuscito ad ottenerlo Procida. Al momento e le isole Covid free nelle Eolie sono Salina, Alicudi, Filicudi, Panarea a cui si è aggiunta anche Stromboli, compresa Ginostra. Dal 14 maggio sono iniziate anche le vaccinazioni a Lipari.

Anche a Lampedusa e Linosa è stata avviata la campagna di vaccinazione per tutti gli abitanti. Nei prossimi giorni si passerà poi nelle restanti isole minori della Sicilia per concludersi con Ustica e Pantelleria.

Conclusa la vaccinazione alle Isole Tremiti

Nella giornata del 12 maggio si è conclusa la due giorni di vaccinazioni della popolazione delle Isole Tremiti, in provincia di Foggia, in Puglia. In totale sono 460 abitanti, spiega il sindaco Antonio Fentini, aggiungendo che “abbiamo previsto la vaccinazione non solo per i residenti ma anche per coloro che sono domiciliati per motivi di lavoro”.

Le vaccinazioni sono state svolte dal team sanitario della Marina Militare affiancato degli assistenti sanitari del Servizio di Igiene Pubblica della Asl Foggia. Vito Piazzolla, il direttore generale della ASL Foggia, ha spiegato che “la campagna vaccinale di questi due giorni ci permette di rendere “bianche” queste splendide isole. Ciò consentirà un avvio sereno e in sicurezza della stagione turistica”.

La Maddalena vaccinazioni al via dal 14 maggio

Per quanto riguarda l’isola de La Maddalena in Sardegna, le vaccinazioni degli oltre 7.000 abitanti prenderanno il via venerdì 14 maggio e di dovrebbero concludere nel corso della domenica successiva.

Il vaccino sarà offerto a tutta la popolazione di età superiore ai 16 anni che ancora non ha ricevuto l’iniezione, come previsto dall’accordo per le Isole minori raggiunto con la Struttura Commissariale per l’emergenza Covid.

La situazione nelle Isole della Toscana

Per quanto riguarda le Isole dalla Toscana al momento l’unica isola che può ritenersi Covid Free è quella di Capraia, dove la campagna vaccinale si è conclusa la scorsa settimana.

All’Isola del Giglio manca ancora una data ufficiale, “ma tutto fa pensare che per l’Isola del Giglio la vaccinazione di massa inizierà nel weekend del 21 maggio”, fa sapere Sergio Ortelli, sindaco dell’Isola del Giglio in provincia di Grosseto e vicepresidente nazionale dell’associazione Comuni Isole Minori. Per quanto riguarda l’Isola D’Elba il governatore della regione si augura che la vaccinazione possa partire già dalla fine del mese di maggio.

Isole Covid-free in Europa: quali sono

Grazie alla campagna vaccinale, si inizia a intravedere una luce in fondo al tunnel: gli italiani hanno riacquistato la speranza e puntano all’estate per potersi godere le meritate vacanze.

Nonostante le attuali restrizioni, infatti, già durante il periodo pasquale è stato registrato un boom di partenze negli aeroporti per l’estero, nonostante le regole fissate dal ministero della Salute in merito a tampone e mini quarantena.

In estate, grazie al progetto delle isole Covid-free, viaggiare potrebbe essere più facile e sicuro. In Europa sono due le nazioni che hanno deciso di adottare questa strategia: la Grecia, che è stata la prima, e la Spagna.

In Grecia prosegue la campagna vaccinale per raggiungere l’obiettivo: sono almeno 69 le isole dell’Arcipelago dell’Egeo che puntano a diventare Covid-free, ovvero a vaccinare tutti gli abitanti entro la fine del mese di aprile.

Nella lista delle isole che puntano a diventare Covid-free ci sono sicuramente le Canarie e le Baleari. Ad oggi, per entrare in Spagna non è previsto alcun periodo di quarantena per i turisti in arrivo dall’Italia, ma è necessario effettuare un test molecolare nelle 72 ore precedenti all’arrivo.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it